Archivi tag: Via Giolitti

Ripresi i lavori per il miglioramento della recinzione del cd. Tempio di Minerva Medica

Immagine n.1

Dopo la pausa estiva sono ripresi i lavori, iniziati nei mesi precedenti,  per estendere i miglioramenti della recinzione esterna (immagine n.1) anche al cancello che offre la possibilità di entrare direttamente all’interno monumento (Immagine n.2).

Immagine n.2

Speriamo che sia la parte propedeutica di un intervento più importante,  ossia la sostituzione dell’obbrobriosa recinzione (immagini n. 3 e 4) della parte sud del monumento a suo tempo creata per permettere il cantiere di restauro. Visto che i restauri ormai sono terminati da quasi due anni sarebbe ora di recuperare anche a livello ambientale e paesaggistico il cd. Tempio di Minerva Medica

Immagine n.3
Immagine n.4

Via Giolitti: Vent’anni (e più) passati invano

Pubblichiamo un documento dell’Associazione Abitanti via Giolitti redatto alla fine del secolo scorso in occasione di un incontro sui temi dell’Esquilino che si tenne al Teatro Brancaccio.

Da allora alcune cose sono cambiate a via Giolitti; nel tratto da Porta Maggiore alla stazione dei Laziali non passano più autobus di linea dell’Atac e da diversi anni è stato risolto il problema delle polveri rosse che venivano prodotte in quantità industriale dai sistemi frenanti dei treni della linea, allora, Laziali – Pantano e i cui segni sono ancora visibili sugli edifici della Stazione Termini (vedi foto sopra), ma alcune problematiche sono rimaste esattamente come allora, anzi forse sono addirittura peggiorate tenendo presente che le rotaie della linea ferroviaria e le vetture hanno vent’anni di più.

Comunque, sono le proposte dell’Associazione ad essere assolutamente più che attuali: questo per dire che non è certo mancato l’impegno fin da allora da parte dei residenti, ma ahimè, tutte le amministrazioni che si sono succedute non hanno mai recepito ciò che veniva formulato e consigliato. Ecco il documento

 

E’ dello stesso periodo questo progetto (in realtà una tesi di laurea in Architettura) relativo alla riqualificazione di via Giolitti in particolare nel tratto da Porta Maggiore alla Stazione dei Laziali. Già allora era chiaro che senza un’attenzione particolare al cd. Tempio di Minerva Medica qualsiasi proposito di miglioramento ambientale e urbanistico sarebbe stato illusorio e con diversi anni di anticipo sia su altri progetti presentati al Premio Catel del 2011 sia su alcune realizzazioni relative alla Metro C relative alla valorizzazione di reperti archeologici il progettista ipotizzava uno scavo per riportare alla luce le mura del monumento che giacciono sotto il piano stradale di via Giolitti con relativo ripristino della quota archeologica.  Sarà mai possibile realizzare un simile progetto a via Giolitti?

“Flussi e varchi della Stazione Termini”

Uno dei problemi che spesso causa  il fallimento di un progetto è la mancata analisi preventiva di tutte quelle componenti che concorrono alla programmazione, alla realizzazione e alla fruizione futura del bene che si è progettato. Nel caso della Stazione Termini spesso in sede di progetto ci si dimentica che in tempi normali è un luogo che vede il transito di oltre 400.000 persone ogni giorno (una intera città di medie dimensioni) e quindi non possono essere lasciati al caso i flussi dei viaggiatori e di tutti coloro che passano per la stazione anche per altri motivi (negozi e punti di ristorazione). Ne va della sicurezza, ma anche e soprattutto della stessa ottimizzazione di tutti i servizi che gravitano nell’area. Come vedremo in un prossimo articolo proprio l’agevolazione dei flussi dei passeggeri in entrata e in uscita era stato uno dei problemi principali nel progetto originale del Mazzoni della nuova Stazione Termini.

Tenendo presente che attualmente tutti i flussi pedonali all’interno della stazione sono stati stravolti a causa delle norme restrittive anti coronavirus, per la ripresa della normale attività proponiano uno studio del 2007 di Riccardo Esposito e Maria Elena Indelicato che si occupa proprio di questo problema: i flussi di tutti coloro che transitano per  la Stazione Termini in determinate fasce orarie. Potrebbe sembrare un documento un pò datato ma in realtà l’unico grande cambiamento da allora è lo spostamento del terminal delle linee di autobus per gli aeroporti da via Marsala (allora era piccolo e quasi ininfluente per la vita della Stazione) all’attuale sede a via Giolitti con un traffico che è aumentato in maniera esorbitante (centinaia di corse ogni giorno)  con un conseguente aumento di flusso di viaggiatori all’esterno della Stazione.

