L’origine di Santa Croce in Gerusalemme

Un interessantissimo articolo del nostro amico Alessio Brugnoli che svela le origini della Basilica di Santa Croce in Gerusalemme

ilcantooscuro

Santa_Croce

Dunque, per chi non lo sapesse, la bella notizia è che Manu sta cominciando a camminare con una stampella sola: se tutto andrà bene, dalla prossima settimana potrà abbandonarle. Insomma. grazie alla fisioterapia, il decorso sta andando molto bene.

Così, per festeggiare, in attesa della presentazione di domani del libro di Leiber alla Sala Giuseppina al Palazzo del Freddo, vi aspettiamo numerosi, riprendo a parlare del Sessorianum, narrando di come fosse Santa Croce ai tempi dei Secondi Flavi.

L’architetto a cui Elena, madre di Costantino, commissionò la trasformazione del consistorium, la sala delle udienze del Palazzo Imperiale, in un luogo di culto cristiano, si trovò davanti a un problema assai raro nella storia dell’Architettura: inventarsi una nuova tipologia di edificio.

Per fare questo, probabilmente si ispirò alle sale di rappresentanza absidate realizzate nei palazzi tardo imperiali, come a Spalato o a Tessalonica e alla basilica di Massenzio e Costantino della…

View original post 582 altre parole

Annunci

29 marzo 2018 “Blue Parrots – Rural Jazz, Folk Music” al Gatsby Cafè

29 marzo 2018

Gatsby Cafè

Blue Parrots – Rural Jazz, Folk Music

Due musiciste, un’orchestra? E’ il nuovo duo composto da Francesca Biagi e Flavia Ostini, le Blue Parrots. Il nome trae ispirazione dal jazz rurale, dalle atmosfere delle Appalachian folk songs dei primi del ‘900. Le Blue Parrots propongono un vasto repertorio che va dal jazz degli anni ’20 allo swing, fino al blues rurale della tradizione americana. Il tutto arrangiato in una chiave personale, con un perfetto interplay tra le armonizzazioni vocali e gli strumenti. Il desiderio è di coinvolgere il pubblico in un viaggio nel tempo, di esaltare il valore di un repertorio quasi perduto ma attualissimo.
Francesca Biagi: Voce, Ukulele
Flavia Ostini: Voce, Banjo, Contrabbasso

29 marzo 2018 “Essere Gigione” all’Apollo 11

con il sostegno di


presenta

in anteprima romana

giovedì 29 marzo ore 21.00
c/o Itis Galilei ingresso laterale di via Bixio, 80/a
(angolo via Conte Verde) – Roma

ESSERE GIGIONE

un film di Valerio Vestoso

Italia, 2018, 72 min.

Introducono e ne discutono al termine della proiezione

il regista
VALERIO VESTOSO

il protagonista
GIGIONE

In virtù dell’alto numero di prenotazioni,
vi invitiamo a considerare anche le successive repliche
di venerdì 30 alle 19.00 e di domenica 1 alle 17.30

Un anno insieme a Gigione, dai palchi alla vita privata. Il cantante più controverso della provincia italiana messo a nudo dal documentario che ne racconta vita, torti e miracoli. Sullo sfondo un’Italia diversa, assai lontana dalla ribalta televisiva, che vede in lui un punto di riferimento culturale, quasi religioso, in cui riporre la speranza del divertimento spicciolo.

Regia:Valerio Vestoso – Interpete: Gigione – Sceneggiatura: Valerio Vestoso – Fotografia: Valerio Vestoso – Montaggio: Valerio Vestoso – Archivio: Lorena Guglielmucci – Commento musicale: Livio Minafra – Sound Design: Federico Tummolo – Amministrazione: Gianfranco Parisi – Prodotto da: Camillo Esposito per Capetown Film srl con il sostegno della Direzione Generale Cinema del Ministero per i Beni e le Attività Culturali e della Regione Lazio, Fondo regionale per il cinema e l’audiovisivo.

Il trailer