Archivi categoria: Comunicati

Il nuovo modulo da utilizzare per le autocertificazioni dal 26 marzo 2020

Cambia di novo il modulo dell’autodichiarazione per gli spostamenti da effettuare durante il periodo delle restrizioni e dei divieti adottati per arrestare il contagio del coronavirus.

Ecco il nuovo modulo e in basso il link per scaricarlo

Negozi di vicinato e mercati con consegna a domicilio

Primo Municipio Roma

Pubblichiamo un primo elenco di negozi di vicinato e banchi dei nostri mercati che effettuano consegna a domicilio della spesa

Se siete a conoscenza di altre realtà del primo municipio che lo fanno, scriveteci a primomunicipiorm@gmail.com

MERCATO TESTACCIO

MACELLERIE

Macelleria Sartor – box 61-70

Tel. 06 5782045 / 335.5383025 (anche whatsapp)

Cesare e Delia – box 38 (consegne solo a Testaccio)

Tel. 366.3383550

“L’Amatriciano” macelleria Stecconi – box 6-20

Tel. 335.6884052

Macelleria Iegri – box 23 (specialità carni equine)

Tel. 06.5755187 / 349.2826 149

Macelleria Fagnani – box 4-5

Tel. 06.5747421 / 347.6118295

ORTOFRUTTA

Fuori di Zucca – box 82 (consegne a domicilio martedi e venerdi)

Tel. 339.3767036

Cogoni Fruit – box 31 – 45

Tel. 329.3572045

Da Silvia e Gabriele “Frutteria campagna amica” – box 68 (Testaccio e dintorni)

Tel. 347.4864180

Giancarlo “il Velletrano” – box 32 (martedì, venerdì e sabato)

Tel. 335. 8476184

Dileo Matteo…

View original post 1.093 altre parole

Il nuovo modulo da utilizzare per le autocertificazioni dal 23 marzo 2020

Cambia il modulo dell’autodichiarazione per gli spostamenti da effettuare durante il periodo delle restrizioni e dei divieti adottati per arrestare il contagio del coronavirus.

In particolare è stato introdotto l’obbligo di dichiarare da dove si è partiti e dove si è diretti secondo le limitazioni introdotte nei precedenti decreti del Presidente del Consiglio dei Ministri

Ecco il nuovo modulo e in basso il link per scaricarlo

Le attività che rimangono aperte: l’elenco completo

Anche se l’elenco delle attività che possono restare aperte per garantire i servizi essenziali ai cittadini  è presente nell’ultimo decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri che abbiamo pubblicato nei giorni scorsi riteniamo che per maggior chiarezza e faciità di consultazione sia opportuno replicarlo. Permangono ovviamente gli obblighi di chiusura anticipata stabiliti dal decreto

Ecco l’elenco completo:

  • Ipermercati;
  • supermercati;
  • discount di alimentari;
  • minimercati ed altri esercizi non specializzati di alimentari vari;
  • commercio al dettaglio di prodotti surgelati;
  • commercio al dettaglio in esercizi non specializzati di computer, periferiche, attrezzature per le telecomunicazioni, elettronica di consumo audio e video, elettrodomestici;
  • commercio al dettaglio di prodotti alimentari, bevande e tabacco in esercizi specializzati (codici ateco: 47.2);
  • commercio al dettaglio di carburante per autotrazione in esercizi specializzati;
  • commercio al dettaglio apparecchiature informatiche e per le telecomunicazioni (ICT) in esercizi specializzati (codice ateco: 47.4);
  • commercio al dettaglio di ferramenta, vernici, vetro piano e materiale elettrico e termoidraulico;
  • commercio al dettaglio di articoli igienico-sanitari;
  • commercio al dettaglio di articoli per l’illuminazione;
  • commercio al dettaglio di giornali, riviste e periodici;
  • farmacie e parafarmacie;
  • commercio al dettaglio in altri esercizi specializzati di medicinali non soggetti a prescrizione medica;
  • commercio al dettaglio di articoli medicali e ortopedici in esercizi specializzati;
  • commercio al dettaglio di articoli di profumeria, prodotti per toletta e per l’igiene personale;
  • commercio al dettaglio di piccoli animali domestici;
  • commercio al dettaglio di materiale per ottica e fotografia;
  • commercio al dettaglio di combustibile per uso domestico e per riscaldamento;
  • commercio al dettaglio di saponi, detersivi, prodotti per la lucidatura e affini;
  • commercio al dettaglio di qualsiasi tipo di prodotto effettuato via Internet;
  • commercio al dettaglio di qualsiasi tipo di prodotto effettuato per televisione;
  • commercio al dettaglio di qualsiasi tipo di prodotto per corrispondenza, radio, telefono;
  • commercio effettuato per mezzo di distributori automatici;
  • lavanderie, tintorie e lavanderie industriali;
  • servizi di pompe funebri e attività connesse.