Questo per sottolineare che qualsiasi progetto che preveda un aumento del numero delle persone che transitano nell’area della stazione non può prescindere da un’analisi del genere per non correre il pericolo di peggiorare una situazione già molto problematica.

Stazione Termini: Archeologia e Metafisica

Un interessante articolo di Simonetta Zanzottera e Giancarlo De Leo sulla storia e l’architettura della Stazione Termini illustrato da alcune splendide fotografie dell’imponente edificio confrontato con le preesistenze archeologiche anch’esse di grandi dimensioni (Mura Serviane). Un contrasto fantastico tra archeologia e architettura moderna.

I diversi progetti che partiranno nel 2020 nel Rione Esquilino – #2: la ristrutturazione dell’ex cabina ACE di Roma Termini

Finalmente delle notizie ufficiali su un altro progetto di grande importanza per la riqualificazione del Rione Esquilino: di seguito il post, corredato da numerose fotografie,  apparso sull’account  Facebook della Fondazione FS Italiane sui lavori di restauro e ristrutturazione dell’ ex cabina ACE di Roma Termini a via Giolitti. Anche in questo caso, sia perchè i lavori sono iniziati già da qualche mese, sia perchè non ci sono stati ritardi considerevoli a causa del coronavirus, tutto lascia prevedere che saranno rispettati i tempi di esecuzione e che il cantiere verrà chiuso entro la fine del 2022 regalando un altro elemento per valorizzare il Rione Esquilino in generale e via Giolitti in particolare.

 

7 agosto 2020: Gemellaggio virtuale tra il cd. Tempio di Minerva Medica e la cupola del Brunelleschi del Duomo di Firenze in occasione del suo 600° anniversario

600° Anniversario della costruzione della cupola del Duomo di Firenze

Nello scorso anno ci era venuta l’idea di proporre un gemellaggio tra il cd. Tempio di Minerva Medica e il Duomo di Firenze in occasione del 600° anniversario dell’inizio della costruzione della famosa cupola opera di Filippo Brunelleschi (7 agosto 1420). Ma poi le note vicissitudini legate al lockdown hanno impedito di fatto l’ideazione di questo evento.

Perchè questo gemellaggio?

E’ ormai certo che, all’inizio del XV secolo, per trarre ispirazione per il  grandioso progetto della cupola di Santa Maria del Fiore, il grande architetto fiorentino studiò a fondo  i monumenti antichi nel periodo  che passò a Roma, e  tra questi il cd. Tempio di Minerva Medica e in particolare la cupola che segnava un’autentica svolta nella tecnica di costruzione nel mondo dell’architettura tardoantica.

Anzi, tenendo presente che la cupola del Duomo di Firenze doveva essere edificata su una base poligonale (ottagono irregolare), costruzione più complessa che su una base circolare (p.e. il Pantheon), il cd. Tempio di Minerva Medica offrì sicuramente degli spunti e delle idee importanti e risolutive per il grande progetto fiorentino data la base decagona che in altezza si trasforma in un profilo circolare.

Pubblichiamo, per l’occasione,  delle bellissime fotografie inedite del cd. Tempio di Minerva Medica, per gentile concessione dell’autore Roberto Vicini,  con un punto di vista del tutto inusuale che, se ce ne fosse ancora bisogno, mostrano tutta la magnificenza della grande struttura tardoantica di via Giolitti (ma anche la sua infelicissima posizione) ed anche la sua particolarità costruttiva  (assai evidente in queste foto) che ispirò Filippo Brunelleschi (cliccare per ingrandire le foto).

 

 

Alcuni articoli sull’argomento

La storia della cupola del Brunelleschi (vedi)

Un interessantissimo articolo sul cd. Tempio di Minerva Medica con, alla fine, un confronto tra la ricostruzione della cupola del monumento e quella del Duomo di Firenze (vedi)

Un breve estratto dallo studio “Brunelleschi e le proporzioni armoniche” di Silvia Parolari

Alcune monografie su Brunelleschi insistono sull’importanza avuta dallo studio dell’architettura romana, in particolare per la Rotonda degli angeli, che presenta delle similitudini con il Ninfeo degli Orti Liciniani (Tempio a Minerva Medica)
 
Un interessante articolo con dei filmati della storia della Cupola del Duomo di Firenze e un articolo sul cd. Tempio di Minerva Medica. Alla fine un confronto tra vari tipi di cupole (vedi)
 

Ma perchè il cd. Tempio di Minerva Medica deve continuare a rimanere al buio?

