Archivi categoria: arte

24 – 30 gennaio 2020 “Franco Vignoli Contemporary Art Exhibit” allo Studio Medina

dal 24 al 30 Gennaio 2020

presso gli spazi Medina Roma

Franco Vignoli Contemporary Art Exhibit

 Una mostra personale di Franco Vignoli, pittore autodidatta che, senza specifici studi artistici, ha sviluppato la sua passione per l’arte influenzato in parte dal padre, anch’egli pittore. Questa di Vignoli è la prima personale che vuole essere una vera e propria retrospettiva sulla sua variegata produzione artistica.

Inaugurazione: Venerdì 24 Gennaio ore 18:00

Luogo: Medina Roma, Via Angelo Poliziano, 36

http://www.medinaroma.com/events/franco-vignoli-contemporary-art-exhibit/

Una ulteriore opera d’arte del passato, poco nota, che ha come soggetto il cd. Tempio di Minerva Medica

Ecco un altro esempio, poco conosciuto, di un’ennesima rappresentazione eseguita nei secoli passati del cd. Tempio di Minerva Medica.

Ecco la descrizione tratta dal sito http://www.galleriatanca.it

Raffinata tempera su pergamena di pelle di cigno raffigurante al centro un paesaggio con in primo piano il cosidetto Tempio di Minerva Medica e sullo sfondo un acquedotto nella campagna romana, racchiuso da un perlinato, tipica firma dell’artista romano Tommaso Bigatti attivo nei primi anni del XIX sec. Tutto intorno decorazioni a grottesche in stile Pompeiano raffiguranti due figure femminili, uccelli, delfini e animali fantastici.

Dimensioni cm 14×20 ca. Entro cornice e passpartout dei primi del ‘900.

10 – 23 gennaio 2020 “Locus Amoenus” Mostra d’arte contemporanea allo Studio Medina

LOCUS AMOENUS – I luoghi dell’anima, presso gli Spazi Espositivi Medina Roma dal 10 Gennaio al 23 Gennaio 2020. Una mostra collettiva che unisce diversi medium e che punta a mettere in relazione diversi luoghi, reali o meno, fisici o no, che appartengono a ciascun artista. L‘exhibition è a cura dello team Medina Roma.

Inaugurazione: Venerdì 10 Gennaio dalle ore 17:00 alle 20:00.

Apertura al pubblico: Lun – Ven 10:00-13:00 e 15:00-19:00.

http://www.medinaroma.com/events/locus-amoenus-i-luoghi-dellanima/

ARTISTI IN MOSTRA:
Gianni Bandinelli
Eleonora Chiarugi – Il CoWo di E
Amani Esseili
Valerio Ferranti
Paul Pashkin
Rosanna Ponti
QiUENi (Jieun Kim) – 김지은
Paola Risa
Mala Waseem (Aesthetic Art Gallery)

LOCUS AMOENUS è un topos della letteratura classica e moderna, significa letteralmente “luogo senza mura”. La maggior parte degli autori lo identificava con quel posto piacevole, quel luogo-nonluogo dove l’anima trovava ristoro e stabilità; il luogo dove i protagonisti delle opere trovavano rifugio dai pericoli, dalle fatiche o dalle pene d’amore. Per Omero il locus amoenus era l’isola di Calipso, per Boccaccio era il luogo dove i personaggi delle novelle trovavano rifugio dalla peste, per Petrarca era la Valchiusa. Il L.A. spesso veniva rappresentato attraverso la metafora della Primavera, o del boschetto, oppure situato nelle vicinanze di un ruscello.

Come nella letteratura, anche nell’arte sono innumerevoli gli artisti che hanno adottato questo topos: per Monet era il giardino di Giverny, Gauguin trovò la sua pace su un’isola della Polinesia, mentre Van Gogh trovava ispirazione solo nella natura. Così dalla pace dell’animo e dalla bellezza di luoghi sono nati grandi capolavori che hanno segnato profondamente la storia dell’arte.

Il progetto mette in correlazione opere figurative ed astratte, di pittura, scultura e fotografia. Ogni artista sperimenterà la possibilità di ricondurre alla memoria e di imprimere visivamente il proprio Locus Amoenus. L’obiettivo è quello di valorizzare e dare voce all’Io più profondo di ogni artista. Mettendo in relazione diversi luoghi, reali o meno, che appartengono a ciascun artista.

http://www.medinaroma.com/events/locus-amoenus-i-luoghi-dellanima/

19 dicembre 2019 – 9 febbraio 2020 “SlideDoor” al Palazzo Merulana

Questa presentazione richiede JavaScript.

