Archivi tag: MUEF

11 giugno 2021 “Infiniti dialetti” al MuefArtGallery

Venerdì 11 giugno 2021 ore 20
al Muef ArtGallery
si replica lo spettacolo

“Infiniti dialetti”

con
Massimiliano Graziuso e iL Cinetic Trio (Marco Turriziani, Salvatore Zambataro, Mauro De Vita).
 
Aperte le prenotazioni su messanger Facebook
 

4 – 15 giugno 2021 “Siamo ancora vivi” mostra d’arte contemporanea al Muef Artgallery


venerdì 4 giugno 2021 ore 18:30

inaugurazione di

“Siamo Ancora Vivi”


mostra collettiva d’arte contemporanea a cura di

Eliza Winkler e Virgilio Patarini.
La mostra proseguirà fino al 15 giugno dal martedì al sabato dalle 17:30 alle 19:30


E’ obbligatoria la mascherina.
Artisti in esposizione:


23ea84fa9e614565a1ff7540d7f908acbSalvatore Alessi, Alberto Besson, Alessandra Cantamessa, Valentina Anna Carrera, Pierluigi Cattaneo, Vito Carta, Fabio Cuman, Fausta Dossi, Rinaldo Degradi, Daniela Doni, Paola Gamba, Luigina Luzii, Fiorella Manzini, Ezio Mazzella, Chiara Mazzotti, Virgilio Patarini, Michel Patrin, Maria Luisa Ritornoo, Alessandra Sanvitoito, Edoardo Stramacchia, Francesco Tadini.

6 – 15 maggio 2021 “Mutato Nomine” Mostra d’arte al MUEF Art Gallery

6 – 15 maggio 2021
MUEF Art Gallery
MUTATO NOMINE
Nella favola si parla di te
Luisa Valeriani. Opere
 
Per garantire a tutti la visita della mostra in tranquillità e sicurezza
l’evento inaugurale viene programmato in tre date:
– giovedì 6 maggio – h. 19:30
– venerdì 7 maggio – h. 17:30
– sabato 8 maggio – h. 18:30 con un evento speciale dal titolo “Elpìs. Luce tra mito e pietra”
Domenica 9 maggio apertura straordinaria dalle 17:30
Prenotazione obbligatoria
Nel rispetto della normativa nazionale anti-Covid19 è previsto l’uso obbligatorio della mascherina e il rispetto della distanza di sicurezza di 1,80 m.
All’ingresso della galleria misurazione della temperatura e gel igienizzante per le mani. Sono vietati gli assembramenti.
 

29 ottobre 5-12 novembre 2020 “Tuatara Tribe”: 3 incontri online di propedeutica ATS® gratuiti

Tre incontri gratuiti on line di propedeutica sull’ATS®, la parte teorico/pratica che di solito risulta noiosa a lezione, ma fondamentale per strutturare dalle basi il nostro percorso FCBD®Style. In attesa di iniziare serenamente il corso al MuefArtGallery, fai la tua prenotazione riceverai il programma e l’id per la connessione ZOOM.

Carla Turriziani cell. 3391893414

mail: carla.turriziani@virgilio.it

Roberta Sole  cell. 3487508992

mail: muefartgallery@gmail.com


Al MuefArtGallery:
corso di danza FCBD®Style (insegnante Carla Turriziani)
propedeutica musicale per bambini (maestro Marco Turriziani)
corso di chitarra (maestro Marco Turriziani)
corso di pianoforte (maestro Carla Turriziani)

11 ottobre 2020 “Tuatara Tribe” OPen day al Muef Art Gallery

11 ottobre 2020 ore 17,00

Muef Art Gallery

Tuatara Tribe

American Tribal Style ATS®

presentazione corso di danza American Tribal Style e performance della Tuatara Tribe di

Angela Turriziani

prenotazione obbligatoria

10 ottobre 2020 “Infiniti dialetti” al Muef Art Gallery

Sabato 10 ottobre ore 20:30

Muef Art Gallery

Cinetic Trio in concerto e intervento teatrale di Massimiliano Graziuso.

L’entrata è libera ma è obbligatoria la prenotazione per sicurezza COVID19.

Contributo associativo 10€.