Chiusi invece i mercati, salvo le attività di vendita di soli generi alimentari.

Restano aperti anche:

  • tabaccai;
  • benzinai;
  • mense e catering continuativo su base contrattuale;
  • ristorazione con consegna a domicilio nel rispetto delle norme igienico-sanitarie sia per l’attività di confezionamento che di trasporto;
  • esercizi di somministrazione di alimenti e bevande posti nelle aree di servizio e rifornimento carburante situati lungo la rete stradale, autostradale e all’interno delle stazioni ferroviarie, aeroportuali, lacustri e negli ospedali;
  • banche, servizi finanziari e servizi assicurativi;
  • attività del settore agricolo, zootecnico di trasformazione agro-alimentare comprese le filiere che ne forniscono beni e servizi;
  • il trasporto pubblico, il cui servizio può essere rivisto con soppressioni o limitazioni dai presidenti delle Regioni;
  • gli uffici pubblici.

Tutti comunque, sono tenuti a garantire e a far rispettare la distanza di almeno un metro tra le persone.

Per quanto riguarda le attività produttive e professionali, il decreto non usa più le parole «sospensione» o «divieto» ma «raccomandazione». Il Governo raccomanda, infatti, che:

  • sia attuato il massimo utilizzo da parte delle imprese di modalità di lavoro agile per le attività che possono essere svolte al proprio domicilio o in modalità a distanza;
  • siano incentivate le ferie e i congedi retribuiti per i dipendenti nonché gli altri strumenti previsti dalla contrattazione collettiva;
  • siano sospese le attività dei reparti aziendali non indispensabili alla produzione;
  • assumano protocolli di sicurezza anti-contagio e, laddove non fosse possibile rispettare la distanza interpersonale di un metro come principale misura di contenimento, con adozione di strumenti di protezione individuale;
  • siano incentivate le operazioni di sanificazione dei luoghi di lavoro, anche utilizzando a tal fine forme di ammortizzatori sociali;
  • siano limitati al massimo gli spostamenti all’interno dei siti e contingentato l’accesso agli spazi comuni.

Domenica 1 marzo 2020 blocco della circolazione all’interno della fascia verde

Blocco della circolazione all’interno della fascia verde dalle 7,30 alle 12,30 e dalle 16,30 alle 20,30

Qualità dell’aria. 1 marzo quarta ed ultima Domenica ecologica.

Si ricorda che nelle giornate di limitazione della circolazione veicolare per la prevenzione ed il contenimento dell’inquinamento atmosferico, le categorie esentate/derogate sono esclusivamente quelle riportate nell’Ordinanza della Sindaca. Non esistono elenchi dedicati (ad esempio riferiti a targhe specifiche) né, tantomeno, deroghe rilasciate ad personam.

Elenco completo delle categorie veicolari derogate/esentate dal provvedimento

La programmazione del calendario di date per l’attuazione del blocco totale domenicale della circolazione veicolare all’interno della ZTL ”Fascia Verde” – stabilite dalla Memoria di Giunta n. 55 del 3 dicembre 2019:

la quarta Domenica ecologica è stata anticipata rispetto al calendario prefissato, in quanto nella data originariamente prevista del 29 marzo si svolgerà il Referendum Costituzionale, il cui Decreto di indizione è stato pubblicato il 28 gennaio, successivamente all’approvazione del calendario sopra indicato. Nella stessa data è inoltre previsto lo svolgimento della Maratona di Roma. Di conseguenza la Giunta capitolina ha deciso di ricalendarizzare la Domenica ecologica per domenica 1° marzo.