19 dicembre 2019 – 9 febbraio 2020

PALAZZO MERULANA

SlideDoor

Una porta, tre luoghi e l’esposizione permanente più misteriosa: l’umanità

Aprire una porta tra luoghi, nel tempo, tra le culture, tra le persone.
Restituire alle persone la possibilità di fare incontri e incroci che permettano di apprezzare ciò che unisce piuttosto che ciò che divide.

Palazzo Merulana apre la porta e ti invita al Museo Archeologico Nazionale di Napoli.
Un’esperienza unica per osservare la vita oltre quella porta, meravigliarsi di fronte alla bellezza delle sculture del MANN ed entrare in contatto con la persona che in questo momento si ferma e ti osserva dall’altro lato della porta, in uno scambio di emozioni.

Dal 19 dicembre 2019 fino al 9 febbraio 2020 il Museo Archeologico di Napoli, crocevia potente di storia e umanità, e Palazzo Merulana aprono una finestra l’uno sulla vita dell’altro.
Dall’accogliente Sala delle Sculture, ad ingresso libero, alla monumentale Sala del Toro Farnese di Napoli: due SlideDoor gemellate, portali a grandezza naturale attraverso i quali è possibile osservare ed essere visti, abbattendo le distanze geografiche.

SlideDoor è uno strumento “filosofico” e di sofisticata tecnologia, ideato dall’ingegno tutto napoletano della factory SlideWorld: una trama di pixel che racconta Microrelazioni, attraverso la quale è possibile osservare ed essere visti, vivendo l’esperienza di avere di fronte a sé persone e luoghi in realtà molto lontani, in spazi sia nazionali che internazionali.
Davanti alla porta, dall’altro lato, c’è un’altra persona che ci osserva e al tempo stesso è osservata.
SlideDoor apre così una intensa micro-relazione: da osservatori dell’altro diventiamo osservatori di noi stessi.

Uno strumento che si propone di mettere in sinergia principi di natura filosofica, economica ed etica, per un rinnovato marketing di carattere umanistico capace di favorire un nuovo cosmopolitismo dell’arte, per dare danno luogo all’esposizione più antica e misteriosa di sempre: “l’Umanità”.

Da febbraio 2020, la SlideDoor di Roma si sposterà ad Agrigento nel suggestivo Parco Archeologico e Paesaggistico della Valle dei Templi, che entrerà così in collegamento con il MANN di Napoli. Napoli, Roma e Agrigento unite da un’installazione in grado di aprire veri e propri intraluoghi in real time living grazie a un’inedita tecnologia.

 

Modalità di partecipazione

Palazzo Merulana – SlideDoor nella Sala delle Sculture
Ingresso libero

Info 0639967800
info@palazzomerulana.it

19 dicembre 2019 – 9 gennaio 2020 Mostra di progetti “Entasi” all’Acquario Romano

Cliccare due volte sull’immagine per ingrandirla

19 dicembre 2019 – 9 gennaio 2020 Le Mostre di Natale all’Acquario Romano

Dopo l’ esperienza della scorsa estate, anche a Natale la Casa dell’Architettura propone presso l’Acquario Romano un ricco programma culturale

19 dicembre 2019–9 gennaio 2020

Mostre di Natale all’Acquario
Casa dell’Architettura – Piazza Manfredo Fanti, 47 Roma
Inaugurazione 19 dicembre 2019 17:30–20:00

Lunedì–venerdì | 10:00–19:00 – Ultimo ingresso alle 18:00
Chiuso sabato, domenica e festivi
24 dicembre 2019 | 10:00–14:00 – 27 dicembre 2019 | 10:00–18:00 – 31 dicembre 2019 | 10:00–14:00


Spam Lab
Le attività dei laboratori avevano come oggetto tre aree specificamente individuate e concordate con il Municipio I di Roma Capitale: Mercato dei Fiori; l’area di via Giolitti; Cittadella Giudiziaria a Piazzale Clodio.
I laboratori sono stati tenuti da:
Orazio Carpenzano,
Gianluca Peluffo
Manuel Aires Mateus


Il paesaggio come cura per un abitare poetico

Secondo una visione globale e olistica della salute, in un video, otto progetti raccontano il lavoro di Greencure. Otto progetti di paesaggio, alcuni realizzati altri in corso, in quattro ambiti, ambiente, cultura, educazione e salute.
Paesaggi pensati per rendere possibile un abitare poetico nei quali l’uomo possa sentirsi a casa, perché abitare un luogo è trovare la propria casa.


