L’AMA sempre più nel pallone

Nello scusarci con i nostri lettori per una notizia inesatta pubblicata relatavimanente alla raccolta gratuita dei rifiuti ingombranti che si è  tenuta a Piazza Vittorio e non in Piazza di Porta Maggiore come avevamo riportato, non possiamo non sottolineare come, negli ultimi tempi, l’AMA risulti sempre più inaffidabile non solo nella raccolta dei rifiuti ma anche nella comunicazione. Ecco nell’immagine seguente il particolare da cui abbiamo appreso la notizia


e questo è il link dal sito ufficiale Amaroma con la pagina pubblicata il 14/06/2017!

Bisogna tener presente che è la seconda volta che succede un disguido del genere perchè il 23 aprile scorso nonostante l’avviso avvertisse che la raccolta sarebbe avvenuta a Piazza Vittorio  all’improvviso  venne spostata a Piazza di Porta Maggiore ed oggi 18 giugno è avvenuto esattamente il contrario.

Porta Maggiore come era e come è

Anni ’60, una fotografia di Porta Maggiore. Da quel tempo, come si dice, molta acqua è passata sotto i ponti ma le banchine e le aiuole sono rimaste praticamente le stesse o meglio, gli spazi sono rimasti gli stessi, perchè purtroppo al posto di un bel prato verde molto curato e dei bei fiori rossi c’è rimasta solo una sterpaglia bruciata dal sole (cliccare per ingrandire le foto).

E non solo, perchè basta avvicinarsi un pò  per  scoprire che all’interno delle “aiuole” ci sono rifiuti di tutti i generi.


E’ mai possibile che un monumento di questa bellezza e questa importanza sia  lasciato in questa situazione?

E non dimentichiamo che la zona è interessata da problemi comuni ad altre zone dell’Esquilino come bivacchi, mercatini abusivi etc. senza che nessuno o quasi si faccia carico di ciò. Da altre parti si intavolano sterili ed assurde discussioni sulla natura dell’illuminazione pubblica  (led a luce  calda o fredda) e ci si dimentica che Porta Maggiore dalla parta interna addirittura non è illuminata così come altri monumenti di via Giolitti. Vogliamo finalmente svegliarci e tenere in considerazione che a Roma non esistono solo i Fori Imperiali e il Colosseo ma tanti altri monumenti di uguale importanza e bellezza che sono lasciati all’abbandono e al degrado invece di essere adeguatamente valorizzati.

Apollo 11 il programma fino al 20 giugno

PROGRAMMA FINO AL 20 GIUGNO:

Sabato 17 giugno

  • ore 20.00 DUE UOMINI QUATTRO DONNE E UNA MUCCA DEPRESSA di Anna Di Francisca (95 min)
  • ore 22.00 DUE UOMINI QUATTRO DONNE E UNA MUCCA DEPRESSA di Anna Di Francisca (95 min)

Domenica 18 giugno

RASSEGNA MIGRARTI (ZALAB in collaborazione con APOLLO 11):
Africa,
in collaborazione con il Festival del Cinema Africano di Verona

  • ore 17.00 LES SAUTEURS di Moritz Siebert, Estephan Wagner, Abou Bakar Sidibé (82 min – Danimarca, 2016)
  • ore 19.00 LUOGHI COMUNI di Angelo Loy (75 min – Italia, 2015) – presenta il regista
  • ore 20.45 NADEA E SVETA di Maura Delpero (62 min -Italia, 2012)
  • ore 22.15 L’ORCHESTRA DI PIAZZA VITTORIO di Agostino Ferrente (93 min Italia, 2006)

Lunedì 19 giugno

  • ore 21.00 DUE UOMINI QUATTRO DONNE E UNA MUCCA DEPRESSA di Anna Di Francisca (95 min)

Martedì 20 giugno

  • ore 21.00 IL SENTIERO DELLA FELICITA’ di Paola di Florio e Lisa Leeman (87 min)