Considerando la concomitanza con le elezioni suppletive nel primo collegio uninominale della Camera dei Deputati, che coinvolgono i cittadini del Municipio Roma I e una parte dei residenti dei Municipi Roma II, XIII, XIV e XV, per la domenica ecologica del 1° marzo sono previste ulteriori deroghe al blocco della circolazione rispetto a quelle consuete. In particolare, potranno circolare gli automezzi dell’Amministrazione Capitolina, i veicoli privati condotti da personale dipendente e da soggetti incaricati dei servizi elettorali, i veicoli condotti da cittadini diretti ai seggi elettorali del primo collegio uninominale, muniti della scheda elettorale.

Inoltre, gli impianti termici il cui funzionamento giornaliero consentito è di massimo 12 ore, dovranno essere gestiti in modo da garantire una temperatura dell’aria negli ambienti non superiore a 18°C o 17°C in funzione del tipo di edificio.

Saranno intensificati su tutto il territorio comunale i controlli per l’accertamento del rispetto delle normative sul divieto di combustione all’aperto.

La Polizia Locale di Roma Capitale provvederà alla vigilanza al fine di garantire l’osservanza del provvedimento di limitazione della circolazione da parte della cittadinanza.

Per agevolare il normale corso delle attività cittadine, si provvederà al potenziamento del Trasporto Pubblico Locale e di taxi durante le giornate di blocco totale.

Per questa domenica

Oltre alle indicazioni su divieti ed esenzioni per la circolazione dei veicoli, nel corso della domenica ecologica gli impianti termici di riscaldamento non dovranno superare i 18 gradi e potranno restare in funzione non più di 8 ore, disposizioni dalle quali sono esclusi ospedali, cliniche e case di cura. Si ricorda che è vietata la circolazione ai veicoli con alimentazione a gasolio (se non inclusi nell’elenco delle categorie esentate) anche se appartenenti alla classe Euro 6

Dopo il 23 febbraio, l’ultima  domenica in calendario è il 1 marzo.

La Mappa della Fascia Verde, l’Anello Ferroviario e le nuove limitazioni

La mappa della Fascia Verde in formato .pdf

Ordinanza della Sindaca n. 38 del 27/02/2020

Per conoscere la ‘classe ambientale’ della propria auto o moto, ovvero che tipo di Euro è, click qui .

Attenzione ! Chi circola negli orari di blocco del traffico con auto e moto veicoli con caratteristiche che non rientrano tra le deroghe previste rischia una multa che parte da 163 euro.

Domenica 23 febbraio 2020 blocco della circolazione all’interno della fascia verde

Blocco della circolazione all’interno della fascia verde dalle 6,30 alle 12,30 e dalle 17,00 alle 20,00

Qualità dell’aria. 23 febbraio terza Domenica ecologica.

Si ricorda che nelle giornate di limitazione della circolazione veicolare per la prevenzione ed il contenimento dell’inquinamento atmosferico, le categorie esentate/deroghe sono esclusivamente quelle riportate nell’Ordinanza della Sindaca. Non esistono elenchi dedicati (ad esempio riferiti a targhe specifiche) né, tantomeno, deroghe rilasciate ad personam.

Nell’elenco delle categorie esentate dai divieti e che possono quindi circolare nella Fascia Verde per tutta la giornata, sono inclusi anche i veicoli con contrassegno per le persone disabili, car sharing e car pooling, taxi e ncc, servizi di sicurezza, veicoli del pronto intervento, auto con targhe diplomatiche e della Città del Vaticano, i veicoli utilizzati dai medici per visite domiciliari urgenti.

