Archivi categoria: Decoro urbano

Resoconto sull’assemblea pubblica tenutasi a Piazza G. Pepe sul progetto di riqualificazione del giardino

Mercoledì 16 ottobre  si è tenuta a P.za G. Pepe un’assemblea pubblica organizzata dal I Municipio che aveva per tema la presentazione del progetto vincitore del bando indetto per la sistemazione e la riqualificazione del giardino situato davanti alla piazza.

Dall’esposizione degli architetti che si occuperanno del progetto definitivo si è percepita l’idea di ricostruire in questo spazio, rimasto miracolosamente intatto nei secoli, un giardino che ricordi quelli che esistevano nel ‘600 e nel ‘700 nella zona, fedelmente descritti nelle mappe del Vasi e del Nolli.

A questo proposito ecco un particolare dell’area interessata ricavato dalla Pianta del Nolli del 1748

I rappresentanti dei vari comitati presenti e alcuni residenti hanno proposto indicazioni e spunti di riflessione  che verranno esaminati e elaborati nel progetto definitivo che sarà presentato pubblicamente tra 40 giorni.

Ecco alcune di queste riflessioni e proposte riassunte in una tabella redatta dal I Municipio

e per finire alcune considerazioni particolareggiate del Comitato Esquilino Vivo sull’argomento

 

Annunci

13 ottobre 2019 Raccolta straordinaria gratuita dei rifiuti ingombranti nel I Municipio

Domenica 13 ottobre dalle 8,00 alle 13,00 avrà luogo la raccolta dei rifiuti ingombranti a Piazza Vittorio.

RITIRO BICICLETTE
domenica 13 ottobre in concomitanza con l’iniziativa “Il tuo quartiere non è una discarica”, nelle postazioni elencate di seguito, i volontari dell’associazione I Ciclonauti ritireranno le biciclette usate.

  • lungotevere di Pietra Papa – Municipio XI
  • piazzale Clodio – Municipio I
  • piazza Vittorio – Municipio I
  • via Francesco Tovaglieri (fronte civico 201) – Municipio V
  • via Teano, 38 – Municipio V
  • via Rovigno D’Istria (mercato Villa Gordiani) – Municipio V
  • via Anzio (area parcheggio) – Municipio VII

Nel ricordare questa data vorremmo far presente che :

I rifiuti di grandi dimensioni debbono essere gettati in questi modi :

Raccolta ingombranti a domicilio
È attivo il servizio Riciclacasa e Lavoro di raccolta dei rifiuti ingombranti, elettrici, elettronici, come elettrodomestici, divani, mobili e altre tipologie di rifiuti. Scegli il tipo di servizio.
Per le utenze domestiche fino a 2 mc di materiale, 12 volte l’anno anno, a piano strada. È richiesto il codice utente Ta. Ri.
Per le utenze non domestiche (negozi, uffici, ecc.), per ritiri al piano abitazione, box e cantine e per materiali oltre i 2 metri cubi.

Nei Centri di raccolta rifiuti ingombranti. In questo link la cartina con tutti quelli dislocati nel territorio urbano.

Raccolte domenicali rifiuti ingombranti. La seconda domenica del mese in alternanza tra municipi pari e dispari in alcune zone si possono gettare rifiuti ingombranti a titolo gratuito. Nel nostro rione la raccolta avviene o a Piazza di Porta Maggiore – lato parcheggio tra via Statilia e via di Porta Maggiore o a Piazza Vittorio lato via Carlo Alberto dalle 8,00 alle 13,00.

Cosa posso consegnare? Rifiuti ingombranti tavoli, armadi, cassetti, credenze, librerie e scaffali letti, materassi e reti sedie, poltrone e divani porte, infissi, tende da esterno e ombrelloni passeggini, carrozzine, fasciatoi, girelli e culle acquari, quadri, specchi, lampade e lampadari sanitari, vasche da bagno e box doccia Rifiuti elettrici ed elettronici – RAEE lavatrici, frigoriferi, congelatori, macchine del gas e tutti gli elettrodomestici singoli e da incasso telefoni, computer, monitor e stampanti televisori, impianti hi-fi, lettori, videoregistratori e videogiochi ventilatori, condizionatori, stufe, etc. asciugacapelli, bilance elettriche ed elettroniche.

