21 giugno 2017 Jazzby The Columns al Gatsby Cafè

Super programma per Giugno!

Ogni Mercoledì (come di consueto ed ora anche ogni SABATO!!
la rassegna jazzBy… di improvvisazione Jazz artigianale, si sposta tra le colonne del portico di Piazza Vittorio.
L’ideale dopo una giornata in spiaggia al ritmo di tunz-tunz!

Godetevi i nostri meravigliosi cocktails tra le ombre delle colonne della magnifica piazza ottocentesca gustando le note dei nostri grandissimi artisti!

Questo mese, a grande richiesta, avremo a disposizione il pianoforte.
Andrea Rea e Domenico Sanna e tutti gli altri PIANISTI avvertiti. In più ci avvarremo di artisti internazionali quali Vuma Levin (South Africa) e Rob Luft (UK).

21  giugno ore 20,00

Roberto Tarenzi: Piano
Matteo Bortone: Contrabbasso
Alessandro D’Anna: Batteria

21 giugno 2017 “Design e Interior, una via italiana” all’Acquario Romano

 

21 giugno 2017 dalle ore 17,00 alle ore 22,00

Acquario Romano – Piazza Manfredo Fanti 47

La conferenza di Roma descrive il sodalizio di Monica Armani e Luca Dallabetta, con l’azienda Tribù, incrociando altre esperienze di progetto dei due protagonisti.
Conversazioni e confronti, seduti su divani e poltroncine di Tribù della collezione disegnata da Monica Armani.
Insieme al giornalista Paolo Casicci, curatore del blog Cieloterradesign, dialogherà con gli ospiti e i progettisti in sala sul rapporto tra Design e Interior in Italia, dall’osservatorio della rivista.
Design e Prodotto, esperienze di prodotto” presentazione di Tribù, design for Outdoor, i prodotti dell’azienda illustrati agli architetti, i materiali, le tecniche, i tessuti, la qualità dei progetti, la ricerca e l’originalità, l’esperienza di Tribù per l’Outodoor e l’Indoor.

21 giugno 2017 FESTA D’ESTATE PER CECILIA all’Apollo 11

con il sostegno di

a cura di

in collaborazione con

presenta

mercoledì 21 giugno ore 21.00

c/o Itis Galilei ingresso laterale di via Bixio, 80/a
(angolo via Conte Verde) – Roma

FESTA D’ESTATE PER CECILIA

una serata dedicata
alla pioniera del cinema documentario italiano

Saranno presenti

l’autrice
CECILIA MANGINI

i registi
MARIANGELA BARBANENTE
AGOSTINO FERRENTE

il direttore del Festival Visioni Fuori Raccordo
LUCA RICCIARDI

il curatore della mostra fotografica
PAOLO PISANELLI

Modera
GIACOMO RAVESI

 

PROGRAMMA DELLE PROIEZIONI:

DIETRO “LA LEGGE”
8′, 2016 estratto dal film in lavorazione IL MONDO A SCATTI
di Cecilia Mangini e Paolo Pisanelli

MARIA E I GIORNI
10′, 1960
di Cecilia Mangini

L’INCEPPATA
10′, 1960
di Lino Del Fra con la collaborazione di Cecilia Mangini

LA CANTA DELLE MARANE
10′, 1961
di Cecilia Mangini

DOMANI VINCERO’
Pugili al Mandrione e Pugili a Brugherio
estratti 20′, 1969
di Cecilia Mangini

LA SCELTA
13′, 1967
di Cecilia Mangini

 

DIETRO LA LEGGE – fotografie di Cecilia Mangini dal backstage del film La legge di Jules Dassin (2016, 8′) di Cecilia Mangini e Paolo Pisanelli. Estratto dal film in lavorazione Il mondo a scatti.

“Estate 1958: a Carpino ho avuto il mio primo, vero incontro con il cinema. Approdare a Carpino era una conquista: fino a Rodi Garganico ci si arrivava da Foggia con una ferrovia privata a scartamento ridotto, vagoni tarlati 1910, la locomotiva era a carbone. Poi ci si affidava a un’asmatica corriera, viaggiando insieme a polli, tacchini e mamme assediate da decine di bambini a piedi nudi… ero lì per il regista Jules Dassin che girava La legge ed io dovevo scrivere un libro per Cappelli editore, per la collana Dal soggetto al film diretta da Renzo Renzi. Fotografare non era previsto dal contratto, figuriamoci chi poteva riuscire a trattenermi, lo facevo per me stessa, anche perché la Titanus che produceva il film mi inondava di fotografie di scena, ma io scattavo a testa mia…”

MARIA E I GIORNI (Italia 1960, 10′) di Cecilia Mangini

Un ritratto affettuoso di Maria, una delle ultime fiere rappresentanti di quella millenaria civiltà contadina che il progresso economico ha cancellato per sempre. Maria ha un rapporto concreto e magico con gli oggetti, le piante, gli animali. Il documentario è girato nelle campagne di Mola di Bari, nei luoghi d’infanzia della regista.

Fotografia: Giuseppe De Mitri – Montaggio: Renato May – Musiche: Egisto Macchi

 

L’INCEPPATA (1960, 10′) di Lino Del Fra con la collaborazione di Cecilia Mangini

“Questo è l’amore da noi, in qualche paese del Sud, ubbidiamo ancora ad usanze pietrificate, ancora le ragazze devono attendere in segreto che un ceppo sia trascinato fino alla porta della loro casa, come pegno d’affetto” (Lino Del Fra). Un’amara riflessione sul carattere costrittivo dei riti, attraverso il gioco maschile delle carte che gli uomini ripetono quotidianamente e quello del corteggiamento su cui si esercita un pesante controllo sociale.

