Archivi tag: Tram

Forse non avranno il PUMS ma in Svizzera le decisioni sulla mobilità pubblica sono democratiche e lungimiranti

Tre modi di intendere il trasporto pubblico e la mobilità sostenibile, in Svizzera,  in maniera responsabile e democratica, con un occhio al futuro e senza inutili preconcetti

Foto n. 1

Esempio n.1

A Sciaffusa il Comune ha deciso di sostituire tutti gli autobus diesel con autobus elettrici di ultimissima generazione  che sono già in servizio in altre grandi città europee come Madrid, Londra e Amburgo (e non vanno a fuoco). Si ricaricano in pochi minuti al capolinea e differiscono dai tram  praticamente solo per la presenza di ruote gommate (vedi foto n.1 e filmato). E’ un’operazione di un certo impegno economico e il Comune nella  presentazione del progetto ha anticipato che, comunque, l’ultima parola spetterà ai cittadini promuovendo un referendum popolare prima di intraprendere questa strada. Teniamo presente quanto un’operazione di questo tipo sarebbe utile nella nostra città, sia da un punto di vista ambientale, sia da un punto di vista economico, perchè, in Svizzera, hanno calcolato in 11 anni il tempo necessario per ammortizzare la maggiore spesa iniziale e per iniziare a  conseguire dei vantaggi economici. Ma nel caso di Roma questo periodo potrebbe essere notevolmente inferiore, anzi, forse si potrebbero ottenere dei vantaggi economici fin da subito tenendo presente che i nuovi progetti del Comune per il Centro della città  prevedono solo  tramvie e ciò comporta delle spese iniziali notevoli senza considerare i rischi di natura archeologica e logistica che un buon amministratore dovrebbe sempre tener presenti.

Ecco il servizio originale della Televisione Svizzera con il relativo filmato

Sostituire l’intera flotta diesel costerà 58 milioni di franchi. Ma alla lunga farà bene, oltre che all’ambiente, anche alle finanze.

Sorgente: Sciaffusa presenta il suo autobus elettrico


Foto n. 2

Esempio n. 2

Esaminiamo ora un progetto che si riferisce alla città di Lugano e ai suoi dintorni: si è deciso di rimodernare una linea extraurbana che dal centro  cittadino arriva a Ponte Tresa per un percorrenza di circa 33 Km. Perchè vogliamo prendere ad esempio questa ferrovia? Semplicemente perchè é stato scelto un tipo di convoglio, il “tram-treno”, assai simile a quelli che il Comune di Roma vorrebbe utilizzare per la linea urbana Termini – Tor Vergata. Il progetto si propone non di creare una nuova linea ma di rendere più moderna quella esistente per ridurre il tempo di percorrenza da oltre 35 minuti a circa 24 (!),  di triplicare nel lungo termine l’utenza che la utilizza e migliorare il comfort delle carrozze. Analizziamo questi dati:

  • La linea è una ferrovia extraurbana che collega diversi centri dell’interland di Lugano. Viene utilizzata da veri pendolari (nel caso della Termini Tor Vergata vengono definiti pendolari anche gli abitanti di Centocelle) ed è importantissima non solo per la mobilità locale ma anche sotto l’aspetto economico essendo una zona ad alta densità industriale e commerciale.
  • Il tempo di percorrenza così basso si spiega perchè essendo un tram-treno in servizio extraurbano compie pochissime fermate giusto quelle necessarie per il collegamento dei paesi dell’interland di Lugano. Questo lo rende altamente competitivo perchè risulta più comodo ed economico rispetto al medesimo tragitto effettuato su una vettura privata.
  • I progettisti avendo riscontrato delle criticità nell’attraversamento oltre che del centro di Lugano anche della zona industriale di Manno hanno effettuato delle correzioni “per evitare opposizioni”. Che cosa significa: che hanno ritenuto disdicevole per la fluidità della linea sia l’attraversamento urbano in superficie di Lugano sia il passaggio a Manno dovendo il tram – treno intersecare presso questo comune una strada provinciale e l’ingresso in una zona commerciale ed hanno così deciso per l’interramento della linea presso queste due località (vedi la foto n. 2 relativa al progetto per la stazione di Lugano)

Il servizio originale andato alla Televisione Svizzera

Il tracciato sarà interrato a Manno per mantenere l’accesso stradale alla zona industriale e il P+R previsto a Bioggio sarà scisso in due parti.

