12 – 15 giugno 2019 “ScienzaPop – Festival della Scienza all’Esquilino” alla Scuola Di Donato

Si svolge a Roma dal 12 al 15 giugno 2019 la prima edizione di “ScienzaPop – Festival della Scienza dell’Esquilino”. Per quattro giorni, nella colorata cornice della scuola “Di Donato”, divulgazione scientifica e partecipazione andranno a braccetto.

ScienzaPop” sta per “scienza popolare”: il festival infatti vuole avvicinare alla scienza il pubblico di grandi e piccoli attraverso la partecipazione. Incontri, dibattiti e laboratori affronteranno questioni che riguardano la vita di tutti i giorni (dal cibo al clima, dai vaccini ai social network, dalla scuola alle bufale) con il rigore degli esperti e ricercatori che le studiano. L’obiettivo è mettere a confronto idee, culture e punti di vista diversi, ma nel rispetto del metodo scientifico. Diversità e dialogo tra culturesono nel Dna del rione Esquilino, in cui convive una popolazione variegata per origine geografica, religione e stile di vita, ma anche della scienza che del confronto tra idee si nutre ogni giorno.

Oltre agli incontri e ai dibattiti, il festival propone laboratori per i più giovani, in cui ragazze e ragazzi dai sei anni in su potranno sporcarsi le mani, imparare e divertirsi facendo gli esperimenti in prima persona. Tutte le attività, laboratori compresi, saranno interamente gratuite. Tutte le informazioni su www.scienzapop.it e su Facebook e Twitter con #ScienzaPop.

INCONTRI E DIBATTITI

Si inizia mercoledì 12 giugno con una conferenza sulla qualità dell’aria dell’Esquilino. L’ingegnere dell’università “Parthenope” di Napoli Giorgio Buonanno racconterà i risultati di un esperimento particolare in cui gli stessi bambini hanno misurato l’inquinamento del centro di Roma. A seguire, lo scrittore e agronomo Antonio Pascale e il giornalista Stefano Liberti, coordinati dal giornalista Pietro del Soldà, metteranno a confronto i lati oscuri dell’agricoltura industriale e del cibo “biologico”, per orientare tutti a scelte di consumo più consapevoli.

La giornata di giovedì 13 giugno sarà dedicata al nostro rapporto con la tecnologia. L’intelligenza artificiale, robot e algoritmi saranno nostri amici o nemici? A discuterne saranno due esperte: la logica e filosofa Teresa Numerico e l’informatica Tiziana Catarci. Dopo di loro, il fisico e studioso delle reti Antonio Scala affronterà il tema dei social network e come fare sì che la libera espressione non si trasformi in abuso, inganno e invasione della privacy.

Venerdì 14 giugno si toccherà il tema dell’educazione. Come parlare di vaccini senza rimanere schiacciati tra le rigidità dei no-vax e la supponenza degli scienziati? Ne parleranno la giornalista Roberta Villa e l’infettivologo Giovanni Rezza dell’Istituto Superiore di Sanità, in un incontro moderato dalla giornalista e autrice Silvia Bencivelli. Sull’insegnamento della matematica, la bestia nera della scuola italiana, verterà l’incontro tra la matematica Nicoletta Lanciano e il “giocologo” Ennio Peres, coadiuvati dall’insegnante e divulgatore scientifico Tommaso Castellani.

La giornata conclusiva di sabato 15 giugno vedrà l’astrofisico Amedeo Balbi e il fisico della materia Stefano Ossicini raccontare le storie e le bufale che hanno segnato lo sviluppo della scienza. Chiuderà il festival la lectio magistralis del fisico teorico Giorgio Parisi, professore dell’Università di Roma “Sapienza” e presidente dell’Accademia dei Lincei.

I LABORATORI PER BAMBINI

ScienzaPop proporrà tantissime iniziative per coinvolgere anche i più piccoli nell’attività scientifica. Ogni giorno, esperienze guidate e laboratori faranno respirare ai bambini l’atmosfera della ricerca.

Il Planetario gonfiabile dell’università di RomaTre permetterà ad astronome e astronomi in erba di viaggiare tra le stelle.

I piccoli scienziati potranno costruire un vero e proprio “microscopio di carta” chiamato FoldScope, che con materiali a basso costo permette a tutti di indagare la realtà nel minimo dettaglio. Grazie ai “mentor” dell’associazione Coderdojo anche il “coding” diventerà un gioco alla portata di tutte le età.

Il Laboratorio di didattica delle scienze dell’Università di Tor Vergata accompagnerà i ragazzi attraverso il lungo viaggio dell’evoluzione, portandoli a toccare con mano gli organi e i tessuti nei loro vari stadi evolutivi.

Il Superocchio farà scoprire il cinema prima del cinema, e le chimiche Valentina Pinto e Flaminia Rondino inviteranno a scoprire il limite tra chimica e magia. L’associazione The Science Zone, infine, condurrà bambine e bambini alla scoperta della fisica dell’acqua e della meteorologia.