Produzione: Corona Cinematografica – Montaggio: Renato May – Musica: Domenico Guaccero – Fotografia: Mario Volpi

LA CANTA DELLE MARANE (1961, 10′) di Cecilia Mangini

“Per noi la marana era come il Mississippi» (Pier Paolo Pasolini). Documentario sulle periferie urbane, ispirato dal romanzo Ragazzi di vita di Pier Paolo Pasolini che ne scrisse i testi. Storie di ragazzi della periferia romana degli anni ’60, che si ritrovano per trascorrere i momenti torridi dell’estate nella marana e passano momenti di gioia e di vacanza, amicizie e botte, tuffi e giochi, con fuga all’arrivo delle guardie.

Sceneggiatura: Pier Paolo Pasolini – Produzione: Documento Film – Fotografia: Giuseppe De Mitri – Montaggio: Renato May – Musiche: Egisto Macchi

 

DOMANI VINCERO’ (Pugili al Mandrione e Pugili a Brugherio, estratti 20′, 1969) di Cecilia Mangini

Estratti dal documentario per la RAI TV Domani vincerò, dedicato al pugilato inteso come possibilità di riscatto sociale da parte dei giovani.
Pugili al Mandrione è un viaggio in via del Mandrione, a Roma, la borgata dove le case si addossano all’acquedotto della Tuscolana, un recinto sociale in cui si vive in una dimensione preindustriale. Anche gli “zingari” vivono qui, insieme ai “civili”, esclusi come e più di loro, che vedono nella box “anche una rivalsa di razza”, la possibilità di regolare sul ring vecchi conti individuali e collettivi nel tempo breve delle tre riprese.
Pugili a Brugherio racconta invece la vicenda di una famiglia proveniente dalla provincia di Foggia atterra nell’hinterland milanese in cerca di lavoro, con la voglia di farcela a tutti i costi. Si nutre della speranza imposta a mano armata in quegli anni da tutti i media, capofila la televisione e le sue trasmissione ad alta persuasività. Diventa così vittima inconsapevole di quel mito del miracolo, utilizzato senza limiti dall’industria che più che di forza lavoro, è intenzionata ad avvalersi dell’esistenza stessa degli immigrati meridionali.

Fotografia: Franco Turini – Montaggio: Sergio Nuti, Giuseppe Giacobino – Musica: Egisto Macchi – Produzione: Rai TV, Nuovi Schermi

 

LA SCELTA (1967, 13’30”) di Cecilia Mangini

Un inizio travolgente con un combattimento di Taekwon-do scrutato da un fotografo. Un delicato film su un tema molto controverso come quello dell’eutanasia. Un ventenne si confronta con la fase terminale della malattia del proprio padre e decide di aiutarlo concretamente nella lotta contro la sofferenza. Attraversa Roma per procurarsi le pasticche necessarie alla “soluzione finale” e va in ospedale per offrirle al padre. Ancorato a pseudo-valori generazionali ha difficoltà ad affrontare la scelta dell’eutanasia o il suo esplicito rifiuto e si rintana, per viltà, nella finzione di non aver capito.

Interpreti: Thomas Wildgruber, Jean Rougeul, Piero Anchisi e le cinture nere di 5° Dan: Park Sun Jae, Park Young Ghil, Park Chun Ung della Federazione Italiana di Taekwon-do – Produzione: Nuovi Schermi – Fotografia: Alberto Grifi – Montaggio: Maria Rosada – Musiche: Sandro Brugnolini

 

Serata realizzata nell’ambito degli eventi legati alla mostra CECILIA MANGINI – VISIONI E PASSIONI. Fotografie 1952-1965 a cura di Carlo Domini e Paolo Pisanelli: https://vimeo.com/218142730

21-22-23 giugno 2017 Festa del Pane presso Panella

Festa del pane… nel nome della Dea Cerere.
La ricorrenza che Panella vuole ripristinare, rappresenta un inno al pane nel suo significato più antico, la sua radice mitologica più affascinante.
Ideata negli anni ’80 da Maria Grazia Panella e dedicata a Cerere, dea della fertilità, torna a lievitare nella splendida cornice di Largo Leopardi, sede storica del nostro locale.
Mercoledì 21, Giovedì 22 e Venerdì 23 faremo rivivere l’atmosfera dell’Antica Roma, quando si festeggiava il grano e il suo frutto: il Pane.
Mercoledì 21 – Preparazione della festa e allestimento della piazzetta con balle di fieno e fasci di grano provenienti dalla campagna romana.
Giovedì 22 – Distribuzione gratuita del pane nelle fasce orarie: 10:00-12:00 e 16:00-18:00
Venerdì 23 giugno – Maria Grazia Panella racconterà la storia e trasformazione del pane fino ai giorni nostri.
Le tre giornate in una saziante, serena, conviviale romanità saranno rallegrate da spettacoli a sorpresa, da personaggi noti e da voi che siete invitati a partecipare anche in veste di protagonisti.
Vi aspettiamo per viverla insieme.

 Via Merulana 54