Per questa domenica

Oltre alle indicazioni su divieti ed esenzioni per la circolazione dei veicoli, nel corso della domenica ecologica gli impianti termici di riscaldamento non dovranno superare i 18 gradi e potranno restare in funzione non più di 8 ore, disposizioni dalle quali sono esclusi ospedali, cliniche e case di cura. Si ricorda che è vietata la circolazione ai veicoli con alimentazione a gasolio (se non inclusi nell’elenco delle categorie esentate) anche se appartenenti alla classe Euro 6

Dopo il 23 febbraio, l’ultima  domenica in calendario è il 29 marzo.

La Mappa della Fascia Verde, l’Anello Ferroviario e le nuove limitazioni

La mappa della Fascia Verde in formato .pdf

Ordinanza della Sindaca n. 35 del 21/02/2020

Per conoscere la ‘classe ambientale’ della propria auto o moto, ovvero che tipo di Euro è, click qui .

Attenzione ! Chi circola negli orari di blocco del traffico con auto e moto veicoli con caratteristiche che non rientrano tra le deroghe previste rischia una multa che parte da 163 euro.

Domenica 9 febbraio 2020 blocco della circolazione all’interno della fascia verde

Blocco della circolazione all’interno della fascia verde dalle 7,30 alle 12,30 e dalle 16,30 alle 20,30

Qualità dell’aria. 9 febbraio seconda Domenica ecologica.

Si ricorda che nelle giornate di limitazione della circolazione veicolare per la prevenzione ed il contenimento dell’inquinamento atmosferico, le categorie esentate/deroghe sono esclusivamente quelle riportate nell’Ordinanza della Sindaca. Non esistono elenchi dedicati (ad esempio riferiti a targhe specifiche) né, tantomeno, deroghe rilasciate ad personam.

Nell’elenco delle categorie esentate dai divieti e che possono quindi circolare nella Fascia Verde per tutta la giornata, sono inclusi anche i veicoli con contrassegno per le persone disabili, car sharing e car pooling, taxi e ncc, servizi di sicurezza, veicoli del pronto intervento, auto con targhe diplomatiche e della Città del Vaticano, i veicoli utilizzati dai medici per visite domiciliari urgenti.

Per questa domenica

Oltre alle indicazioni su divieti ed esenzioni per la circolazione dei veicoli, nel corso della domenica ecologica gli impianti termici di riscaldamento non dovranno superare i 18 gradi e potranno restare in funzione non più di 8 ore, disposizioni dalle quali sono esclusi ospedali, cliniche e case di cura. Si ricorda che è vietata la circolazione ai veicoli con alimentazione a gasolio (se non inclusi nell’elenco delle categorie esentate) anche se appartenenti alla classe Euro 6

Dopo il 9 febbraio, le altre domeniche in calendario sono il 23 febbraio e il 29 marzo.

La Mappa della Fascia Verde, l’Anello Ferroviario e le nuove limitazioni

La mappa della Fascia Verde in formato .pdf

Ordinanza della Sindaca n. 31 del 07/02/2020

Per conoscere la ‘classe ambientale’ della propria auto o moto, ovvero che tipo di Euro è, click qui .

Attenzione ! Chi circola negli orari di blocco del traffico con auto e moto veicoli con caratteristiche che non rientrano tra le deroghe previste rischia una multa che parte da 163 euro.

Colle Oppio: fermato per furto di cellulare, oppone resistenza agli agenti . Arrestato

Comunicato di Polizia Roma capitale

Nel tardo pomeriggio di ieri una pattuglia della Polizia Locale, Unità Spe ( Sicurezza Pubblica Emergenziale), in servizio di vigilanza a Colle Oppio, è stata avvicinata da un cittadino a cui avevano appena rubato il telefono cellulare. Gli agenti, raccolta una descrizione dell’autore del furto, hanno perlustrato la zona individuando una persona che, accortasi degli uomini in uniforme, ha tentato di disfarsi del telefonino poco prima di essere fermato. M.D., originario della Mauritania, nonostante i tentativi di sottrarsi al controllo, è stato bloccato e portato al centro di foto segnalamento del Comando Generale di via della Consolazione, dove è stato riconosciuto dalla vittima del furto. Al termine delle procedure di identificazione, in quanto privo di documenti, il trentacinquenne è stato posto in stato di arresto per furto e resistenza a pubblico ufficiale. Arresto convalidato nel processo per direttisima che si è tenuto stamattina a piazzale Clodio.

