Archivi categoria: arte

La grande scultura di papa Pio IX in Santa Maria Maggiore

Michelangelo Buonarroti è tornato

Nel cuore della Basilica papale di Santa Maria Maggiore, a Roma, c’è una grande scultura che raffigura un pontefice raffigurato in ginocchio mentre, con il rosario appeso alle mani giunte, adora la Reliquia della Mangiatoia in cui Gesù venne alla luce.

L’opera raffigura papa Pio IX ed è opera di Ignazio Jacometti.

Pio IX, al secolo Giovanni Maria Battista Pietro Pellegrino Isidoro Mastai Ferretti, entrò cardinale nella Sistina uscendone proclamato papa nell’anno 1846. A oggi è il pontefice con il più lungo pontificato della storia, dopo San Pietro: 31 anni, 7 mesi e 23 giorni.

Papa Pio IX commissionò al Vespignani il rifacimento della cripta al di sotto dell’Altare della Confessione che accoglie il prezioso reliquiario in cristallo a forma di culla. Al suo interno tradizione vuole siano conservati alcuni pezzi di legno della mangiatoia in cui venne messo Gesù appena venuto alla luce.

Il reliquiario…

View original post 239 altre parole

Arco di Gallieno “E quindi uscimmo a riveder le stelle” 34 artisti hanno interpretato i 34 canti dell’ Inferno della Divina Commedia

Un interessante progetto dell’Associazione Arco di Gallieno “E quindi uscimmo a riveder le selle“: 34 artisti hanno ideato 34 bozzetti relativi ai 34 canti dell’Inferno di Dante Alighieri che saranno realizzati in ceramica  per un’installazione permanente nel rinnovato giardino di Piazza Dante. Questo il link per conoscere i nomi degli artisti e per vedere i bozzetti che vengono pubblicati uno per giorno. Quando saranno tutti pubblicati dedicheremo un post con una galleria con tutti i bozzetti. Questo il comunicato ufficiale del’Arco di Gallieno

In occasione dei 700 anni dalla morte di Dante, Arco di Gallieno presenta “E quindi uscimmo a riveder le stelle”, un progetto che vede coinvolti 34 artisti che hanno interpretato i 34 canti dell’ Inferno. I bozzetti relativi, che qui presenteremo di volta in volta, verranno realizzati in ceramica e collocati permanentemente nel giardino di Piazza Dante all’ Esquilino. Lo scopo del progetto è quello di favorire lo sviluppo di capacità, collaborazione, solidarietà, empatia e armonia tra i cittadini e le diverse comunità straniere presenti all’ Esquilino

Un post dall’account Facebook di Bordi Belle Arti con un filmato su questo progetto

La Cappella di Sant’Elena in Santa Croce in Gerusalemme

La storia della cappella di Sant’Elena a Santa Croce in Gerusalemme in una pubbicazione di Marilena Luzietti. Un altro dei tesori dell’Esquilino non troppo conosciuto se non addirittura sconosciuto

LA CAPPELLA DI SANT’ELENA IN SANTA CROCE IN GERUSALEMME:
IL PROGRAMMA ICONOGRAFICO DEL CICLO MUSIVO

(cliccare sull’immagine per scaricare la pubblicazione)

Rinviata l’inaugurazione della mostra d’arte “A Roma con Cassola” al Liceo Classico Pilo Albertelli. Online il catalogo delle opere

Il 17 u.s. avrebbe dovuto svolgersi la cerimonia dell’inaugurazione della mostra d’arte A Roma con Cassola presso il Liceo Classico Pilo Albertelli in diretta Youtube. Purtroppo per le nuove norme restrttive anti contagio covid l’evento è stato rinviato a data da destinarsi. Accogliamo l’invito degli organizzatori a pubblicare il catalogo delle opere in attesa di poter comunicare la nuova data di inaugurazione.

Il comunicato stampa della presentazione della mostra d’arte “A Roma con Cassola

Cliccare sull’immagine per scaricare il catalogo

Appartamento papale del Palazzo Lateranense: prevista l’apertura al pubblico

Michelangelo Buonarroti è tornato

Prossimamente sarà resa accessibile al pubblico la parte privata degli appartamenti papali del Palazzo Lateranense. Fino a non molto tempo fa si poteva entrare solo nelle sale pubbliche ma il pontefice in carica, papa Francesco, ha chiesto espressamente che lo storico edificio, oggi sede del Vicariato, venga aperto ai visitatori.

Il papa, in una lettera inviata ieri al cardinale vicario di Roma Angelo de Donatis, ha chiesto di realizzare all’interno del Palazzo Lateranense una nuova attività museale e culturale provvedendo a dargli l’assetto necessario nel pieno rispetto delle “nobili tradizioni artistiche che vanta la Chiesa cattolica”, citando l’articolo 16 del trattato lateranense firmato proprio in quella che oggi si chiama Aula della Conciliazione, ubicata proprio al piano nobile del medesimo palazzo.