QUANDO e DOVE: 12-15 giugno 2019 dalle 17.00 in poi Scuola “Di Donato” – via Bixio 85, Roma

INFO

http://www.scienzapop.it

Facebook @ScienzaPop

Twitter @ScienzaPop

#ScienzaPop

11 giugno 2019 “Belle teste – Gioco d’azzardo e cervello” al Mercato Centrale

Come rendere accessibile a tutti la neuroscienza?
Basta un aperitivo!

Martedì 11 giugno nel nostro #SpazioFare, si parlerà di “Gioco d’azzardo e cervello“, quando l’azzardo è un rischio per la mente.

Dalle 20:30 con:
👉 “Nella mente del giocatore” con Antonio Cerasa, Neuroscienziato Traslazionale;

👉 “Quali norme per l’azzardo” con Matteo Montero, Senatore;

👉 “Cervello o buona sorte?” battle con Marco Iosa e Luca Muzzioli.

Alla connessione neuronale, il team di Belle Teste: Isabella Imbimbo, Marco Feligioni, Massimo D’Angelo.

L’obiettivo di “Belle Teste” è quello di far conoscere al grande pubblico come funziona il nostro cervello, il pretesto è un evento organizzato dal Mercato Centrale Roma e Neurospritz.
Un aperitivo insieme al gruppo di ricercatori delle neuroscienze che, attraverso momenti ludici e scherzosi, faranno divulgazione scientifica avvicinandosi al pubblico in modo interattivo.

Per tutti i partecipanti un calice di prosecco offerto dal Mercato Centrale.

11 giugno 2019 “Selfie” all’Apollo 11


presenta
martedì 11 giugno ore 21.00

Spazio Apollo 11
c/o Itis Galilei ingresso laterale di via Bixio, 80/a
(angolo via Conte Verde) – Roma

Francia/Italia, 2019, 78 min.

Berlinale 2019 – Sezione Panorama
Salina DOC Fest – Premio Lady Wilmar – Finestra Sul Mediterraneo
Luxembourg City Film Festival – Best Documentary

al termine della proiezione
incontro con

il regista
AGOSTINO FERRENTE

con incursioni musicali
a cura degli autori delle musiche del film
CRISTIANO DE FABRITIIS
ANDREA PESCE

in collaborazione con
VALERIO VIGLIAR

Un gesto compulsivo universale si fa forma artistica, riflessione ma soprattutto
film di grande divertimento (…) per il trasporto emotivo che trasmette”
Silvana Silvestri – Il Manifesto

“Lirismo e invenzioni. Un monito e una speranza. Per Napoli e per il cinema”
Fabio Ferzetti – L’Espresso

“Prendete Rossellini, degli adolescenti non attori e dei buoni cellulari:
e avrete un’idea di che film strano e bello ha fatto Agostino Ferrente”
Mario Sesti – Huffington Post

“Un’opera come Selfie di Agostino Ferrente accende sia Napoli che il cinema di una luce nuova”
Daria Bignardi – Vanity Fair

“Un film importante per il cinema italiano e non soltanto”
Emiliano Dal Toso – Ciak

“Poetico, divertente, commovente, sempre ‘vero'”
il Sole 24 Ore

“Di sicuro un film che non lascia indifferenti”
Michele Anselmi – Cinemonitor

“Un antidoto per andare oltre le scorciatoie e gli stereotipi per raccontare Napoli”
Emiliano Morreale – La Repubblica

“Un’opera forte. Un film piccolo, confidenziale, vivo e resistente”
Federico Pontiggia – Il Fatto Quotidiano

“Imperdibile, la prova che, oltre Gomorra, c’è vita”
Fulvia Caprara – La Stampa

“Per chi cerca un film che scavi nella realtà”
Paolo Mereghetti – Io Donna – Corriere della sera

“Un film bellissimo, emozionante, commovente. Da vedere assolutamente”
Alberto Crespi – CSC- Notizie dal Centro

“Penetrante e commovente”
Boyd van Hoeij – The Hollywood Reporter

“Originale e coinvolgente. due fantastici protagonisti”
Jessica Kiang – Variety

“Una delle cose più belle e vive della Berlinale”
Arianna Finos – La Repubblica

“Innovativo… un territorio inesplorato quanto seducente”
Annamaria Pasetti – Il Fatto Quotidiano

“Vero e nuovo. Un film straordinario”
Goffredo Fofi – Internazionale

[www.apolloundici.it/Mail/SELFIE.pdf]Sinossi e Crediti

il trailer

“Sonate Traslocate: per ballare nella piazza che non c’è” Le Danze di Piazza Vittorio al Parco di via carlo Felice – Il programma dell’Estate 2019

Ci saranno in ogni occasione le danze popolari italiane e i baltrad suonati dal vivo, quest’anno abbiamo pensato di associarvi dei temi che riguardano le tradizioni e le ritualità delle feste di altre parti del mondo, il Sudamerica con le danze ancestrali indios della Colombia del sud, con la cumbia, il forró brasiliano e le danze cubane, l’Africa dell’hafla tradizionale e delle afrodiscendenze sparse per il mondo, quindi un ritorno in Europa con le danze greche suonate con la chitarra battente italiana