Nei giorni e nelle settimane scorse c’è stata una grande enfasi per l’inaugurazione di nuovi impianti di illuminazione pensati e realizzati ad hoc per alcuni monumenti romani:

Santa Maria in Trastevere

Il Pantheon

Il Borgo di Ostia Antica

Ma c’è un monumento che ostinatamente non solo rimane chiuso al pubblico da oltre un secolo ma non ha neppure una misera lampadina che lo illumini (ci sono solo i lampioni stradali e la luna quando è piena), e indovinate qual’è?  Il cd. Tempio di Minerva Medica.

Il cd. Tempio di Minerva Medica tra Horti e Palatia

Il cd. Tempio di Minerva Medica

Pianta settecentesca dell’area all’interno delle Mura Aureliane tra I Trofei di Mario e Porta Maggiore

Enrico Gallocchio

Abitare nel Mediterraneo Tardoantico

Il cd. Tempio di Minerva Medica a Roma: tra Horti e Palatia

Un articolo di Enrico Gallocchio che ha per tema il cd. Tempio di Minerva Medica alla luce dei rilievi effettuati in occasione del recente restauro del monumento. Dalle diverse fasi della sua costruzione alle ipotesi di uso del monumento: da edificio panoramico a sede di incontri di alta rappresentanza. In ogni caso un monumento di eccezionale importanza per la storia dell’architettura e assolutamente unico. L’articolo è corredato di numerose immagini molto interessanti perchè ritraggono non solo il monumento prima del 1828 anno in cui ci fu un crollo di notevole entità ma anche la zona dell’Esquilino vicina a Porta Maggiore come appariva nella seconda metà del ‘700

Via Giolitti: non solo i monumenti dimenticati ma pure le rotaie abbandonate e senza manutenzione

Nei giorni scorsi c’è stato un grave incidente a via Labicana, un tram è deragliato ed è andato a finire contro un autobus e due autovetture. Fortunatamente nonostante la gravità dell’accaduto c’è stato solo un ferito serio (il conducente dell’autobus). Di seguito il post di “Leggo” apparso   su Facebook.

Non è, purtroppo, la prima volta che succedono incidenti di questo tipo infatti meno di un anno fa il giornale “La Repubblica” registrò questo video per un analogo deragliamento di un tram.

Ancora una volta la scarsa manutenzione delle rotaie ha causato incidenti che solo per fortuna non hanno avuto esiti drammatici. 

Vogliamo documentare ora lo stato dei binari a via Giolitti, tenendo anche presente che negli anni passati si sono aperte numerose voragini sotto le rotaie.

 

Oltre a fare dei proclami trionfalistici sulla tranvia che verrà, non sarebbe il caso di provvedere a un minimo di manutenzione ordinaria per i binari attuali senza aspettare l’incidente?

Estate 2020 all’Esquilino: il ritorno dei vandali

Con riferimento al famoso “Sacco di Roma” ad opera di Genserico, re dei Vandali, nel 455 d.C., dobbiamo constatare il ritorno nella città dei “vandali” (con la “v” minuscola) intesi come barbari incivili. Durante il periodo del lockdown ci eravamo illusi che alla ripresa delle normali attività potessimo vivere in una città migliore: purtroppo le cose stanno andando nel verso esattamente opposto e. se possibile, ci stiamo risvegliando con tutti i problemi del prima coronavirus in qualche caso anche peggiorati. Da qualche giorno, all’Esquilino, hanno ripreso l’attività, con rinnovata lena, i vandali che non solo imbrattano tutti i muri ma si divertono a rompere oggetti che servono per la sicurezza stradale dei cittadini, pedoni o automobilisti che siano

Ed ecco come hanno ripreso  ad imbrattare i muri. In qualche caso è possibile vedere la lotta infinita tra i vandali e i proprietari degli immobili e/o il Comune: strati su strati tra graffiti e riverniciature. Da notare la ripresa degli imbrattamenti sul muro perimetrale di Santa Bibiana

E’ evidente che non ci sia nulla da fare e dobbiamo rassegnarci a vedere la città ridotta in questo modo da questi novelli barbari