PRESENTAZIONE DEL PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL GIARDINO DI PIAZZA VITTORIO

pvitt2015alto

ASSEMBLEA PUBBLICA DI PRESENTAZIONE DEL PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL GIARDINO DI PIAZZA VITTORIO
Dopo tanta attesa e tanto lavoro, finalmente il 15 aprile, a partire dalle ore 16.00, nella sala centrale della Casa dell’Architettura, in Piazza Manfredo Fanti, sarà presentato il progetto di riqualificazione del giardino.
All’incontro, organizzato dall’Assessore ai Lavori Pubblici di Roma, Maurizio Pucci,  sono stati invitati a partecipare l’Assessora all’Ambiente di Roma Capitale Estella Marino, l’Assessora alla Cultura, creatività, promozione artistica e turismo di Roma Capitale, Giovanna Marinelli; la Presidente del Municipio I Centro Sabrina Alfonsi, con l’Assessora all’Ambiente Anna Vincenzoni e l’Assessora ai Lavori Pubblici Tatiana Campioni; il  Direttore della Soprintendenza Speciale per il Colosseo, il  Museo Nazionale Romano e l’area archeologica di Roma, Francesco Prosperetti; il Direttore della Soprintendenza Belle Arti e Paesaggio del Comune di Roma, Renata Codello; il Sovrintendente Capitolino ai Beni Culturali, Claudio Parisi Presicce; il Direttore del Dipartimento Tutela Ambientale, Luisa Massimiani; il Direttore del Dipartimento SIMU, Roberto Botta; il Dipartimento Tutela Ambientale, il Dipartimento SIMU, il FAI – Fondo Ambiente Italiano, il Comando del I Gruppo Trevi, la direzione di AMA spa, la fondazione ENPAM.
Insieme a questi, Cittadinanzattiva Lazio e il Comitato Piazza Vittorio Partecipata che nel quadro del protocollo di intesa stipulato con Comune e Municipio nello scorso luglio, hanno contribuito alla definizione del progetto, il gruppo Casa Esquilino, i comitati e le realtà del rione, insieme a tutte le cittadine e i cittadini interessati.

In vista di questa scadenza, scrive il CPVP:
Il Comitato Piazza Vittorio Partecipata – che ha sempre insistito sull’importanza di progettare manutenzione – sarà presente per riaffermare le priorità discusse nel corso degli incontri realizzati negli ultimi tre anni.
Interverremo per ribadire l’importanza di lavori eseguiti a regola d’arte e in tempi certi, di interventi che eliminino le criticità esistenti (pavimentazione rotta, corpi di areazione della metro fatiscenti, alberi e arbusti senza manutenzione, fontanelle non funzionanti, manufatti in stato di abbandono, assenza di bagni pubblici) che contribuiscano ad evitare comportamenti inadeguati ad un luogo pubblico, riaffermando il principio del giardino come bene comune. Ma soprattutto insisteremo affinché venga approvato e messo in pratica un progetto di gestione che programmi e garantisca la manutenzione futura. Vogliamo che la riqualificazione del giardino sia l’inizio di una riqualificazione vera degli spazi pubblici del rione. L’unico modo perché sia così, è continuare a far sentire la nostra voce, continuare a incontrarci, a scambiarci opinioni, idee, proposte, scriverci email, e controllare che il progetto risponda alle linee guida e affronti le priorità individuate durante gli incontri in piazza, e nei vari luoghi del rione dove ci siamo riuniti in questi anni: l’hotel Taormina, la gelateria Fassi, l’Apollo 11, l’associazione Italia – Bangladesh, la Casa dell’Architettura e le abitazioni di molti di noi, residenti nel rione.
Vi aspettiamo alla casa dell’Architettura per continuare il percorso di cittadinanza attiva e partecipata per un giardino che sia il cuore bello e pensante del rione.

Martedì 14 aprile 2014 “Fuori rotta” e “Marghera canale nord” al Piccolo Apollo

Apollo112in collaborazione con  zalab
presenta
martedì 14 aprile ore 20.30

Piccolo Apollo – Centro Aggregativo Apollo 11
c/o Itis Galilei ingresso laterale di via Bixio 80/b
(angolo via Conte Verde) – Roma
fuorirotta

con

asegre

In questo libro Andrea Segre ha raccolto alcuni dei diari scritti a mano durante dieci anni di viaggi fuori rotta. Da Valona a Dakar, da Pristina ad Accra, da Sarajevo a Ouagadougou, da Tataouine a Baghdad i diari portano il lettore a conoscere mondi appena fuori l’Europa di Schengen che il regista ha attraversato per conoscere le storie e le origini dei migranti spesso sono protagonisti dei suoi film. Da Padova a Porto Marghera, da Rosà a Chioggia si sofferma invece a riflettere sul mondo da cui la sua storia è partita e che spesso i suoi film hanno raccontato.
Sono viaggi e riflessioni raccolte dal 1999 in poi, che aiutano a riflettere sulle cause di molte delle complessità e delle tensioni dell’oggi.