Sorgente: Tram-treno Luganese, i lavori slittano al 2021

Ora alcune considerazioni sull’utilizzo di un simile mezzo di trasporto pubblico per la tratta Termini – Tor Vergata

  • Perchè per un tratto quasi escusivamente urbano con un basso chilometraggio (15 km. ca.) utilizzare un mezzo di queste prestazioni? E’ come utilizzare per un Taxi una Ferrari! Un tram moderno sarebbe più che sufficiente e otterrebbe i medesimi risultati.
  • Il tragitto pur essendo quasi esclusivamente urbano non prevede alcun interramento pur partendo dal centro della città (Termini). E ovviamente è soggetto a numerosi passaggi di incroci con semafori e quindi rallentamenti. Per esempio solo nel tratto da Termini a Porta Maggiore (900 m ca.) il tram – treno sarebbe costretto a passare quattro semafori ed effetture tre fermate oltre ovviamente a quella di partenza. Anche il numero complessivo di fermate e incroci dell’intera tratta è elevato e quindi viene vanificato a priori l’aspetto principale di questi convogli: la velocità.
  • Proprio partendo da questi presupposti la linea non risulta granchè competitiva, a livello di tempi, con un tragitto eseguito su una vettura privata o uno scooter specie per il percorso da capolinea a capolinea (un’ora ca. con assenza di traffico agli incroci) e quindi poco appetibile da chi dovrebbe lasciare il mezzo privato a favore di quello pubblico.
  • E’ un mezzo di trasporto “unico” che non fa rete con nessun altro della flotta del Comune di Roma: non è un tram, non è un treno, non è una metropolitana, non è un  autobus, non è un filobus. Ha bisogno quindi di proprie vetture, di proprie rotaie, di una propria centrale di trasformazione della corrente elettrica, di una propria linea di corrente, di proprie risorse umane (macchinisti, meccanici, addetti alla manutenzione). Ma è lecito sperperare tutto questo ben di Dio per una sola linea di 15 km scarsi? Non sarebbe più opportuno ed economico integrarla nell’attuale rete tranviaria esistente?

Esempio n.3

A Zermatt,  ai piedi del Cervino, hanno deciso di pavimentare le strade sperimentando l’idea di un’azienda scozzese, la MacRebur, che ha ideato un procedimento per miscelare sostanze plastiche derivate dal ricicli (lo 0,3%) al bitume.

I vantaggi sarebbero enormi perchè a fronte di un limitatissimo rischio di inquinamento ambientale si potrebbero smaltire decine e decine di migliaia di tonnellate di materie plastiche altrimenti difficilmente riciclabili. In più il composto utilizzato risulterebbe più elastico e resistente rispetto a quelli tradizionali.

Il servizio originale andato alla Televisione Svizzera

Troppa plastica? A Zermatt ci fanno le strade

Sorgente: Troppa plastica? A Zermatt ci fanno le strade

 

 

Annunci

Il programma eventi di giugno 2019 al Parco di viale Carlo Felice

 

SABATO 8 GIUGNO DALLE ORE 20,30

PRIMO APPUNTAMENTO DELL’ESTATE 2019 AL PARCO DI VIALE CARLO FELICE:

SUONERA’ IL FANTASTICO GRUPPO DEI TRAM DAVANTI AL CHIOSCO DEL PARCO.
UN APERI-CONCERTO INSIEME A OTTIMA MUSICA!

