Templum Gentis Flaviae

ilcantooscuro

CarnevalEsquilino 3.0 sta procedendo alla grande. Stamattina, la festa dei bambini, organizzata magnificamente da Paola Morano, è stata un successone. Spero che la sfilata dei carri di questo pomeriggio abbia avuto altrettanto successo. Martedì, termineremo alla grande con l’evento delle Danze di Piazza Vittorio nel Caffè Ciamei, dove ci sarà anche uno spazio dedicato ai bambini. Rocografica verrà infatti  a portare degli album da colorare, dedicati a loro.

In attesa di tale festa, mi metto a parlare di uno tra i meno noti monumenti dell’antica Roma presenti nel nostro Rione: il Templum Gentis Flaviae, celebre per la sua grandezza e per la magnificenza della decorazione in marmo e oro, fatto costruire da Domiziano sul luogo della sua casa natale, intorno al 95 d.C.

Per molto tempo, si era ipotizzato che trovasse sotto la Caserma dei corazzieri del palazzo del Quirinale, dove sono stati scavati vari resti: un tratto di Mura…

View original post 941 altre parole

11 – 14 febbraio 2018 “Les Amants d’un jour – Mostra/Performance per S. Valentino” al Gatsby Cafè

11 – 14 febbraio 2018

Gatsby Cafè

Les Amants d’un jour – Mostra/Performance per S. Valentino

Dal lontano 1936 tornano, in forma di lettere d’amore, le parole di Venturino e Letizia per ricordarci cosa un tempo era l’amore e cosa, forse, potrebbe ancora essere oggi.

Un carteggio d’amore del secolo scorso ritrovato in un mercatino ha ispirato il progetto di due artisti romani sul tema dell’incontro: le opere di Maurizio Perissinotto (olio su tela) e Serena Galluzzi (acquerello su carta) faranno da cornice ad un gioco di incontri dal gusto retrò.

Su di un tavolino allestito con un piccolo scrittoio da viaggio troverete della carta da lettere -rigorosamente d’epoca- con una frase che avvia l’inizio di una lettera d’amore. Potrete voi concluderla dedicandola ad una persona speciale, o magari conosciuta nel nostro bistrot, per concedervi una breve vacanza sentimentale, lontani per un po’ dagli schermi degli smartphone e dalle tastiere del pc.

Tra un caffè e un aperitivo vi aspettiamo, accompagnati dalla fisarmonica di Désirée Infascelli, con musica Francese anni ’30-’50 e lettere d’amore in un gioco romantico fatto di altri sapori, altri odori, quello della carta e dell’inchiostro per riscoprirci poeti tra i tavolini del caffè come un secolo fa.