Ville di Roma a Porte Aperte 2017 VI edizione 1-31 maggio

Ville di Roma a Porte Aperte 2017

VI Edizione

1 – 31 maggio

Turismo Culturale Italiano ha programmato la VI Edizione di questa importante iniziativa che si svolgerà durante il mese di Maggio 2017.

L’evento prevede l’apertura straordinaria con visite guidate di numerose ville romane, molte delle quali private e chiuse al pubblico. Un paesaggio culturale formato da decine di autentici gioielli che rappresentano il frutto della grande cultura umanistica, la straordinaria ricerca architettonica e la sperimentazione di nuove forme dell’arte operata nei secoli da artisti e architetti.

Questi magnifici capolavori che vanno dal Quattrocento fino al Novecento, saranno oggetto delle visite guidate organizzate seguendo il più possibile un ordine cronologico. In questo modo è offerta agli appassionati la possibilità di seguire un excursus storico-artistico cronologico che copre i vari ambiti e momenti artistici e architettonici: Rinascimento, Barocco, Rococò, Neoclassico, Eclettismo e Liberty.

Un’occasione per svelare le magnifiche opere firmate dai grandi Maestri dell’arte e dell’architettura italiana: Peruzzi, Raffaello, Giulio Romano, Sangallo, Vignola, Vasari, Caravaggio, Guido Reni, Guercino, Vasanzio, Bernini, Canova, Valadier, Ximenes…

Nel nostro Rione:

Villa Astalli

Itinerario sulla Villa del Marchese di Palombara

Casino Massimo-Lancellotti

Il programma completo

E’ obbligatoria la prenotazione

Maggiori informazioni

 

2 – 8 maggio 2017 “Chapeau- Cappelli d’artista” presso Gatsby Cafè

2 – 8 maggio 2017

Gatsby Cafè

Mo(N)stre8 presenta: Carlo Grossi, Chapeau!

 

La collezione Grossi di cappelli maschili ha inizio nel 1972 durante un viaggio in Indonesia, con l’acquisto di un copricapo a Yogjakarta, Giava, Indonesia.
Nel tempo l’Artista la amplia ad ogni paese che visita per la sua professione di costruttore e nella cooperazione ai Paesi in via di sviluppo.
Abbiamo così pezzi in paglia, stoffa e tessuti e materiali etnici naturali.
Nel tempo la collezione, non nata come tale, s’è potuta ampliare pur senza esagerare, con elementi di fogge diverse.
L’incontro con lo spirito pratico dell’uso, quello artistico e i colori del collezionista che, usando la sua fantasia ha cercato di dare una personalità più strutturata ai copricapi, dà l’anima a questa mostra da Gatsby, bar di incontri, col DNA della Cappelleria Venturini.
I cappelli sono stati raccolti e provengono da vari Paesi: Indonesia, India, Italia, Mozambico, Egitto, Nigeria, Burundi, Sudafrica, Uganda, Cina, Emirati Arabi, Saudi Arabia, Afghanistan…