Roma, 5 febbraio 2020


Polizia Roma Capitale
Comando Generale
Reparto Rapporti con la Stampa
Via della Consolazione, 4
00186 Roma

Esquilino, Polizia Locale chiude ristorante

Comunicato di Polizia Roma Capitale

Agenti del I Gruppo “ex Trevi” della Polizia Locale di Roma Capitale hanno chiuso un ristorante in piazza Vittorio. Una pattuglia, durante i consueti controlli alle attività commerciali del quartiere, ha accertato il mancato rispetto di un provvedimento di chiusura emesso dalla ASL di zona, per una serie di gravi irregolarità emerse durante precedenti accertamenti della Polizia Locale: cibi privi di indicazione sulla provenienza e tracciabilià, sporcizia, carenze in materia di sicurezza dei locali. Al termine delle verifiche sono stati apposti i sigilli e diffidato il titolare a riaprire prima del nulla osta da parte della ASL e dei tecnici competenti.

Roma, 23 gennaio 2020


Polizia Roma Capitale
Comando Generale
Reparto Rapporti con la Stampa
Via della Consolazione, 4
00186 Roma

Domenica 19 gennaio 2020 blocco della circolazione all’interno della fascia verde

Blocco della circolazione all’interno della fascia verde dalle 7,30 alle 12,30 e dalle 16,30 alle 20,30

Qualità dell’aria. Il 19 gennaio prima “Domenica ecologica”

Contenere le emissioni inquinanti, conseguente beneficio della tutela della salute e dell’ambiente, diffusione di modelli culturali alternativi che favoriscano un rapporto con il territorio più sostenibile; sono alcuni degli obiettivi delle Domeniche ecologiche, che tornano nella Capitale a partire dal 19 gennaio 2020, come disposto con l’Ordinanza della Sindaca n. 13 del 14 gennaio 2020

Sarà vietata la circolazione dei veicoli all’interno della Fascia Verde dalle 7,30 alle 12,30 e dalle 16,30 alle 20,30. Dovranno rispettare il divieto anche le auto diesel Euro 6, mentre gli autoveicoli Euro 6 alimentati a benzina potranno circolare. Così come avranno via libera i veicoli elettrici, ibridi, a metano e Gpl, i ciclomotori a due ruote con motore a quattro tempi da Euro 2 in su e i motocicli a 4 tempi a partire da Euro 3.

Nell’elenco delle categorie esentate – in tutto 34 dai divieti e che possono quindi circolare nella Fascia Verde per tutta la giornata, sono inclusi anche i veicoli con contrassegno per le persone disabili, car sharing e car pooling, taxi e ncc, servizi di sicurezza, veicoli del pronto intervento, auto con targhe diplomatiche e della Città del Vaticano, i veicoli utilizzati dai medici per visite domiciliari urgenti.

Oltre alle indicazioni su divieti ed esenzioni per la circolazione dei veicoli, nel corso della domenica ecologica gli impianti termici di riscaldamento non dovranno superare i 18 gradi e potranno restare in funzione non più di 8 ore, disposizioni dalle quali sono esclusi ospedali, cliniche e case di cura.

Dopo il 19 gennaio, le altre domeniche in calendario sono il 9 febbraio, il 23 febbraio e il 29 marzo.

La Mappa della Fascia Verde, l’Anello Ferroviario e le nuove limitazioni

La mappa della Fascia Verde in formato .pdf

Ordinanza della Sindaca n. 13 del 14/01/2020

Per conoscere la ‘classe ambientale’ della propria auto o moto, ovvero che tipo di Euro è, click qui .

Attenzione ! Chi circola negli orari di blocco del traffico con auto e moto veicoli con caratteristiche che non rientrano tra le deroghe previste rischia una multa che parte da 163 euro.