NELLA FOTO  LA LOCANDINA CON TUTTI GLI EVENTI DEL MESE DI GIUGNO

14 settembre 2018 aperi-concerto con i “TRAM” al Parco di via Carlo Felice

Venerdì 14 settembre – Parco di via Carlo Felice

concerto aperitivo dei TRAM

presso il chiosco del parco!  Dalle ore 20,30 in poi

Dal 30 luglio 2018 Lavori sui binari del tram a Porta Maggiore: tutte le variazioni dei mezzi pubblici

Dal sito muoversiaroma.it
Lavori dal 30 luglio. Il calendario degli interventi

Ad agosto i tram, con modalità diverse a seconda delle linee, faranno posto ai lavori sui binari a Porta Maggiore e saranno sostituiti dai bus. Il cantiere a Porta Maggiore è in programma sino al 30 luglio.

Per 2, 3 e 19, concluso il cantiere su via Aldrovandi e in vista dell’intervento a Porta Maggiore, resta comunque in atto la sostituzione con bus navetta. Il ritorno sui binarisarà il 13 agosto per il tram 2 e il 3 settembre per le linee 3 e 19. In particolare su 3 e 19 i bus navetta ora coprono le tratte tra Porta Maggiore e i capolinea di Valle Giulia e piazza Risorgimento. Dal 30 luglio al 2 settembre, invece, copriranno anche il percorso tra Porta Maggiore e stazione Trastevere (per la 3) e tra Porta Maggiore e Centocelle (per la 19).

Sempre per il rinnovo delle infrastrutture a Porta Maggiore i tram delle linee 5 e 14 saranno sostituiti dai bus dal 30 luglio al 2 settembre.

Per l’8, invece, bus sostitutivi dal 30 luglio a tutto il 5 agosto.

Ecco in dettaglio come cambia tutta la rete tram, linea per linea.

linea 2: sostituita da bus sino al 12 agosto. Servizio tram ripristinato dal 13 agosto

linea 3: sostituita da bus sino al 2 settembre. Servizio tram ripristinato dal 3 settembre

linea 5: sostituita da bus dal 30 luglio e sino al 2 settembre. Servizio tram ripristinato dal 3 settembre

linea 8: sostituita da bus dal 30 luglio e sino al 5 agosto. Servizio tram ripristinato dal 6 agosto

linea 14: sostituita da bus dal 30 luglio e sino al 2 settembre. Servizio tram ripristinato dal 3 settembre

linea 19: sostituita da bus sino al 2 settembre. Servizio tram ripristinato dal 3 settembre

Alcune modifiche di corse per la linea 2

Sino al 2 settembre, sulla linea tram 2 non saranno effettuate le corse della mattina tra Porta Maggiore e piazzale Flaminio/piazza Mancini e le corse serali tra piazzale Flaminio e Porta Maggiore.

Ad agosto per l’8 il prolungamento orario del venerdì e sabato è su bus

Dal 6 agosto al primo settembre, la linea tram 8 effettua, tutti i giorni prima e ultima corsa da Casaletto alle ore 5.10 e alle ore 24; da piazza Venezia alle ore 5.35 e alle ore 0.29 (la domenica ore 0.28). Nelle notti venerdì/sabato e sabato/domenica, sino al 2 settembre, le corse notturne della linea 8 (ovvero quelle in programma dalle ore 0.29 alle ore 3.29) sono sostituite da bus.

Cosa cambia per la rete bus

LINEA H – DAL 30 LUGLIO AL 5 AGOSTO

Durante i lavori che interesseranno la linea 8, ovvero tra il 30 luglio e il 5 agosto, la linea H (che viaggia tra Termini e Bravetta/via dei Capasso), effettuerà, a supporto dei bus navetta in servizio sull’8, tutte le fermate presenti a viale Trastevere e sulla circonvallazione Giancolense.

DALL’1 AL 13 AGOSTO

Per le chiusure stradali che scatteranno con il cantiere di rinnovo dei binari tram a Porta Maggiore, dall’1 al 13 agosto saranno deviate, direzione Centro, le navette di 5 e 14 e i bus di 50, 105, 150, A01, n12 n18. Da piazzale Prenestino devieranno in via L’Aquila, ponte Casilino, stazione metro C Lodi, via Nola, piazza Santa Croce in Gerusalemme, via di Santa Croce in Gerusalemme, via Conte Verde, metro A Vittorio, via Napoleone III, poi percorso normale.

