Cronache da San Giovanni

ilcantooscuro

Per dirla tutta, è complicato raccontare la Festa di San Giovanni all’Esquilino, perché le emozioni e le immagini si accavallano, rischiando di travolgermi. Certo, è stata un’ammazzata (per il sottoscritto, limitata, siamo onesti), una corsa contro il tempo, una lotta con una burocrazia folle insensata, ma alla fine ne è valsa la pane. Gli abitanti del Rione, qualsiasi sia la loro storia e cultura, si sono riappropriati delle loro storie e tradizioni e hanno recuperato la dimensione sociale di uno spazio urbano troppo spesso dimenticato dalle istituzioni

Una festa, che ha rafforzato il nostro essere una comunità e ci ha acculturato, con la visita ai San Vito e con la musica del Coro di Piazza Vittorio, che è stata veramente commovente e ci ha riavvicinato alla profonda spiritualità e allo stupore che ogni uomo prova davanti al mistero dell’Esistenza, al di là di quelle costruzioni convenzionali a cui diamo il…

View original post 209 altre parole

Palazzo Massimo: il Discobolo Lancellotti come non l’avete mai visto!

Dal sito della Sopraintendenza Speciale per il Colosseo

Il Discobolo

Due copie del II sec d. C. da un originale bronzeo dello scultore del V secolo Mirone, molto celebrato dagli scrittori antichi come opera fondamentale per lo studio della figura atletica in movimento. Il discobolo Lancellotti (nella foto), scoperto nel 1781 sull’Esquilino, in un’area occupata anticamente da ville e giardini ed entrato nella collezione di Palazzo Massimo Lancellotti, durante la seconda guerra mondiale fu trasferito in Germania, e restituito all’Italia nel 1948. Di età antonina, è considerato, a causa della mancanza di tridimensionalità, una delle repliche più vicine all’originale, datato generalmente intorno al 450 a. C. Il discobolo di Castelporziano, purtroppo mancante della testa, fu invece rinvenuto nel 1906 tra i resti di una villa imperiale nella tenuta di Castelporziano. Rappresenta una versione più naturalistica ed evoluta rispetto alla copia Lancellotti che forse è stata eseguita in età adrianea, come suggeriscono il puntello a tronco di palma e la forma del plinto.

Così eravamo abituati a vedere le innumerevoli opere d’arte dei nostri musei: o dal vivo (scelta largamente preferibile) o in fotografia o al massimo in un video. Da oggi la tecnologia ci offre la possibilità di ammirare  in special modo le statue da punti di vista inconsueti e impossibili  anche per chi ha la fortuna di essere sul posto. Cliccate sul link seguente e buono spettacolo! Per una corretta visione è necessario un browser di ultima generazione e, possibilmente, un buon collegamento internet.

https://sketchfab.com/models/11a7023e65204671ad4dbd69dfab5939/embed

Lancelotti Discobolus
by egiptologo91
on Sketchfab

24 giugno 2017 alle ore 17,00 manifestazione per alcune vie e piazze del rione: attenzione rimozione auto!

Da sito Muoversi a Roma

Dalle 17 manifestazione con corteo organizzata da Casapound da via Napoleone III a viale Monte Oppio. Circa 1200 le persone che sfileranno lungo piazza Vittorio Emanuele II, via dello Statuto, largo Brancaccio, via Merulana, via Labicana, via Nicola Salvi e via delle Terme di Tito, all’altezza di viale del Monte Oppio. Limitazioni o deviazioni per le linee 3, 5, 14, 16, 50, 51, 70, 71, 75, 85, 87, 105, 118, 360, 590, 649, 714 e C3. Entro le 14, prevista la rimozione dei veicoli su un tratto di via Napoleone III, in piazza Vittorio tra via Napoleone III e via dello Statuto, via Nicola Salvi, via delle Terme di Tito e viale del Monte Oppio.