Archivi categoria: Archeologia

I tesori nascosti nel sottosuolo del Rione Esquilino – #5

Un interessantissimo articolo del Prof. Federico Guidobaldi dal titolo:

Horti nominis sui: considerazioni sulla residenza esquilina di Licinio Gallieno e sulla topografia degli Horti nell’area sud-est di Roma

Si tratta di un’analisi storico-topografica sugli antichi Horti che erano situati nella parte est dell’Esquilino (grosso modo via Giolitti e vie limitrofe, dalla Stazione Termini a Porta Maggiore). Inoltre viene trattata con dovizia di particolari storici l’origine del cd. Tempio di Minerva Medica anche alla luce degli ultimi rilievi effettuati in occasione dei recenti lavori di restauro e consolidamento del monumento.

Il cd. Tempio di Minerva Medica, il tabacco e …

Spesso sulle pagine di questo blog abbiamo affermato che nei secoli passati il cd. Tempio di Minerva Medica è stato uno dei monumenti più conosciuti, apprezzati e studiati da chi veniva a Roma per visitare le tante fantastiche testimonianze artistiche e archeologiche  lasciateci in eredità dai nostri progenitori. La cupola del Duomo di Firenze del Brunelleschi , la ex chiesa ora moschea di Santa Sofia ad Instambul e tante altre opere sparse in Italia e nel mondo forse non sarebbero esistite o sarebbero state concepite in maniera completatamente diversa se il Tempio di Minerva Medica non fosse rimasto quasi intatto nella sua struttura per secoli e secoli. Abbiamo anche detto più volte del fatto che dopo sua maestà il Colosseo è stato il monumento di Roma antica più riprodotto da pittori, incisori ed architetti ed infatti è possibile vedere pubblicate su internet un numero impressionante di opere e fotografie del passato, ma come sapete tutti da circa un secolo è caduto nell’oblio in quanto chiuso al pubblico e fino a pochi anni fa in pericolo di crollo per discutibili scelte urbanistiche prima e di mobilità dopo. Ora pare che, finalmente, nel 2020 si possa celebrare la sua definitiva riapertura al pubblico, cosa senz’altro gradita a moltissimi cittadini visto il grande successo che hanno ottenuto le recenti aperture straordinarie per le Giornate Europee del Patrimonio 2019. E per buon augurio vogliamo pubblicare questa eccezionale immagine di una tabacchiera di squisita fattura  risalente alla fine del XVIII secolo o al massimo ai primi anni del XIX (per la presenza visibile della struttura della cupola crollata nel 1828 e degli abiti del viandante seduto)  e raffigurante in tutta la sua imponenza e bellezza il cd. Tempio di Minerva Medica

Beh, auguri Tempio di Minerva Medica, che il 2020 possa essere finalmente l’anno del tuo definitivo riscatto!

I tesori nascosti nel sottosuolo del Rione Esquilino – #4

I lavori di ammodernamento della linea A delle Metropolitana di Roma non solo hanno svelato delle nuove conoscenze topografiche nel quadrante compreso tra viale Manzoni e via Emanuele Filiberto, come abbiamo pubblicato nel post #3 dei tesori nascosti del Rione Esquilino (vedi), ma, contestualmente, sono venuti alla luce dei nuovi,  interessantissimi, reperti archeologici nel sottosuolo del giardino di Piazza Vittorio appartenenti ai noti Horti Lamiani.

Ecco un esauriente articolo  sull’argomento:

Roma, Piazza Vittorio Emanuele II. Un nuovo settore degli Horti Lamiani

Salvo Barrano – Donato Colli – Mariateresa Martines

1 dicembre 2019 “Passeggiando nell’arte” archeologia, musica e danza nel comprensorio archeologico di Santa Croce in Gerusalemme

Domenica 1 dicembre alle ore 10.30 il comprensorio archeologico di Santa Croce in Gerusalemme si svelerà attraverso un evento imperdibile. L’iniziativa dal titolo Passeggiando nell’arte è stata realizzata dalla Soprintendenza Speciale Archeologia Belle Arti e Paesaggio di Roma.

Un’occasione unica per conoscere la splendida area archeologica di Santa Croce in Gerusalemme. SI intervalleranno nel corso dell’evento curato da Rita Ferraro, le esibizioni del Coro di Piazza Vittorio, i balletti di Chiara Di Loreto, Sofia Fantozzi e Sofia Ronchini e l’intervento teatrale e musicale di Antonella Caserta e gli intermezzi della compagnia teatrale Gli Innominabili diretta da Giulia Liscaio composta da Alessio Fregoli, Giorgia Brasili, Livia Coppola e Sonia Del Marro

28 novembre 2019 – 1 marzo 2020 “Roads of Arabia – Archaeological Treasures of Saudi Arabia” al Museo Nazionale Romano alle Terme di Diocleziano

Dal 28 novembre 2019 al 1 marzo 2020 alle Terme di Diocleziano sarà ospitata la grande mostra Roads Of Arabia Archaeological Treasures of Saudi Arabia La mostra, portata in Italia dal Ministero della Cultura dell’Arabia Saudita e dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali e per il Turismo, esplora il ricco patrimonio della penisola arabica attraverso reperti archeologici, capolavori storico artistici e antichi documenti. Dal 29 novembre al 28 dicembre tutti i venerdì e sabato le Terme di Diocleziano saranno eccezionalmente aperte dalle 20.00 alle 23.00. Al costo di 5 euro sarà possibile visitare, oltre al complesso museale, anche la mostra #RoadsofArabia!

