Porta Maggiore come era e come è


Anni ’60, una fotografia di Porta Maggiore. Da quel tempo, come si dice, molta acqua è passata sotto i ponti ma le banchine e le aiuole sono rimaste praticamente le stesse o meglio, gli spazi sono rimasti gli stessi, perchè purtroppo al posto di un bel prato verde molto curato e dei bei fiori rossi c’è rimasta solo una sterpaglia bruciata dal sole (cliccare per ingrandire le foto).

E non solo, perchè basta avvicinarsi un pò  per  scoprire che all’interno delle “aiuole” ci sono rifiuti di tutti i generi.


E’ mai possibile che un monumento di questa bellezza e questa importanza sia  lasciato in questa situazione?

E non dimentichiamo che la zona è interessata da problemi comuni ad altre zone dell’Esquilino come bivacchi, mercatini abusivi etc. senza che nessuno o quasi si faccia carico di ciò. Da altre parti si intavolano sterili ed assurde discussioni sulla natura dell’illuminazione pubblica  (led a luce  calda o fredda) e ci si dimentica che Porta Maggiore dalla parta interna addirittura non è illuminata così come altri monumenti di via Giolitti. Vogliamo finalmente svegliarci e tenere in considerazione che a Roma non esistono solo i Fori Imperiali e il Colosseo ma tanti altri monumenti di uguale importanza e bellezza che sono lasciati all’abbandono e al degrado invece di essere adeguatamente valorizzati.

1 commento su “Porta Maggiore come era e come è”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...