Archivi tag: ex Cinema Apollo

Ancora dubbi ed incertezze sulla grave situazione dell’ex Cinema Apollo: il comunicato stampa del Primo Municipio

Il Comunicato stampa diramato dal Primo Municipio sui ritardi e le incertezze del SIMU che rischia di di vanificare il finanziamento di € 1.000.000 per la bonifica e la messa in sicurezza dell’ex Cinema Apollo a via Giolitti

COMUNICATO STAMPA

Ex Cinema Apollo.

Presidente del Municipio Roma I Centro Sabrina Alfonsi:

“Confermati nostri sospetti. Assessore Gatta non conosce funzionamento del proprio Dipartimento”.

“A differenza di quanto dichiarato nei giorni scorsi dall’Assessora Gatta, purtroppo il finanziamento di 1.000.000 di euro assegnato in assestamento di bilancio per la messa in sicurezza del tetto in amianto dell’ex Cinema Apollo, deve essere utilizzato indicendo la gara entro la fine del 2018, come ribadito dal Vice Direttore Generale del Comune Botta con una lettera inviata all’attenzione del SIMU alla Sindaca e alla sottoscritta, in cui si precisa che la mancata indizione delle gare entro il 31/12/2018 comporterebbe “la decadenza del finanziamento, circostanza che deve essere in ogni modo scongiurata”.

Questa la dichiarazione della Presidente del Municipio Roma I Centro Sabrina Alfonsi.

“Già ieri – aggiunge la Presidente Alfonsi i nostri consiglieri municipali Curcio e Di Serio – avevano espresso la loro perplessità su questa possibilità. Dopo questa nota ufficiale che conferma i nostri timori, è evidente come l’Assessora Gatta non conosca il funzionamento del suo Dipartimento e come questo metta a rischio la salute pubblica dei cittadini”.

Roma, 4 dicembre 2018

La lettera del Primo Municipio alla Sindaca Virginia Raggi

La risposta del vice Direttore della Direzione Generale Servizi al Territorio del Comune di Roma Ing. Roberto Botta

 

Annunci

La manifestazione del 1 dicembre 2018 per la bonifica dell’ex Cinema Apollo

 

Sabato 1 dicembre 2018 si è svolta la manifestazione a via Pepe per richiamare l’attenzione sulla preoccupante situazione dell’ex cinema Apollo a via Giolitti che versa in condizioni di assoluto degrado e che ormai rappresenta un pericolo non solo per la sicurezza ma anche e soprattutto per la salute dei residenti in quanto da tempo è stata appurata la presenza di amianto sia sul tetto dello stabile che presenta diversi fori, sia nei collanti a suo tempo utilizzati per il pavimento all’interno del ex cinema.

Ormai la situazione è divenuta paradossale in quanto a differenza di qualsiasi altra richiesta della cittadinanza che in genere viene rigettata dalle istituzioni  per mancanza di fondi, in questo caso la copertura finanziaria per l’intervento di bonifica è assicurata e il problema è solo di procedure burocratiche che rischiano con la loro lentezza di vanificare il finanziamento e allungare sine die l’inizio dei lavori.

In questo articolo apparso su”Il Tempo” dell’1 dicembre 2018 tutta la storia raccontata con dovizia di particolarri da Mary Tagliazucchi

Alcune foto della manifestazione e del grave problema dell’Apollo

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

Alcuni filmati degli interventi e della manifestazione

1 dicembre 2018 “Apollo Manifestazione” a via Guglielmo Pepe

Sabato 1 dicembre 2018 ore 16

Via Guglielmo Pepe

Apollo Manifestazione

Manifestazione evento culturale per sensibilizzare l’opinione pubblica sulla situazione di Apollo – i fondi stanziati stanno rientrando in bilancio e l’amianto resta li!
Alle 17 verranno proiettati brani del film che racconta la lotta per salvare il cinema Apollo partita ormai da 17 anni ed è al tempo stesso testimonianza di potenzialità e contraddizioni del nostro Rione. Immagini suoni volti…tutti esquilini!