Il link al sito della mostra http://roadsofarabia.sa/

Alcune delle opere esposte

Questa presentazione richiede JavaScript.

I tesori nascosti nel sottosuolo del Rione Esquilino – #3

Roma. Viale Manzoni, Via Emanuele Filiberto. L’ammodernamento della linea A della Metropolitana: nuovi spunti per la conoscenza della topografia antica

Donato Colli – Mariateresa Martines – Sergio Palladino

Un interessante articolo sulla topografia antica della zona compresa tra viale Manzoni e via Emanuele Filiberto. Lo studio analizza le indagini eseguite in quella parte dell’Esquilino tra il 2006 e il 2008 in occasione dei lavori di ammodernamento della linea A della Metropolitana.

Il saggio mette in evidenza la presenza di antichissime vie di comunicazione tra Palatino e Celio che passavano proprio in questa zona e pone l’accento sulle numerose distruzioni effettuate fino agli anni ’20 del secolo scorso per la costruzione degli edifici del nuovo Esquilino e quelle degli anni ’70 per la costruzione della Metro A con le relative stazioni. Fotografie, planimetrie e sezioni molto accurate completano questo interessantissimo articolo.

 

 

“MINERVA MEDICA Ricerche, scavi e restauri” (Electa): presentata la prima monografia su uno dei monumenti più singolari della Roma del IV secolo

archeologiavocidalpassato

La copertina del libro “MINERVA MEDICA Ricerche, scavi e restauri” curata per Electa da Mariarosaria Barbera e Marina Magnani Cianetti

È la prima monografia completa su uno dei più singolari e arditi monumenti del IV secolo a Roma destinato a esercitare una forte influenza nell’architettura moderna e ad essere protagonista di una straordinaria fortuna visiva nel vedutismo: il tempio di Minerva Medica a Roma. La pubblicazione “MINERVA MEDICA Ricerche, scavi e restauri” curata per Electa da Mariarosaria Barbera e Marina Magnani Cianetti è stato presentato giovedì 7 novembre 2019 al Planetario delle Terme di Diocleziano da Daniela Esposito dell’università La Sapienza di Roma, e Rita Volpe della Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali, con la partecipazione di Antonio Lampis, direttore generale Musei. Per le sue imponenti dimensioni e per la sue avveniristiche soluzioni costruttive, essendo rimasto sempre visibile nel suo stato di maestosa, isolata rovina, il cosiddetto Tempio di Minerva Medica…

View original post 153 altre parole

7 novembre 2019 presentazione del volume “Minerva Medica – Ricerche, scavi e restauri” al Planetario delle Terme di Diocleziano

SCHEDA VOLUME

I tesori nascosti nel sottosuolo del Rione Esquilino – #2

Che l’Esquilino in genere e Piazza Vittorio in particolare siano delle autentiche miniere di materiale archeologico è risaputo, ciò nonostante quando negli scavi effettuati per realizzare il nuovo palazzo oggi sede dell’ENPAM vennero alla luce dei reperti di notevole bellezza ed importanza lo stupore degli archeologi deve essere stato veramente grande. Ed infatti erano stati ritrovati i resti della villa di Caligola.

Ci siamo già occupati su questo blog di questo argomento illustrando il progetto dell’ENPAM di costruire un vero e proprio museo sotterraneo (vedi il post)   per rendere fruibile al pubblico  questo eccezionale sito archeoligico ma in attesa che vengano ultimati i lavori accontentiamoci di leggere questa interessantissima pubblicazione scientifica sulla villa di Caligola ricca di spiegazioni sull’area interressata e di immagini suggestive di reperti, alcuni ritrovati nei secoli scorsi nelle vicinanze, altri che potremo ammirare nell’annesso museo che sarà realizzato accanto ai resti sotterranei dell’edificio imperiale

18 ottobre 2019: Prenotazione obbligatoria per la visita al Tempio di Minerva Medica

Prenotazione obbligatoria sul sito

http://www.coopculture.it

pagina dedicata

 

Scheda ufficiale della Soprintendenza Speciale Archeologia Belle Arti e Paesaggio di Roma

La locandina in italiano e in inglese

La locandina in italiano e francese