Entasi

Entasi è il progetto di una mostra di arte contemporanea promosso dall’associazione culturale Arco di Gallieno, che individua la superficie delle colonne dei portici di piazza Vittorio come luogo che ospita l’opera di un artista. Circa 80 artisti attraverso i loro progetti hanno ridefinito l’entasi delle colonne dei portici.

83 artisti per Entasi
Alecci Fabio Maria | Alviano Paola | Bedouin Michel | Cenci Franco | Cesarini Sforza Primarosa | De Luca Michele | Esposito Gianluca | Finelli Antonio | Frare Giancarla | Grossi Carlo | Livadiotti Massimo | Marinaccio Michele | Masella Aleonna | Pizzichetti Elisabetta | Pontecorvo Simone | Ruiu Massimo Saverio | Pasquet Beatrice | Tanzi Annamaria | Monardi Lucilla | Surigo Loretta | Blumenthal Michael | Casoni Clara | Angus Carolyn | Assaf Ali | Assenza Paolo | Basso Gianfranco | Benci Jacopo | Bentivenga Maria Pina | Bielli Paolo | Bigi Flavia | Borzacchini Alessandra | Calizza Alessandro | Capitanio Valeria e Gaudens Bruno | Catania Lucilla | Casalini Oreste | Contestabile Lea |Cuzzocrea Antonella | D’Angelosante Sabina | De Nichilo Sabino | Dominelli Salvatore | Dormino Davide | Fabrizi Stefania | Frolet Elisabeth | Kessler Susan | Ghita Julia | Guixia Lou | Impellizzeri Francesco | Iurilli Iginio | Maccari Paolo | Mandolini Rita | Mitolo Ezia | Mariani Fabio | Molinari Patrizia | Patruno Pippo | Perego Daniela | Petrone Francesco | Pignatelli Jasmine | Pinzari Francesca Romana | Ryan Virginia | Spengler Georgina | Spezzano Nicola | Stucky Silvia | Talayero Susanna | Timossi Alberto | Vannetti Alberto | Vitto Raffaele | Cetera Pierluca | De Neve Kristien | Padroni Luca | Facchinetti Marisa | Longo Amedeo | Aller Bruno | Mastragostino Cosetta | Mele Sandro | Lodolo Claudia | Crudi Leonardo | Pompili David | Zaffina Fiorenzo | Urban Edith | Monaci Daniela | Wang Yongxu | Zheng Huijun


InCollage
Questa mostra offre una selezione di Collage creati tra la fine degli anni 80 e la metà degli anni 90 dall’artista Alfonso Maria Isonzo.


Terezín

L’Associazione Cotogni presenta un progetto a cura di Rosa Rodriguez in collaborazione con il Collettivo artistico Invisibile. Ricordare è il fondamento della nostra esistenza, nel centenario della nascita della Bauhaus e nel settantacinquesimo anniversario della scomparsa dei bambini di Terezín, raccontare la
storia di Friedl Dicker è un percorso, attraverso la cultura, nei diritti umani e di grande attualità.

 

13 – 20 dicembre 2019 “Trani’s Exhibition” allo Studio Medina

13 – 20 dicembre 2019

Studio Medina

Trani’s Exhibition

Dal 13 al 20 DICEMBRE presso gli spazi Medina Roma.Arte in mostra le opere pittoriche di Alessandro Trani e le fotografie di Nicola Trani. Ospiti all’interno dell’exhibition lo scultore Elvino Motti e il pittore Fabio Cicuto. Inaugurazione della mostra Venerdì 13 Dicembre alle ore 18:00.
Apertura al pubblico: Lunedì – Venerdì 10:00-13:00 e 15:00-19:00

FINISSAGE Venerdì 20 Dicembre ore 18:00 con presentazione dei libri di Roberta Costantini e Daniele Sbaraglia.

Delle piccole, buone notizie per Santa Bibiana

Anche quest’anno la chiesa di Santa Bibiana ha beneficiato di un’operaziane di “maquillage” in occasione della festa della Santa (2 dicembre) e del Natale.