348 750 8992

24 settembre 3 ottobre 2020 “Uno sguardo attraverso” Mostra d’arte al MUEF

24 ottobre 3 novembre 2020

MUEF Art Gallery

Uno sguardo attraverso

Mostra d’arte personale

di

Giorgio Piredda

Comunicato stampa


Uno sguardo attraverso
Mostra personale di Giorgio Piredda (1947 – 2017)
A cura di: Francesco Giulio Farachi e Roberta Sole
Organizzazione, coordinamento: Maurizio Bedini
Catalogo: a cura di Francesco Giulio Farachi
MUEF ArtGallery via Angelo Poliziano, 78 / B – 00146 ROMA
24 settembre – 3 ottobre 2020
Orario di apertura dal martedì al sabato h. 17:00 – 20:00
ingresso gratuito
Vernissage: Per garantire a tutti la visita della mostra in tranquillità e sicurezza l’evento inaugurale viene programmato in due date
giovedì 24 settembre – h. 18:30
sabato, 26 settembre – h. 18:30
Carattere schivo e riservato, ma al tempo stesso eccentrico e ingegnoso, Giorgio Piredda (1947 – 2017) per molta parte della sua vita si è dedicato all’arte del vetro, come vetratista e come scultore. La passione per le tecniche di lavorazione del vetro, dalle più tradizionali a quelle più innovative e sperimentali, ha condotto Giorgio lungo un percorso di affinamento, padronanza e ricerca che, attraverso i suoi lavori, ci restituisce la sua peculiare visione artistica. È evidente l’interesse per la scomposizione modulare dell’immagine, interesse che sta nello stesso impianto visivo dell’opera, spesso costruito su regolarità e corrispondenze precise di forme e cromie. Le opere di Giorgio, soprattutto quelle più “scultoree”, cercano principalmente di cogliere la relazione fra luce e materia quando si instaura quella instabile corporeità in cui, con affascinante ossimoro, si perde la definizione fra l’una e l’altra, e tutta la bellezza ed emozione si concentra invece e solo nell’attraversamento del nostro sguardo, senza saper più se sia la luce a darsi corpo e foggia e colore nel vetro, o se piuttosto non sia il vetro a smaterializzarsi fino alla più tersa trasparenza e farsi puro splendore.
Il cuore dell’esposizione consta di una ventina di realizzazioni in vetro e vetrate artistiche, un corpus di opere necessariamente esiguo nella vasta produzione dell’artista (molta parte di essa è ovviamente distribuita in collocazioni e collezioni private). Un breve video, proiettato a ciclo continuo, darà una visione più ampia sul lavoro di Giorgio.
In questa mostra si è voluto dar rilievo a come l’artista abbia lavorato sugli aspetti percettivi e sensibili che devono di fatto costituire l’opera, e per questo, a margine dell’esposizione vetraria, una sezione è dedicata alla professione di fotografo che Giorgio ha svolto negli anni della giovinezza e prima maturità. Nelle sue fotografie, si coglie una linea di ricerca sulla luce, sulle sue incidenze e variazioni, sulle geometriche o astraenti frammentazioni cui sospinge lo sguardo, che trova corrispondenza ideale nei lavori in vetro, anzi una continuazione quasi, come se nell’arte vetraria Giorgio abbia poi trovato la formulazione più precisa di un linguaggio della luce che lo ha da sempre affascinato e coinvolto.

Dal 18 luglio 2020 “Vacanze … Romane” Mostra d’arte contemporanea al MUEF ArtGallery

Vacanze … romane

di bellezza riempiamo i vuoti e la lunga assenza

Mostra d’arte contemporanea

MUEF ART-GALLERY

18 luglio – 1 agosto

25 agosto – 14 settembre

 
Il 18 luglio 2020 alle 18,30 ha inizio l’esposizione
VACANZE… romane
di bellezza riempiamo i vuoti e la lunga assenza
Mostra collettiva d’arte contemporanea
Non ci sarà una inaugurazione vera e propria.
Ligi alle disposizioni governative e al buon senso, il MUEF vi accoglierà con il consueto piacere e una ancor maggiore felicità di rivedervi, ma un po’ alla volta.
Si raccomanda l’uso delle mascherine e il rispetto delle distanze. Gli ingressi in galleria e di visita alla mostra saranno limitati a un massimo di cinque persone per volta e invitiamo tutti a non creare assembramenti nelle vicinanze della galleria.
 