La distribuzione del libro sosterrà il progetto www.fuorirotta.org

 

a seguirescr_margh

marghcannord

Italia 2003, 71′alla presenza degli autori


Regia: Andrea Bevilacqua, Francesco Cressati, Andrea Segre Idea: Andea Segre, Valentina Longo – Produzione: StudioImmmagine – Produzione associata: Associazione Culturale toniCorti – Formato: Beta SP

 

La storia degli otto marinai egiziani e indonesiani della Motonave Kawkab, abbandonata per oltre due anni nel porto di Marghera.

E’ la storia di una nave immobile, la storia di un viaggio interrotto, la storia di viaggiatori del mare ancorati ad una terra inospitale a ad un destino di attesa.
La storia della grande e immobile Motonave Kawkab, mercantile egiziano regalato alle banchine di Marghera da un armatore abile mercante di marinai e vite umane.

Dal gennaio 2002 gli otto marinai della Kawkab, quattro egiziani e quattro indonesiani, non ricevono alcun salario e vivono “intrappolati” all’interno della loro enorme prigione di 28 mila tonnellate dove hanno luce e riscaldamento per non più di quattro ore al giorno e dove spesso si fanno da mangiare accedendo un falò a poppa. Fino a due mesi fa hanno potuto usufruire solo di uno shore pass che concedeva loro sei ore di libera uscita e che vincolava la loro libertà di movimento al solo territorio del comune di Venezia: oggi ha un permesso di soggiorno temporaneo, ma continuano a non avere lavoro e a non ricevere alcun salario, mentre le loro famiglie in Egitto ed Indonesia accumulano ogni mese debiti da banche e usurai… Da quasi due anni sono in attesa che la sezione lavoro del Tribunale di Venezia riconosca loro il diritto a ricevere i salari dei mesi arretrati non in base ai contratti da loro firmati a Taiwan e ad Alessandria di Egitto, bensì in base alle tariffe internazionali dell’ILO: ma ogni udienza è un continuo, lunghissimo rinvio.

Nel frattempo vivono all’interno dell’enorme mercantile egiziano: centoattantametri di lunghezza per trenta di larghezza, quattro enormi silos completamente vuoti, cinque braccia meccaniche di oltre venti metri altezza. La vita dentro la Kawkab è quasi impossibile, con l’elettricità vincolata all’accensione di un generatore a gasolio, il riscaldamento affidato a piccole stufette nelle cabine, il cibo e l’acqua regalati dalla Caritas, dal Comune o dalla Corce Rossa, la cucina quasi completamente inservibile e condizioni igieniche al limite della sopportabilità.

Abbiamo vissuto per qualche settimana nella nave e abbiamo cercato di raccontare i volti, le voci e le storie degli otto marinai, sperando che questo racconto possa mostrare agli abitanti delle terre inospitali dove la Kawkab è ancorata le assurdità di cui questo mondo è capace e di cui otto marinai e mille altri viaggiatori sono impotenti schiavi.

Credits

Il film è stato selezionato alla 60. Mostra del Cinema di Venezia nella sezione Nuovi Territori, ha avuto un riscontro molto buono su stampa e televisioni nazionali, ha vinto la menzione speciale per la giuria al RomaDocFestival ed è stato selezionato al TekFilmFestival sempre a Roma, oltre ad avere avuto una decina di presentazioni in diverse città italiane.
PROSSIMI APPUNTAMENTI

giovedì 16 aprile
LA MALATTIA DEL DESIDERIO di Claudia Brignone

venerdì 17 aprile
PROIEZIONE SPECIALE di DIAZ di Daniele Vicari

mercoledì 22 aprile
OMAGGIO AD ALBERTO SIGNETTO a cura di Alessandro Signetto e Marilena Moretti

giovedì 23 aprile
LA BELLA VIRGINIA AL BAGNO di Eleonora Marino

PROSSIMAMENTE
IL MONDO DI NERMINA di Vittoria Fiumi
LIMBO di Matteo Calore e Gustav Hofer
ANIME NERE di Francesco Munzi

PICCOLI COSI’ di Angelo Marotta




Ingresso a offerta libera riservato ai soci
(tessera Apollo 11 4,00 €)



seguiteci su Facebook e su Twitter