Ennesima ripulitura di tutto il muro esterno vandalizzato dai soliti deficienti che non trovano di meglio da fare

Riparata la porzione di tetto che causava infiltrazioni di acqua piovana all’interno della chiesa

Purtroppo, come testimoniano anche le altre immagini rimane il “palo della morte” davanti all’ingresso della chiesa, ma questa è un’altra storia…

 

21/11 – 5/12 2019 “Disegni – Amo Roma ma non solo” mostra d’arte presso FunSpace Art

Tanti giovani promettenti e brillanti hanno formato l’Associazione degli Studenti e Studiosi Cinesi dell’ A.B.A.R., e in questa terra preziosa, si sono incontrati con i rinomati intellettuali dediti all’arte e alla cultura. Siamo curiosi della sua cultura, nutriamo un profondo amore verso questa terra, cosicché abbiamo trovato un modo proprio per esprimerlo.
Abbiamo percorso le vie di questa terra, i suoi monti e i suoi laghi, visitato i giardini e i paesini, le gallerie d’arte e i musei. Nei Musei Capitolini Centrale abbiamo conosciuto la straordinaria bellezza prodotta dall’incontro tra le opere appartenenti all’età industriale e l’arte classica; nella Rocca Abbaziale, una città di Subiaco avente la fama de “la città più bella d’Italia”, abbiamo respirato il profumo della storia esalato dalle antiche costruzioni medievali; nel Palazzo Massimo siamo rimasti stupefatti al vedere la magnificenza dell’Impero Romano costruito da un grande uomo; e infine, a Villa d’Este abbiamo avuto la possibilità di godere la pace di quei magnifici giardini. Conoscere la storia dietro ad un capolavoro, la cultura e la storia di una cittadina, e la raffinata tecnica con cui viene realizzata una statua; conoscere come i nostri antenati avessero utilizzato l’arte per narrare le tracce che hanno lasciato nel corso della storia, imparare il metodo degli antenati per dare espressione alla nostra passione e l’aspirazione all’arte, tentando di interpretare i loro capolavori attraverso il nostro linguaggio artistico. Pennellata dopo pennellata, lasciamo che questo amore per l’arte cresca nel profondo del nostro cuore fino a che non diventi un albero torreggiante nella nostra vita.
Infine, attraverso l’espressione di questo nostro amore incominceremo ad esternare anche il nostro “io” profondo.
Esprimere l’amore è la cosa più bella nella vita;
E noi, ci raccontiamo nell’amore.

开幕时间:2019年11月21日周四 18:00
Inaugurazione: 21/11/2019 18.00

展览时间:2019年11月21日—2019年12月5日
Data:21/11/2019-5/12/2019

展览地点:Funspace Art画廊
(via principe eugenio,96)
Luogo: Galleria Funspace Art

支持单位:罗马国立美术学院
中国驻意大利大使馆科教处
Patrocinio: Accademia di Belle Arti di Roma
Ufficio di Scienza ed Istruzione dell’Ambasciata Cinese in Italia

主办单位:罗马美院中国学生学者联谊会
Organizzatore: Associazione degli Studenti e Studiosi Cinesi dell’A.B.A.R.

协办单位:Funspace Art
Co-organizzatore:Funspace Art

FunSpace Art

Via Principe Eugenio, 96

0693578301

16 – 23 novembre 2019 “Paola Pavone – Ogni quadro ha una storia” Mostra personale al MUEF ArtGallery

16 – 23 novembre 2019

MUEF ArtGallery

Mostra  perrsonale

Paola Pavone – Ogni quadro ha una storia

Il MUEF ArtGallery è lieto di ospitare la personale di pittura di Paola Pavone. In esposizione circa 25 opere che l’artista vuole condividere con il pubblico di amici conoscenti e suoi estimatori. Tele che tracciano un percorso artistico in continua evoluzione.
Ogni quadro ha una storia, che è poi il titolo della mostra, significa non solo che in ogni immagine è racchiusa una vicenda, un dato più o meno personale cui il colore e la forma pittorica si adeguano e armonizzano, ma che dietro la nascita di ciascun quadro c’è un racconto, qualcosa che appartiene alla storia propria dell’artista, a quell’occasione che sembra nulla e che invece è magicamente, misteriosamente, sorprendentemente divenuta occasione di pittura, memoria di bellezza. I soggetti, le rappresentazioni, le scene e le atmosfere che stanno sulla tela riportano tutti a precise circostanze, esperienze, impressioni direttamente e sentimentalmente sperimentate.