Ricordiamo che il problema dei rifiuti urbani riguarda tutti da vicino. Per evitare disastri ambientali è giusto monitorare e criticare le decisioni e le attività di Comune e Regione ma dobbiamo essere noi i primi a dare l’esempio, La strada non è una discarica e simili scene visibili quotidianamente vicino ai nostri cassonetti vorremmo proprio non vederle più.

Chi possiede uno smartphone (Iphone o Android) può collegarsi al sito http://www.amaroma.it/mobile per avere in qualunque luogo notizie utili alla raccolta dei rifiuti .

Ama provvederà a differenziare secondo la categoria merceologica (legno, ferro, plastica, altri metalli, ecc.) i rifiuti riciclabili raccolti e ad avviarli alle rispettive filiere di recupero. Si ricorda inoltre che l’azienda mette quotidianamente a disposizione dei cittadini altri due canali per disfarsi gratuitamente dei rifiuti ingombranti, elettrici ed elettronici, che non devono essere assolutamente conferiti nei cassonetti stradali: i 14 centri di raccolta aziendali aperti tutti i giorni e, dallo scorso 1 dicembre, il servizio di ritiro a domicilio al piano strada per i materiali fino a 2 metri cubi di volume. Il servizio può essere prenotato tramite il ChiamaRoma 060606 oppure compilando l’apposito modulo di richiesta nella sezione Servizi on-line
Per informazioni sull’iniziativa e sui siti coinvolti, i cittadini possono anche contattare la Sala Operativa Ama, tel. 0651693339/3340/3341.

All’Esquilino serrande e muri non possono essere puliti per più di un giorno

A viale Manzoni all’angolo con via Conteverde da decenni il Palazzo ex sede del Provveditorato agli Studi di Roma e Provicia, all’esterno, appariva in uno stato di degrado e abbandono totale: ecco alcune foto che testimoniano solo in parte la situazione, mancano infatti gli innumerevoli strati di manifesti abusivi che in pratica tappezzavano l’intero angolo del palazzo.

Da qualche tempo sono iniziati dei lavori di ristrutturazione degli interni e contestualmente si è iniziato a ripulire anche l’esterno eliminando graffiti, tag, manifesti e adesivi abusivi.

L’edificio ha ripreso l’aspetto originario e sinceramente, ormai ripulito, non mostra affatto gli oltre cinquant’anni di vita e sembra quasi un fabbricato nuovo.

Ecco alcune foto dei lavori in corso

Ma i soliti vandali graffitari che insozzano tutti i muri e tutte le serrande del Rione non hanno aspettato neppure che finisse il lavoro per iniziare a sporcare e dopo solo un giorno hanno imbrattato le serrande appena riverniciate

 

Non è possibile continuare così, è ora che vengano prese delle misure drastiche da parte delle autorità, non possiamo lasciare che questi dementi riducano la città in questo stato: se si lasciano agire indisturbati ed impuniti passa anche la fantasia e la voglia di ripulire i fabbricati facendo sprofondare questa città in uno stato di degrado e abbandono sempre peggiore.

Ma perchè i graffitari devono sempre farla franca?

Esiste un ben preciso articolo del Codice di Procedura Penale che indica multe, pene e rimedi per chi imbratta “cose mobili o immobili altrui“.  Vista la situazione di gran parte degli edifici dell’Esquilino,  Stazione Termini e portici di Piazza Vittorio  compresi, vorremo sapere perchè si lasciano agire indisturbati ed impuniti i vandali che imbrattano  nottetempo i muri dei palazzi  privati e anche di costruzioni soggette a vincolo della Soprintendenza Speciale Archeologia, Belle Arti e Paesaggio di Roma.