Il servizio di Retesole Lazio del 21/11/2018 “Cinema Apollo. A rischio la bonifica da amianto”

Servizio andato in onda mercoledì 21 novembre 2018 alle ore 19,40 su Retesole Lazio Canale 87 del digitale terrestre

 

Alcuni articoli correlati apparsi sulla stampa:

L’ONA chiede la bonifica immediata dell’ex Cinema Apollo

Ex cinema Apollo, il palazzo liberty del Comune con l’amianto sul tetto: “Raggi lo sa da più da un anno”

Roma, amianto all’ex cinema Apollo, l’sos dei residenti: «La bonifica rischia di saltare»

ROMA EX CINEMA APOLLO: STANZIATI FONDI PER LA BONIFICA

Appello alla Sindaca Virginia Raggi per la situazione disastrosa e pericolosa dell’ex Cinema Teatro Apollo

Ecco il testo della PEC sottoscritto da diverse associazioni e diversi comitati del Rione Esquilino che è stato inviato alla Sindaca Virginia Raggi relativo alla disastrosa situazione dell’ex Cinema Teatro Apollo in via Giolitti che ormai rappresenta anche un serio pericolo per la salute dei residenti in quanto sono crollate da tempo intere porzioni della cupola del fabbricato che è ancora rivestita di pannelli di amianto.

Onorevole Sindaca Virginia Raggi, con la presente vorremmo portare alla Sua attenzione la preoccupazione della cittadinanza per la situazione attuale dell’ex-Cinema Teatro Apollo.
Sappiamo quanto Lei abbia preso a cuore il problema della contaminazione da amianto e lo stato di degrado del pregevole manufatto di Via Giolitti, tanto da battersi in prima persona per lo stanziamento della considerevole somma di un milione di euro da destinarsi alla bonifica da amianto, alla messa in sicurezza dell’edificio ed all’inizio della sua ristrutturazione.
Si era a Luglio e ricordiamo bene le Sue parole in merito nel corso di una intervista televisiva sullo sblocco di bilancio dei 125 milioni.
Oggi siamo al 17 Novembre e dopo riunioni e commissioni, l’ultima il 15 ottobre congiunta tra Cultura e Lavori pubblici, nulla di fatto è accaduto o è stato reso noto alla cittadinanza. Il 31 dicembre i fondi non utilizzati rientreranno a disposizione e dovremo ricominciare tutto daccapo.
La nostra preoccupazione cresce sia per la salute del Rione che per il pericolo di vedere sfumare un intervento di riqualificazione atteso da anni.
Nell’ottica di non veder compromesso il lavoro da Lei svolto per lo stanziamento della somma e nel supremo interesse comune di salvaguardare la salute pubblica Le chiediamo di voler esercitare la sua attenzione verso gli uffici competenti perché si sblocchi questa pericolosa situazione di stallo.
Alleghiamo la recente e mail inviata all’Assessora Margherita Gatta, alcuni recenti articoli di stampa e post Facebook che stanno comparendo in varie pagine dei Comitati di quartiere.
Certi che Lei condivida le nostre preoccupazioni La ringraziamo dell’attenzione concessaci
Con osservanza
I Comitati

Abitanti via Giolitti
Apollo 11
Arco di Gallieno
Cielo sopra Esquilino
Comitato Piazza Vittorio Partecipata
Comitato Piazza Pepe-bene comune
Esquilino in comune
Esquilino Vivo
Parolaincontro

Buone notizie per l’ex cinema Apollo

Arriva un milione di euro per la bonifica dell’ex cinema Apollo. Riportiamo il testo integrale apparso sul sito http://www.sportelloamianto.org e il documento ufficiale del Dipartimento Patrimonio e Politiche Abitative di Roma Capitale con il seguente oggetto: “Misure urgenti per la sicurezza e la valorizzazione dell’edificio ex Cinema Apollo di proprietà capitolina sito in Roma via Cairoli n. 98. Condizione di rischio amianto.