Vi ricordiamo infine che la mostra resterà aperta e visitabile per il periodo estivo, e sono perciò ampie le possibilità per una visita in totale sicurezza e godibilità.
Grazie per la comprensione e collaborazione.
A cura di: Roberta Sole e Francesco Giulio Farachi
Organizzazione e coordinamento: Maurizio Bedini
Al MUEF ArtGallery
via Angelo Poliziano 78/B – 00184 Roma
Dal 18 luglio al 1 agosto
dal 25 agosto al 14 settembre 2020
dal martedì al sabato 18.00 – 20.00 altri orari su appuntamento ingresso gratuito
Apertura: sabato, 18 luglio 2020 – h. 18,30
Artisti partecipanti:
Raffaele Arringoli; Maurizio Bedini; Giovanni Bonfiglio; Armando Casali; Giuliana Cortese; Egidio Cosimato; Dino Cucinelli; Luigi De Cinque; Lucia Di Miceli; Fabio Feliziani; Tetyana Ivashkevych; Claudio R. Marca; Marcello Marcozzi; Maria Luisa Massara; Livia Mazzani; Maria Teresa Migliore; Mauro Molinari; Amalia Mutti; Paola Pavone; Nunzio Solendo; Cesare Vitali; Aldo Vitturini; Malgorzata Wolczynska.

27 febbraio – 14 marzo 2020 “Photogeisha. One night stand in Osaka by Umberto Stefanelli” al Muef ArtGallery

27 febbraio – 14 marzo

MUEF ARTGALLERY

Photogeisha. One night stand in Osaka by Umberto Stefanelli

24 immagini in 12 ore. Un piccolo locale di Minami ed un love hotel di Osaka. Il corpo come tela bianca su cui comporre il dipinto di corda e pelle
MUEF Art Gallery
Via Angelo Poliziano 78/b Roma
dal 27 febbraio al 14 marzo dal martedì al sabato 11/13.30 -15,30/19,30
Inaugurazione giovedì 27 febbraio dalle 19 alle 22

Muef Art Gallery ospita la Mostra Fotografica di Umberto Stefanelli “pHOTogeisha. One night stand in Osaka” inserita nell’ambito di Roma Fotografia 2020 EROS promossa dall’associazione Roma Fotografia, con il patrocinio della Regione Lazio e del Comune di Roma che si svolgerà dal 22 febbraio al 6 aprile in tutta la città di Roma.

dal martedì al sabato 11/13.30 -15,30/19,30
Inaugurazione giovedì 27 febbraio dalle 19 alle 22

14 – 20 febbraio 2020 “L’amore è sempre un altro Amore” Mostra collettiva al MuefArtGallery

14 – 20 febbraio 2020

MUEF ARTGALLERY

Mostra collettiva d’arte contemporanea

L’amore è sempre un altro Amore

A cura di: Roberta Sole e Francesco Giulio Farachi

Artisti partecipanti:
Gea Albanese, Giovanna Cataldo, Giuliana Cortese, Massimo D’Angelo, Marta Fabbri, Patrizia Langher, Ruggero Lenci, Marco Maggioni, Paola Martorelli, Valentina Mostracchio, Blanca Moreno de Barreda, Amelia Mutti, Viviana Pallotta, Massimo Petrucci, Marina Pierangelini, Magda Quesada Ordeig, Stefano Tagliati, Carmen Tubio, Aurea Vattuone, Paola Ventura.

Dal 14 al 20 febbraio il MUEF ArtGallery, in gemellaggio con l’associazione culturale Il Salotto di Diotima, è lieto di ospitare un’esposizione in cui 20 artisti con le loro opere affrontano uno dei temi fondamentali dell’esistenza, L’amore, che in un modo o nell’altro nella realtà risulta sempre differente dall’immagine ideale a cui, per indole carattere o fantasia, ognuno si ispira e aspira. Perché forse l’amore non è mai raggiunto e raggiungibile, è incontentabile, è sempre altro.

Durante il vernissage ci sarà l’intervento di musicisti e interpreti, verranno letti testi e poesie, si eseguiranno brani di recitazione e musicali, si improvviseranno e innescheranno riflessioni su questa perenne “alterità” dell’amore. Le opere esposte faranno da cornice e da detonatore alla rappresentazione. E viceversa.

Orari di apertura dal martedì al sabato 17.00 – 19.30
Altri orari su appuntamento
Ingresso gratuito
Vernice: venerdì, 14 febbraio 2020 – h. 17.30