Speriamo che la recente installazione di videocamere sotto i portici di Piazza Vittorio (vedi) non sia fine a se stessa ma l’inizio di una lotta senza quartiere non solo per gli atti di delnquenza ma anche nei confronti di questi vandali che hanno deturpato con i loro assurdi graffiti e scarabocchi non solo l’Esquilino ma gran parte della città di Roma non risparmiando monumenti di inestimabile valore

Ecco il testo integrale dell’articolo 639 del C.P.P. e di seguito alcune foto (ma potrebbero essere migliaia) della situazione a dir poco imbarazzante del Rione e dei mezzi pubblici

Dispositivo dell’art. 639 Codice penale

Chiunque, fuori dei casi preveduti dall’articolo 635, deturpa o imbratta cose mobili o immobili altrui (1) è punito, a querela della persona offesa, con la multa fino a centotre euro (2).

Se il fatto è commesso su beni immobili o su mezzi di trasporto pubblici o privati si applica la pena della reclusione da uno a sei mesi o della multa da 300 a 1.000 euro. Se il fatto è commesso su cose di interesse storico o artistico, si applica la pena della reclusione da tre mesi a un anno e della multa da 1.000 a 3.000 euro (3).

Nei casi di recidiva per le ipotesi di cui al secondo comma si applica la pena della reclusione da tre mesi a due anni e della multa fino a 10.000 euro (4).

Nei casi previsti dal secondo comma si procede d’ufficio (4).

Con la sentenza di condanna per i reati di cui al secondo e terzo comma il giudice, ai fini di cui all’articolo 165, primo comma, può disporre l’obbligo di ripristino e di ripulitura dei luoghi ovvero, qualora ciò non sia possibile, l’obbligo di sostenerne le spese o di rimborsare quelle a tal fine sostenute, ovvero, se il condannato non si oppone, la prestazione di attività non retribuita a favore della collettività per un tempo determinato comunque non superiore alla durata della pena sospesa, secondo le modalità indicate nella sentenza di condanna. (5)

Questa presentazione richiede JavaScript.

16 giugno 2019 Raccolta straordinaria gratuita dei rifiuti ingombranti nel I Municipio

Domenica 16 giugno dalle 8,00 alle 13,00 avrà luogo la raccolta dei rifiuti ingombranti a Piazza Vittorio.

Nel ricordare questa data vorremmo far presente che :

I rifiuti di grandi dimensioni debbono essere gettati in questi modi :

Raccolta ingombranti a domicilio
È attivo il servizio Riciclacasa e Lavoro di raccolta dei rifiuti ingombranti, elettrici, elettronici, come elettrodomestici, divani, mobili e altre tipologie di rifiuti. Scegli il tipo di servizio.
Per le utenze domestiche fino a 2 mc di materiale, 12 volte l’anno anno, a piano strada. È richiesto il codice utente Ta. Ri.
Per le utenze non domestiche (negozi, uffici, ecc.), per ritiri al piano abitazione, box e cantine e per materiali oltre i 2 metri cubi.

Nei Centri di raccolta rifiuti ingombranti. In questo link la cartina con tutti quelli dislocati nel territorio urbano.

Raccolte domenicali rifiuti ingombranti. La seconda domenica del mese in alternanza tra municipi pari e dispari in alcune zone si possono gettare rifiuti ingombranti a titolo gratuito. Nel nostro rione la raccolta avviene o a Piazza di Porta Maggiore – lato parcheggio tra via Statilia e via di Porta Maggiore o a Piazza Vittorio lato via Carlo Alberto dalle 8,00 alle 13,00.

Cosa posso consegnare? Rifiuti ingombranti tavoli, armadi, cassetti, credenze, librerie e scaffali letti, materassi e reti sedie, poltrone e divani porte, infissi, tende da esterno e ombrelloni passeggini, carrozzine, fasciatoi, girelli e culle acquari, quadri, specchi, lampade e lampadari sanitari, vasche da bagno e box doccia Rifiuti elettrici ed elettronici – RAEE lavatrici, frigoriferi, congelatori, macchine del gas e tutti gli elettrodomestici singoli e da incasso telefoni, computer, monitor e stampanti televisori, impianti hi-fi, lettori, videoregistratori e videogiochi ventilatori, condizionatori, stufe, etc. asciugacapelli, bilance elettriche ed elettroniche.

