Un ringraziamento per San Giovanni

ilcantooscuro

Un piccolo post, scritto in fretta e furia, causa partenza per il mare, sulla serata di ieri: anche quest’anno ce l’abbiamo fatta, nonostante la corsa contro il tempo e qualche imprevisto di troppo (a proposito come sta Don Pasquale ?) ..

Alla fine grazie all’impegno, alla fatica di tutti e cosa più importante, all’affetto e alla presenza dei tanti abitanti dell’Esquilino, la festa di San Giovanni è stata un gran successo, l’occasione per condividere tutti assieme un momento di serenità e fare rivivere un angolo del Rione, troppo spesso abbandonato a se stesso.

Momenti da ricordare ce ne sono a iosa: Alicia vestita da strega, le corse continue dal bengalese a Carlo Alberto, che a fine serata mi chiamava per nome, l’avere rivisto dopo tanto tempo vecchi amici, come Luca e Leonardo, le risate assieme ad Adolfo, Salvatore e Francesco, la sorpresa nel trovarmi davanti il buon Dante e Paola.

View original post 366 altre parole

24 giugno 2018 “DOS Live” all’Apollo 11

presenta

domenica 24 giugno ore 21.00
c/o Itis Galilei ingresso laterale di via Bixio, 80/a
(angolo via Conte Verde) – Roma

DOS LIVE

PRESENTAZIONE DISCO e VIDEO CLIP
feat. MARCO COLONNA

ANNALISA DE FEO
vocal, piano, synthesizers

MARCO LIBANORI
drum, percussions, electric pads

feat. MARCO COLONNA
clarinet, bass clarinet

GIULIA PALLOTTA
proiezioni

DOS Duo Onirico Sonoro presenta il nuovo ALBUM JOUER ET DANSER in uscita a fine Giugno 2018 per Filibusta Records.
Nella stessa occasione verrà proiettato e presentato dal regista in sala Renato Chiocca, il videoclip omonimo Jouer et danser realizzato con la partecipazione del gruppo ArteMigrante del centro residenziale per minori della cooperativa La Pergola, coordinato da Lavinia Bianchi e già in anteprima su La Repubblica.it

La band è formata da Annalisa de Feo, pianista compositrice, e dal percussionista Marco Libanori, due musicisti eclettici che in questo nuovo lavoro hanno dato vita ad un universo sonoro dai mille colori e dalle mille sfaccettature.
Con il secondo album, pur rimanendo fedeli alla propria identità permeata di eclettismo, i DOS acquistano una nuova veste e si spingono più in là rispetto alle sonorità del primo disco. La sorpresa e l’inaspettato insieme uniti alla diversità di input e suggestioni rimangono la chiave di lettura dei DOS Duo Onirico Sonoro che ora abbracciano un respiro più ampio. La forza del duo, dunque, rimane quella di non dare punti di riferimento utilizzando linguaggi e colori che insieme creano un suono unico, dinamico, dal grande impatto emotivo. A fare la differenza è l’elettronica che unita a suoni classici e provenienti da diverse tradizioni, sposta il suono verso l’avanguardia ed una sperimentazione continua.