6 gennaio 2018 “907 – Il Tram della Befana”

Torna sui binari romani il “Tram 907”, la storica vettura “8 finestrini” di proprietà GRAF, Gruppo Romano Amici della Ferrovia, esemplare unico e il più anziano tram ancora in circolazione in Roma.
La manifestazione, promossa in collaborazione con ATAC SpA, si svolgerà secondo il seguente programma, con corse riservate del tram storico 907 lungo l’itinerario Porta Maggiore – Porta San Paolo, e visita guidata al Polo Museale ATAC, dove sono esposti rotabili che hanno prestato servizio su tutte le principali linee ferroviarie e tramviarie di Roma e Provincia e in anteprima sui la mostra sui 70 anni del tram Stanga ATAC serie 7000.

Gruppo A
appuntamento a p.zza di Porta Maggiore h 9.45
partenza con tram 907 h 10.00
arrivo a Porta San Paolo h 10.40
inizio visita polo museale ATAC h 10.50
fine visita polo museale ATAC h 12.10
partenza con tram 907 da Porta San Paolo h 12.20
arrivo a p.zza di Porta Maggiore h 13.00

I posti sul tram sono limitati e le prenotazioni si accettano fino ad esaurimento posti (28 posti complessivamente per gruppo di cui 14 a sedere). Si chiede agli interessati all’escursione di contattarci tramite l’indirizzo e-mail tram907@graftreni.it
Ai fini della libera partecipazione e per consentire di sostenere le spese di esercizio del tram storico è richiesto un contributo di € 8 per gli adulti , di € 5 per i ragazzi tra 11 e 15 anni e i soci GRAF, di €12 per le coppie.
Si rammenta che non è possibile accedere sul tram con bagagli ingombranti, carrozzine, animali.
Per maggiori informazioni è possibile contattarci via e-mail all’indirizzo tram907@graftreni.it

30 aprile 2017: Torna il tram storico 907 a Porta Maggiore

Il GRAF, in collaborazione con ATAC SpA – Azienda per la Mobilità, organizza un’escursione sulla rete tramviaria di Roma con la storica elettromotrice 907 di nostra proprietà.

L’escursione è prevista per domenica 30 aprile 2017; si percorrerà l’itinerario fino a Piazza Risorgimento; poiché i posti sull’elettromotrice sono limitati come consueto a 28 per gruppo (14 seduti), al fine di consentire la partecipazione ad un più ampio numero di persone sono previsti tre turni distinti, secondo il seguente programma:

Gruppo A:
appuntamento a Piazza di Porta Maggiore h 9.45
partenza con tram 907 h 10.00
arrivo a Piazza Risorgimento h 11.00

Gruppo B:
appuntamento a Piazza Risorgimento h 10.50
partenza con tram 907 h 11.05
arrivo a Piazza Galeno h 11.35,
breve sosta per fotografie, partenza da Piazza Galeno h 11.40
arrivo a Piazza Risorgimento h 12.10

Gruppo C:
appuntamento a Piazza Risorgimento h 12.00
partenza con tram 907 h 12.15
arrivo a Piazza di Porta Maggiore h 13.15
Le prenotazioni si accettano fino ad esaurimento posti. Si chiede ai Soci interessati a partecipare all’escursione di contattare Edoardo Franchi (e-mail all’indirizzo tram907@graftreni.it specificando, oltre ai nominativi, il numero dei posti richiesti ed il gruppo di preferenza). E’ richiesto un contributo spese pari a 4,00 € a persona per i Soci (per i non Soci 7,00 € adulti, 12,00 € speciale coppie, 4,00 € ragazzi da 11 a 15 anni), da pagare direttamente al momento di salire sul tram. I bambini fino a 10 anni viaggiano gratis.

Domenica 18 settembre 2016 “In viaggio con la storia – 10 anni di tram 907”

907_roma

Il GRAF, Gruppo Romano Amici della Ferrovia, in collaborazione con ATAC SpA ed il polo museale ATAC, promuove domenica 18 settembre 2016 durante la settimana europea della mobilità 2016 ed in occasione dei dieci anni dalla fine del restauro della storica vettura, promuove la giornata-evento dedicata al “Tram 907”, il più anziano tram ancora in circolazione in Roma.