Ricordiamo che il problema dei rifiuti urbani riguarda tutti da vicino. Per evitare disastri ambientali è giusto monitorare e criticare le decisioni e le attività di Comune e Regione ma dobbiamo essere noi i primi a dare l’esempio, La strada non è una discarica e simili scene visibili quotidianamente vicino ai nostri cassonetti vorremmo proprio non vederle più.

Chi possiede uno smartphone (Iphone o Android) può collegarsi al sito http://www.amaroma.it/mobile per avere in qualunque luogo notizie utili alla raccolta dei rifiuti .

Ama provvederà a differenziare secondo la categoria merceologica (legno, ferro, plastica, altri metalli, ecc.) i rifiuti riciclabili raccolti e ad avviarli alle rispettive filiere di recupero. Si ricorda inoltre che l’azienda mette quotidianamente a disposizione dei cittadini altri due canali per disfarsi gratuitamente dei rifiuti ingombranti, elettrici ed elettronici, che non devono essere assolutamente conferiti nei cassonetti stradali: i 14 centri di raccolta aziendali aperti tutti i giorni e, dallo scorso 1 dicembre, il servizio di ritiro a domicilio al piano strada per i materiali fino a 2 metri cubi di volume. Il servizio può essere prenotato tramite il ChiamaRoma 060606 oppure compilando l’apposito modulo di richiesta nella sezione Servizi on-line
Per informazioni sull’iniziativa e sui siti coinvolti, i cittadini possono anche contattare la Sala Operativa Ama, tel. 0651693339/3340/3341.

Tempio di Minerva Medica: ormai oltre a tutti i suoi problemi è diventato anche un caso di disubbidienza civile

Stamattina, 3 giugno, di buon ora, una squadra dell’AMA ha ripulito per la seconda volta in pochi giorni l’area davanti al cd. Tempio di Minerva Medica, ecco come era di nuovo ridotta prima dell’intervento (notare il materasso di colore celeste con un’etichetta sulla destra e una scatola con un disegno giallo):

Foto n.1: Cliccare per ingrandire

ma sono passate solo poche ore e di nuovo è stato rimesso un materasso con altri rifiuti in una scatola anonima  (il materasso è grigio e senza etichetta e per terra è ancora pulito)

Foto n.2: Cliccare per ingrandire

Non solo questo monumento che per secoli è stato uno dei più importanti di Roma Antica è chiuso al pubblico da oltre un secolo e condannato da allora all’oblio e al degrado, ma sta diventando, purtroppo, una vera e propria pattumiera e un caso di disubbidienza civile !

Cui prodest?

Ora basta: il Tempio di Minerva Medica sta diventando una vera e propria pattumiera!

Non abbiamo fatto in tempo a rallegrarci perchè dopo aver pubblicato il post “Tempio di Minerva Medica: dalle statue ai materassi” è arrivata una squadra dell’AMA a ripulire l’area

e per qualche giorno il monumento ha riacquistato quel briciolo di dignità che abbandono, incuria ed ignoranza gli hanno tolto da decenni, che, come se niente fosse hanno ricominciato ad accumulare sporcizia e rifiuti adibendo nicchie ed anfratti in depositi di materassi e oggetti pescati qua e la dai cassonetti approfittando del fatto che quegli spazi sono praticamente preclusi al passaggio dei pedoni per la presenza delle rotaie da una parte e delle mura del Tempio dall’altra.

La situazione, purtroppo, è ritornata quella di partenza con i materassi e i rifiuti in bella vista davanti alle mura di questo bellissimo ma sfortunatissimo monumento

Dobbiamo rassegnarci a considerarlo una pattumiera?

