Archivi tag: Piazza Vittorio

13 novembre 2019 “Jazz by Gatsby: Vigliar G Trio” al Gatsby Cafè

13 novembre 2019

Gatsby Cafè

Jazz by Gatsby: Vigliar G Trio

Il trio piano-less condotto dal sassofonista romano Gianluca Vigliar presenta un progetto che si ispira alla musica del celebre pianista Lennie Tristano insieme ad alcuni famosi standards della tradizione jazzistica.

Gianluca Vigliar – sax
Vincenzo Florio – contrabbasso
Matteo Bultrini – batteria

:: FREE ENTRY ::

Nota ufficiale del I Municipio sullo spostamento delle bancarelle dai portici di Piazza Vittorio

Nota ufficiale della Presidente del Primo Municipio
Sabrina Alfonsi

Carissimi,

vi comunico che la Giunta del Municipio Roma I Centro ha approvato nella seduta del 6 novembre la Delibera n. 43 con la quale sono state individuate delle aree, all’interno del Mercato Viminale, disponibili per la rilocalizzazione delle postazioni di commercio su area pubblica ubicate attualmente sotto i Portici di Piazza Vittorio Emanuele II.

Questo atto conclude il lungo percorso che ha impegnato il Municipio a trovare una soluzione che tenesse conto, per lo spostamento di tali postazioni, delle esigenze sia dei residenti che degli operatori economici.

Adesso aspettiamo gli atti che il Dipartimento per lo Sviluppo Economico e Attività Produttive dovrà, per competenza, adottare per rendere operativo il nostro provvedimento.

Cordialmente

 

Municipio Roma I Centro

La   Presidente                                                                                                                                                                                        Sabrina Alfonsi

Annunci

12 novembre 2019 Presentazione del libro “Me non più” al Gatsby Cafè

12 novembre 2019

Gatsby Cafè

presentazione del libro

Me non Più

 

“Me non più” (Pequod) è un romanzo di formazione breve, leggibilissimo eppure sorprendente per la stratificazione dei temi, dei registri e dei linguaggi che questo esordiente ha saputo intrecciare raccontando la giornata di lavoro di un giovane consulente aziendale, sovrastato dall’inarrestabile ordigno della macchina produttiva.

Nella sua scrittura, a tratti, la narrazione assume qualcosa di epico, atemporale e mitico nell’impari lotta contro il mostro minaccioso e quasi astratto del lavoro, del successo, della carriera a tutti i costi.

Ma “Me non più” è anche un racconto generazionale che, non a caso, ha riscosso un grande interesse specie tra i più giovani.

MASSIMILIANO COSTA ha 33 anni ed è il direttore di
ShareTheMeal, la fortunata app con cui il World Food
Programme delle Nazioni Unite ha raccolto fondi per oltre 20
milioni di dollari aggiudicandosi prestigiosi premi (Google Play
Award, SXSW Innovation Award, Glomo, Webby e molti altri
riconoscimenti). Nato ad Alba, nelle Langhe, Massimiliano ha
studiato nello stesso liceo classico di Beppe Fenoglio per poi
diplomarsi in violino al Conservatorio di Cuneo. Dopo la laurea
in Lettere conseguita all’università di Torino, si è trasferito a
New York per frequentare il master in International Affairs della
Columbia University. Dal 2011 al 2014 ha lavorato nel campo
della consulenza strategica all’interno di una delle più
prestigiose aziende mondiali specializzate in questo genere di
servizi. Attualmente Massimiliano vive a Berlino. “Me non più” è il
suo romanzo d’esordio.

l’incontro sarà presentato dalla scrittrice CHIARA RAPACCINI

9 novembre 2019 “Jazz by Gatsby: Riccardo Fassi New Organ Trio” al Gatsby Cafè

9 novembre 2019 ore 22,00

Gatsby Cafè

Jazz by Gatsby: Riccardo Fassi New Organ Trio

Jazz ad alte temperature con molto groove per un organ trio di grande affiatamento! Composizioni originali e standards arrangiati in modo molto personale per un programma coinvolgente con tre solisti generosi ed appassionati.

Riccardo Fassi New Organ Trio:
– Riccardo Fassi Hammond, keyboard
– Torquato Sdrucia sax baritono-soprano
– Davide Pettirossi batteria.

8 novembre 2019 “Mini Swing Gang band” al Gatsby Cafè

8 novembre 2019 ore 22,00

Gatsby Cafè

Let’s GatSwing! – Mini Swing Gang Band

Prendi due cantanti giovani, belle e cattive, un cantante chitarrista con la passione per i bassi, un folle pianista di ragtime e un batterista che suona anche senza batteria. E poi dagli un obiettivo: trovare e suonare lo Swing… anche quando non c’è! Oltre ai classici dello Swing, Ragtime&Jive, musiche e successi di ogni epoca riletti in chiave Swing…

Alice Albanese Ginammi – Voce; Cecilia Morrone – Voce; Lorenzo Mazzoni – Voce/Chitarra; Andrea Marano – Pianoforte; Daniele Russo – Batteria

 

 

6 novembre 2019 “Jazz by Gatsby: Trio Bax” al Gatsby Cafè

6 novembre 2019 – ore 21,30

Gatsby Cafè

Jazz by Gatsby: Trio Bax

Il Trio Bax prende il nome dal batterista Paolo Bax e nasce nelle jam session della capitale.

Il repertorio spazia dai grandi classici del jazz come “What a Wonderful World” fino a brani di Bobby Timmons ed Herbie Hancock, ma comprende anche composizioni originali.

In occasione della serata del 6 novembre il Trio Bax sarà composto da Alessandro Botti al contrabbasso, Francesco Lo Giudice all’organo Hammond e Paolo Bax alla batteria.