L’edificazione del Palazzo Apostolico Lateranense fu commissionata da papa Sisto V e venne costruito fra il 1585 e il 1589 su progetto di Domenico…

View original post 353 altre parole

1- 8 marzo 2021 “Anima Animare” Online Contemporary Art Exhibit allo Studio Medina

1 – 8 Marzo 2021

allo Studio Medina

Online Contemporary Art Exhibit

Antonella Iris De Pascale : artista

sulla pagina Facebook ed il nostro canale Youtube!
.
“Il punto di partenza è la vita reale che viene trasformata in immagini surreali in cui ci si cala emotivamente, come se l’artista fosse un attore che applica il metodo di Stanislavskj: calarsi nel sentimento per essere il sentimento stesso” …leggi di più sul concept a cura di

Chiara Gatto
 


https://www.medinaroma.com/…/antonella-iris-de-pascale…/

Il catalogo

Sancta Sanctorum, un gioiello di arte medioevale

La cappella del “Sancta Sanctorum” presso la Scala Santa è un altro dei tanti monumenti poco conosciuti  ma di grande valore artistico e culturale che da secoli fa parte dell’ immenso patrimonio storico dell’ Esquilino. Oltretutto è anche uno splendido esempio di arte medioevale non troppo comune nel pur sterminato panorama  monumentale della città di Roma

In questo post di “Roma: capitale d’arte, di bellezza e di cultura” un articolo di Federico Zeri che mette in rilievo come gli affreschi all’interno del Sancta Sanctorum rappresentino un punto di svolta nella storia dell’arte medioevale. Di seguito un tweet di Claudia Viggiani con altre foto inedite del monumento

23/01 – 14/02 2021″What am I doing here?” Mostra digitale allo Studio Medina

23/01/21 – 14/02/21

Studio Medina

“What am I doing here? An identity study”

Catalogo della Mostra digitale di Arte Contemporanea a cura di Nicola Bigliardi.

Artisti: Giulio Cassanelli, Fabio Cicuto, Elvino Motti In collaborazione con All Art has been contemporary

Galleria Medina Roma

Via Angelo Poliziano, 28-32-34-36

info@medinaroma.com

http://www.medinaroma.com

http://www.allartcontemporary.org

5-20 febbraio 2021 “Artenauta 2021!” allo Studio Medina

Dal 5 al 20 febbraio 2021
Studio Medina Arte Roma
ripare dall’Arte, dalla bellezza e dalla Cultura, con il Festival

ARTENAUTA 2021!

 
Realizzato con il contributo della Regione Lazio e con il patrocinio del Roma Municipio I Centro, il Festival ARTENAUTA 2021 ci porterà alla scoperta delle opere di importanti artisti contemporanei, ci prenderà per mano facendoci incontrare i più grandi autori e poeti che hanno narrato Roma, ci farà riscoprire scultori grazie a un laboratorio di scultura per i più giovani. Il tutto senza dimenticare le storie e il valore che ciascuno di noi porta con sé, da rendere eterni grazie alla fotografia.
VEN. 5 FEB, ore 17.30 (online): presentazione del Festival e vernissage d’arte contemporanea “Cross limits” di Fabio Cicuto, Antonio Finelli, Elvino Motti, Alessandro Trani e Willow.
SAB. 6 FEB (online): alle 10 e alle 16: Laboratorio di scultura per bambini e ragazzi con Giuseppe Palermo.
DOM. 7 FEB: (in presenza previa prenotazione) Dalle ore 10 alle ore 13, set fotografico “Ritratto di famiglia“.
(Online) Ore 18.30: “Roma e i suoi scrittori”, reading di poesia de La setta dei poeti estinti.
VEN. 12 FEB: (in presenza previa prenotazione): Pitch day, idee per Rione Monti, Colle Oppio, Esquilino.
SAB. 20 FEB: Lancio sul web del video ARTENAUTA 2021
 
Nel rispetto delle norme anti-Covid19, alcuni eventi saranno fruibili in streaming, mentre la partecipazione al set fotografico e al pitch day è gratuita e a numero chiuso, previa prenotazione via mail info@medinaroma.com

Via Angelo Poliziano, 28-32-34-36

3 febbraio – 5 marzo 2021 “Roberta Meldini. Plastica linearità e sinuosa tridimensionalità” al Palazzo Merulana

donna al sole 5

da mercoledì 3 febbraio a venerdì 5 marzo 2021

Roberta Meldini. Plastica linearità e sinuosa tridimenzionalità

Mostra retrospettiva

Palazzo Merulana

In occasione del novantesimo anniversario dalla nascita, Palazzo Merulana presenta la prima mostra retrospettiva dedicata all’artista Roberta Meldini, scultrice e disegnatrice scomparsa nel 2011, protagonista di rilievo nel panorama artistico della seconda metà del Novecento.