 

Tempio di Minerva Medica: dalle statue ai materassi

Al tempo del suo massimo fulgore nelle nicchie del cd. Tempio di Minerva Medica c’erano statue meravigliose,  poi nei secoli successivi anche se spogliato di queste e dei rivestimenti preziosi aveva sempre mantenuto una sua dignità anche nei periodi peggiori tanto da essere preso a modello da numerosi artisti  per la realizzazione di altri monumenti a loro volta divenuti patrimonio dell’umanità e per innumerevoli stampe e dipinti.

Oggi al posto delle statue troviamo i materassi

 

e la situazione generale peggiora sempre di più come testimoniano le fotografie seguenti

Questa presentazione richiede JavaScript.

Piange il cuore vedere un monumento del genere ridotto in questo stato  oltretutto tenendo presente che un’altra delle concause che contribuisce a tenere il cd. Tempio di Minerva Medica in queste condizioni è ben lungi dall’essere risolta

Porta Maggiore, ma che male hai fatto? Parte seconda

Questa presentazione richiede JavaScript.

Nelle scorse settimane abbiamo notato con grande piacere che dopo anni di attesa erano iniziati i lavori per la definitiva ristrutturazione dei bagni pubblici a Piazza di Porta Maggiore.  Un atto doveroso nei confronti della cittadinanza e dei numerosi turisti che giornalmente passano per questa piazza dal momento che, praticamente, erano spariti da tutto il Rione Esquilino e in genere da quasi tutta Roma.

In realtà si pensava che fossero ripristinati e, ovviamente, migliorati quelli già esistenti che essendo sotterranei avevano un basso impatto con la realtà archeologica circostante.

Ed invece, all’improvviso ci siamo ritrovati  questa ingombrante struttura che non solo oscura la visuale della Porta ma è un pugno in un occhio in un’area archeologica che dovrebbe essere tutelata non solo dal degrado ma anche e soprattutto da un punto di vista paesaggistico.

Insomma, non basta il traffico incessante, il trenino che passa sotto i suoi archi, il degrado, la sporcizia, il buio, dato che Porta Maggiore non gode di una propria illuminazione, ora dobbiamo anche ringraziare i tecnici che con grande acume e sensibilità per il patrimonio archeologico hanno realizzato questa struttura.

Lasciamo a voi qualsiasi giudizio vorremmo solo ricordare il IX articolo della Costituzione della Repubblica Italiana:

La Repubblica promuove lo sviluppo della cultura e la ricerca scientifica e tecnica [cfr. artt. 33, 34].

Tutela il paesaggio e il patrimonio storico e artistico della Nazione.

Porta Maggiore, ma che male hai fatto? Parte prima

Figura 1: Plastico di Porta Maggiore in età Claudia allestito nella mostra “Claudio Imperatore – Messalina , Agrippina e le ombre di una dinastia” al Museo dell’Ara Pacis

Nella figura 1 una riproduzione di Porta Maggiore e del suo complesso monumentale negli anni immediatamente successivi alla sua costruzione voluta dall’Imperatore Claudio.

Da allora nei secoli seguenti è stato tutto un susseguirsi di interventi che ne hanno profondamente alterato la sua magnificenza e la sua struttura fino a quasi farla scomparire: qui sotto un’incisione del Vasi del XVIII secolo

Figura 2: G. Vasi secolo XVIII, veduta di Porta Maggiore

Si pensava che con gli interventi compiuti tra la fine del secolo XIX e l’inizio del XX Porta Maggiore ritornasse agli antichi splendori ma scellerate scelte di natura ferrotranviaria solo in parte corrette nei decenni successivi,

la mancanza di un piano generale per la mobilità che la preservasse da scene quotidiane di questo tipo

Figura 2: Piazzale Eleniano, il traffico quotidiano

e una lotta al degrado tutt’altro che incisiva

Questa presentazione richiede JavaScript.

hanno fatto sì che un sito archeologico di questa importanza e bellezza fosse ridotto in uno stato pietoso.

Continua nella seconda parte