La manifestazione si svolgerà secondo il seguente programma, con corse riservate del tram storico 907 lungo l’itinerario Porta Maggiore – Porta San Paolo, soste fotografiche nei punti più scenografici della rete, e visita guidata presso il Polo Museale ATAC di Roma Porta San Paolo, dove sono esposti rotabili che hanno prestato servizio su tutte le principali linee ferroviarie e tramviarie di Roma e Provincia.

Si avranno quattro gruppi con i seguenti orari:

Gruppo A 

  • appuntamento a p.zza di Porta Maggiore h 9.45 
  • partenza con tram 907 h 10.00 
  • arrivo a Porta San Paolo h 10.40 
  • inizio visita polo museale ATAC h 10.50 
  • fine visita polo museale ATAC h 11.45

Gruppo B 

  • appuntamento al polo museale ATAC di Porta San Paolo h 9.45 
  • inizio visita polo museale ATAC h 10.00 
  • fine visita polo museale ATAC h 10.40
  • partenza con tram 907 da Porta San Paolo h 10.50 
  • arrivo a p.zza di Porta Maggiore h 11.45

Gruppo C 

  • appuntamento a p.zza di Porta Maggiore h 11.30 
  • partenza con tram 907 h 11.45 
  • arrivo a Porta San Paolo h 12.20 
  • inizio visita polo museale ATAC h 12.30 
  • fine visita polo museale ATAC h 13.25 

Gruppo D 

  • appuntamento al polo museale ATAC di Porta San Paolo h 11.10 
  • inizio visita polo museale ATAC h 11.25 
  • fine visita polo museale ATAC h 12.20 
  • partenza con tram 907 da Porta San Paolo h 12.30 
  • arrivo a p.zza di Porta Maggiore h 13.10

Il programma è strutturato quindi in una corsa in tram e la visita al museo.

Il personale di condotta è fornito da ATAC SpA.

Le spese di esercizio della circolazione del tram storico sono sostenute dal GRAF e, pertanto, ai fini della partecipazione libera è richiesto un contributo di € 7 per gli adulti e € 4 per i ragazzi tra 11 e 15 anni ed i soci GRAF e €12 per le coppie.

Si prega di prenotare inviando una mail a: tram907@graftreni.it

Indicando nome, la preferenza per il gruppo e il numero di posti

24 aprile 2016 Ritorna lo storico tram 907 a Porta Maggiore

tram907

Ritorna lo storico tram 907 a Porta Maggiore  grazie al GRAF ( Gruppo Romano Amici della Ferrovia )  e all’ATAC. Purtroppo le prenotazioni per salire sul tram e viaggiare sulle rotaie attraverso i luoghi più belli e  conosciuti di Roma e visitare il Polo Museale dell’Atac sono esaurite. Comunque sarà possibile ammirare questa fantastica vettura (la più antica ancora funzionante) prima delle partenze dai binari di Porta Maggiore  che avverranno dalle 10.00 alle 13.10 circa di domenica.  Se volete  prenotarvi per le  corse speciali di questo tram d’epoca nei prossimi mesi contattate gli organizzatori di questo tour

Sito web: www.graftreni.it
Email: tram907@graftreni.it (per prenotare indicando nome, la preferenza per il gruppo e il numero di posti)
Facebook: www.facebook.com/Tram907/

 

Domenica 21 dicembre 2014 tour su tram d’epoca

Tram, domenica 21 dicembre torna sui binari la mitica “907”

A bordo lezioni di trasporto pubblico e ferrovie

La vettura acquistata dalla Graf farà due viaggi (alle 10 e alle 11,45) da Porta Maggiore a Porta S. Paolo

A spasso per l’Esquilino

Un simpatico filmato di Alefilobus che pur avendo per protagonista la vettura tranviaria Stanga n.7111  mod.1952 della linea 5 ci regala degli scorci del nostro bellissimo rione nel tragitto dalla stazione Termini a Porta Maggiore in una radiosa giornata di sole. A proposito, in condizioni di traffico normale il tempo del tragitto è di 6 minuti e 51 secondi.