Due eventi da ricordare in questo ottobre 2019

Abbiamo voluto condividere con delle immagini le sensazioni provate per due eventi che si sono svolti nel nostro Rione nelle ultime settimane: l’apertura straordinaria del cd. Tempio di Minerva Medica il 18 ottobre con la visita di tanti bambini e la performance artistica “Fermati, parliamo” a Piazza Vittorio il 26 ottobre con la partecipazione attiva di moltissime persone.

Sono due esempi che testimoniano come il Rione Esquilino nonostante tutti i problemi che lo assillano (che non sono nè pochi nè lievi) sia una realtà viva e tutt’altro che rassegnata e che il futuro non solo non faccia paura ma c’è la volontà e la determinazione di affrontarlo in prima persona partecipando attivamente alle trasformazioni in atto che cambieranno radicalmente il nostro Rione nel prossimo futuro.

E “Quando i bambini fanno ooh” e lo hanno fatto veramente guardando la maestosità e la bellezza del cd. Tempio di Minerva Medica è nostro dovere non deluderli!

18 ottobre 2019 Apertura straordinaria del cd. Tempio di Minerva Medica

26 otttobre 2019 performance artistica “Fermati, parliamo” a Piazza Vittorio

 

 

3 – 16 novembre 2019 Mostra d’arte “Lucilla Monardi. L’assenza del corpo è la sua essenza” al Gatsby Cafè

3 – 16 novembre 2019

Mostra d’arte personale

Gatsby Cafè

Lucilla Monardi

L’assenza del corpo è la sua essenza

Di Lucilla Monardi.
Cosa accade se si inverte il concetto di “nuda vita”? Lucilla Monardi risponde con un percorso innovativo del fare artistico che prevede l’utilizzo e la rappresentazione di stoffe, tessuti, panni e delle diverse tecniche per realizzarne la superficie. Raso, cotone, seta, organza, taffetà, tulle, merletto… Avvolge il corpo femminile non con l’idea di “nuda vita” ma con quello di “vita vestita”, partendo dalla considerazione che sia stato un ambito creativo poco frequentato. Il corpo della donna non è mai del tutto “nudo” come nel caso del corpo maschile, è più opaco, segreto, schivo. Nell’opera “Incompleta” è mostrato un corsetto cui tende a svanire una coppa come a dire che la sua completezza è una pretesa tutta maschile che la intrappola nel concetto banale di perfezione. Nell’opera “Le costrizioni che noi stesse ci imponiamo”, i lacci stringono ma tendono alla sparizione, quel “noi stesse” s’impone a una coscienza femminile presa sempre nel suo doppio.
L’Altro da sé e dentro di sé libera da qualsiasi tentativo di reale imposizione. Il corsetto è una gabbia metaforica e non. Ancora un corsetto, infatti, nell’opera “Rose nello spirito e nessuna spina
nel cuore”, ancora una volta la donna salva sé stessa evitando che il fiore spinato arrivi al corpo, al suo cuore, al suo mondo emozionale e permettendo che, tuttavia, arrivi al suo “spirito”, senza colpo
ferire. Arriviamo, dunque, all’opera “Gli affetti mai sentiti e non vissuti”, in cui la “vita vestita” porta la “bella giornata” regredendo all’infanzia e aprendo al “momento” in cui l’esistenza si è divaricata, potendo riprendere la via che si era abbandonata per l’altra, in fondo viviamo sempre con una sorta di nostro gemello accanto che è la sequenza delle scelte non avvenute. Se le prime quattro opere sono un percorso sulla “vita vestita”, le altre quattro sono un percorso sui tessuti stessi che si aggrovigliano, attorcigliano, piegano. Se “la piega” è sinonimo in filosofia di Barocco, nella ricerca artistica di Monardi la piega è sinonimo di incantesimo, nel senso più genuino di un’arte chemette in discussione la soggettività e si supera attraverso una continua attenzione alle armonie casuali. La “nuda vita” rovesciata in “vita vestita” non fa che incessantemente produrre pieghe nei tessuti. Sia che si tratti di corsetti metaforici che delle pieghe più casuali e libere l’assenza del corpo femminile non è assenza della donna, ma anzi affermazione del suo passaggio e della sua forza.
Luther Blissett – APR –

 

2 novembre 2019 “Dixie Flyer Passengers – Swing and Traditional American Song” al Gatsby Cafè

2 novembre 2019 – ore 22,00

Gatsby Cafè

Dixie Flyer Passengers – Swing and Traditional American Song

Il Dixie Flyer era un treno che, nei primi anni del ‘900, attraversava gli Stati Uniti, da Chicago alla Florida, toccando le città che più sono state significative nella storia del jazz.
Il gruppo è composto da Cecilia Panichelli alla voce e washboard, Lorenzo Soriano alla tromba, Luca Costantini alla chitarra.
Il repertorio va dal jazz tradizionale allo swing, dallo spiritual al blues degli anni ’20 interpretato dalle grandi blueswomen quali Bessie Smith, Sippie Wallace, Victoria Spivey.
Il gruppo vi invita a salire a bordo di questo treno per rivivere da passeggeri le atmosfere festose e più malinconiche di questo lungo viaggio sui binari dell’America dello scorso secolo.

Cecilia Panichelli voce e washboard
Lorenzo Soriano tromba
Luca Costantini chitarra

1 novembre 2019 “Jazz by Gatsby – Klain, Crinelli, Scarpato” al Gatsby Cafè

1 novembre 2019 ore 21,30

Garsby Cafè

Jazz by Gatsby – Klain, Crinelli, Scarpato

Laura Klain – batteria
Piersimone Crinelli 江月 – sax baritono
Giulio Scarpato – contrabbasso