Dal 3 febbraio al 5 marzo , in esposizione una selezione di oltre 50 opere 16 tra sculture in bronzo, cemento, e terracotta e 36 tra dipinti, grafica incisoria e disegni a linea continua – rappresentativa della produzione artistica che, partendo dai primi anni ‘70, giunge alla fine degli anni ‘90 del XX secolo, sebbene l’opera omnia dell’artista abbia coperto l’arco cronologico di cinque decenni, dagli anni Cinquanta ai primi anni 2000.

In mostra tre delle tematiche predilette dallartista. Le donne: le sue sinuose figure monolitiche sono raffigurate isolate, nelle pose più disparate – distese, sedute, in piedi – o in contesti naturalistici incontaminati dal carattere fiabesco; i ritratti di persone vicine all’artista o personaggi sconosciuti, appartenenti ai più disparati ceti sociali; infine gli animali, soggetto “umanizzato e tipizzato”, molto caro a Roberta Meldini: i suoi bronzi, come lo Chant Clair, il Pavone, la Tartaruga, il Camaleonte ed il Cormorano morente, sono tanto eloquenti e a sé stanti quanto lo sono gli animali che vivono nella natura incontaminata nella quale la Meldini ambienta la sua produzione grafica, incisoria e a linea continua.

Le diverse anime dell’artista, come sottolinea la curatrice della mostra Brigida Mascitti, sono presenti attraverso il comun denominatore dell’“elogio alla vita”, in qualsiasi forma di espressione  – umana, animale e naturale dunque – e mediante la peculiare cifra stilistica della Meldini, nella sua costante ricerca di un segno originale e distinto, ma al contempo memore della produzione scultorea figurativa nazionale – Giacomo Manzù, Marino Marini, Emilio Greco, Venanzo Crocetti – ed internazionale – Henry Moore e Constantin Brancusi – del primo Novecento.

Le opere della Meldini, siano esse scultoree o dipinte, incise o disegnate a linea continua, mostrano tutte la medesima ieraticità plastica, la forza espressiva del gesto, del pensiero, del sentimento, la sinuosità viva della carne – scrive la curatrice nel testo in catalogo – sono figure sorprendentemente umane e vitali, memori della grande tradizione della scultura classica e novecentesca ma sempre reinterpretate alla luce di una personalissima cifra stilistica che le rende uniche nel loro genere e senza tempo”.

Allieva dei grandi della tradizione figurativa novecentesca – Michele Guerrisi e Domenico Purificato tra tutti – Roberta Meldini infonde, nella sua produzione artistica, le tracce dellarcaico e dellantico, del Quattrocento e del Rinascimento, dellinnovazione di Auguste Rodin e dellespressionismo di Medardo Rosso, reinterpretandole costantemente alla luce della contemporaneità e dellinnovazione. Le sue sono opere senza tempo poiché, come scriveva Adolfo Wildt, “larte, come la vita, non è né avanti né indietro […] non è istintività, ma esercizio, un modo di declinare un linguaggio che ha leggi eterne” ( L’arte del marmo, 1921).

La mostra, patrocinata dal Comune di Roma e dalla Regione Lazio, è a cura di Brigida Mascitti ed organizzata dallAssociazione Roberta Meldini per lArte Contemporanea.

La mostra è corredata dal catalogo edito da Palombi Editore.

Intero € 10,00
Ridotto € 8,00 (Giovani under 26, adulti over 65, insegnanti in attività, possessori di Cartax2, possessori Lazio Youth card)
Scuole € 6.00 (per studente). Prenotazione obbligatoria turno ingresso scuole € 20.00
Gruppi € 8.00 a persona (min 10, max 25 persone) Prenotazione obbligatoria turno ingresso gruppi € 30.00
Gratuito (bambini under 7, un insegnante ogni 10 studenti, un accompagnatore ogni 10 persone, disabile con accompagnatore, possessori Palazzo Merulana Pass e Palazzo Merulana Pass Young, membri ICOM, guide turistiche con patentino)

Il biglietto di ingresso consente l’accesso alla Collezione Cerasi e alla mostra “Roberta Meldini. Plastica linearità e sinuosa tridimensionalità

Prenotazione consigliata
Diritti di prenotazione 2.00 €

Orari di apertura

 Dal lunedì al venerdì
Dalle ore 12.00 alle ore 19.00

Acquista il biglietto d’ingresso

sabato e domenica chiuso