Le parti in causa hanno ricevuto una lettera in risposta ad una Raccomandata conslusiva di una serie di atti tecnico amministrativi inviata i primi del mese di Luglio , che certifica a nome del Direttore del “Dipartimento Patrimonio e Politiche Abitative”  la messa a disposizione di 1 Milione di Euro di fondi stanziati sul CDR1 DP-V.E.1.3.02.09.012.0SBI per gli interventi di Bonifica e Sanificazione dei Luoghi del Cinema Apollo. I fondi quindi sono messi a disposzione immediata del  Dipartimento Sviluppo Infrastrutture e Manutenzione Urbana che provvederà agli adempimenti necessari per l’attuazione del progetto.

Non ci resta che aspettare e vedere cosa succederà, ma alle parole finalmente facciano seguito i fatti in tempi brevi.

Marzo 2018. Nuovi crolli per l’ex cinema Apollo

Purtroppo la struttura dell’ex cinema Apollo sta progressivamente ma inesorabilmente cedendo.  Si sono verificati nuovi crolli e i vigili urbani nella giornata del 28 febbraio  hanno delimitato l’area (che era già stata  transennata da tempo ma  la rete di plastica era stata indebitamente rimossa). Incuria, abbandono, problemi climatici e vibrazioni comuni a tutti gli edifici di via Giolitti hanno contribuito a ridurre questo edificio (un raro esempio di architettura liberty a Roma) in uno stato preoccupante. Non sappiamo quali siano i propositi del Comune (propretario dell’ex cinema ma assente da tempo immemore nella cura e nella manutenzione dell’edificio) ma è assurdo continuare a vedere non solo l’abbandono totale in cui versa ma anche l’indifferenza totale di amministratori, media e personaggi dello spettacolo.

Tra l’altro la fotografia mostra anche in che stato sia ridotta la strada di fronte all’ex cinema-teatro.

Quando il gatto non c’è i topi ballano

Via Guglielmo Pepe
Via Guglielmo Pepe

Via Guglielmo Pepe (quella del teatro Jovinelli per intenderci) per tutta l’estate è stata presidiata dalle forze dell’ordine (Carabinieri). Non si sono riscontrati episodi di accattonaggio, frequenti, in altri tempi, anche in quello che da anni avrebbe dovuto diventare “l’orto degli odori” (vedi) e la piazzetta risulta addirittura  pulita (solo un paio di bottigliette di plastica e qualche cartaccia per terra) tanto che non sembra neanche di essere all’Esquilino. E tutto questo perchè la sorveglianza della zona era assicurata  e nessuno provava anche solo a sporcare. Ma basta girare l’angolo e incamminarsi per pochi metri su via Giolitti per imbattersi in uno spettacolo del genere presso l’ex cinema teatro Apollo chiuso e abbandonato ormai da una quindicina di anni.

Via ex cinema Apollo
Via Giolitti ex cinema Apollo

Tra un pò, vedrete, che anche a via G. Pepe, visto che i Carabinieri hanno esaurito il loro compito, ritorneranno mucchi di bottiglie vuote, resti alimentari e accattoni con grande gioia dell’AMA che dovrà rifare gli straordinari per rendere accettabile e decorosa la piazzetta. Con questo non vogliamo dire che ogni via dovrebbe essere presidiata dalle forze dell’ordine, uno stato di polizia sarebbe opprimente per tutti, ma un maggior controllo e una maggiore severità nel contrastare e reprimere tutti questi fenomeni sarebbero auspicabili per ritornare a vivere in una città “normale”.

Per chiudere vorremmo ritornare sulla questione dell’Apollo. Non si dimentichi che il Comune è divenuto proprietario dell’immobile e quindici anni di abbandono sono veramente troppi. Se non ci sono fondi per poterlo restaurare ed utilizzare si prendano delle decisioni drastiche : si proceda alla cessione vigilando magari che l’eventuale acquirente lo destini ad un uso culturale ( cinema, teatro, sala polifunzionale), ma si faccia qualcosa perchè non si capisce a chi giovi mantenere un bene del genere in questo stato di abbandono e degrado.