Un documento di molti anni fa sulle vibrazioni causate dalla linea Laziali – Centocelle (allora Pantano) a via Giolitti

A tutti coloro che si ostinano a non credere che le vibrazioni a cui sono sottoposti i palazzi, i monumenti e i  residenti di via Giolitti non siano un argomento da prendere in considerazione vorremmo far leggere alcune conclusioni a cui arrivarono dei tecnici in un dovumento ufficiale del Comune di Roma degli anni ’90  quando a via Giolitti passavano anche gli autobus della linea 105.   Ovviamente, tale documento è tenuto rigorosamnete nascosto e nessuno ne parla o ne fa un accenno in tutte le analisi eseguite in questi ultimi anni per continuare a tenere in vita la ferrovia Laziali Centocelle rinominandola ora come Metrotram e volendo addirittura prolungarne il tragitto fino alla Stazione Termini. Vorremmo  che queste conclusioni le leggessero anche tutti quegli scienziati che pontificano che un mezzo su rotaie non può produrre delle vibrazioni maggiori di un mezzo su gomma prendendo per scemi tutti i residenti che ormai sono esasperati da decenni di vibrazioni e rumori assordanti. (cliccare per ingrandire)

Scan0016_Page_1 Scan0015_Page_1Premesso che

  • Si tratta di una rilevazione eseguita in appartamenti del palazzo al numero civico 401 di via Giolitti.
  • Che è ovviamente uno stralcio di un documento ben più corposo di circa 250 pagine con tutte le risultanze scientifiche compresi grafici e tabulati.
  • Che è  un documento di parte essendo stato eseguito per conto del Comune di Roma che era parte in causa.
  • Che il suddetto fabbricato si trova proprio davanti al cd. Tempio di Minerva Medica.
  • Che nonostante le conclusioni ottimistiche del relatore i condomini di quel palazzo  furono costretti ad affrontare una spesa di oltre un miliardo delle vecchie lire (documentabile) per mettere in sicurezza l’edificio per le evidenti e pericolose lesioni che si erano formate nel corso degli anni.
  • Che le rotaie sono molto più vicine al monumento (lo toccano quasi) che al palazzo determinando quindi valori delle  vibrazioni ben più elevati ( lo afferma lo stesso firmatario del documento mettendo in relazione la vicinanza delle  rotaie con  i maggiori valori ) e quindi potenzialmente pericolosi anche per la statica del bene archeologico (che di per sè, ovviamente, non ha una struttura antisismica oltre che un’età di oltre 17 secoli)
  • Che la sede stradale  che era utilizzata dall’autobus della  linea  105 passava accanto al palazzo (in un punto meno di un metro) e non era affatto più distante dalle rotaie del treno.
  • Che in base a queste rilevazioni la linea del 105 venne spostata a via di Porta Maggiore visto che non si poteva spostare la ferrovia

Questa presentazione richiede JavaScript.

vorremmo che, almeno, chi siede  davanti ad  una scrivania e non si è mai degnato di venire a vedere e a sentire cosa determina il passaggio della ferrovia Laziali Centocelle  a via Giolitti  si degnasse di ascoltare il parere dei cittadini che vivono sulla loro pelle un disagio evidente prima di prendere iniziative e decisioni così importanti e così costose.

Dal 30/08/16 iniziano i lavori all’ASL RMA a via Luzzatti. Ma chi ha scritto il cartello?

Avevamo visto giusto, il 30/08/2016 iniziano i lavori per la messa in sicurezza dell’edificio del Poliambulatorio ASL RMA   a via Luzzatti n. 8 e quindi  vigerà il divieto di sosta per tutta la lunghezza dello stabile fino a cessate esigenze. Il danno è più grave di quello che poteva sembrare ad una prima  constatazione perchè il distacco dell’intonaco si è verificato praticamente per tutta la struttura dell’ultimo piano. Non sappiamo se le scosse telluriche dello scorso 24 agosto siano la causa o solo la goccia che ha fatto traboccare il vaso ma, alidilà di qualsiasi considerazione, ci sembra veramente inaccettabile che uno stabile ristrutturato neanche dieci anni fa sia ridotto già in questo stato.

ARENA CHIOSTRO DI SAN PIETRO IN VINCOLI settimana 29 agosto – 4 settembre 2016: il programma

ARENA DEL CHIOSTRO DI SAN PIETRO IN VINCOLI

Facoltà di Ingegneria – Via Eudossiana 18 (Colosseo/Cavour)

Inizio proiezioni ore 21.15
Prezzo: Biglietto unico 5 euro
La biglietteria apre alle ore 20.30

Settimana 29 Agosto – 4 Settembre 2016 il Programma

(Cliccare per ingrandire le locandine)

“Roma-Giardinetti, la ferrovia con i treni vecchi di ottanta (no, novanta) anni”.

Lo scorso 22 agosto è apparso sul Corriere della Sera edizione romana un articolo con questo titolo “Roma-Giardinetti, la ferrovia con i treni vecchi di ottanta anni“.

Come l’articolista afferma   “È la terza tappa – dopo Roma-Viterbo e Roma-Lido – del tour sulle ferrovie gestione Atac, proprietà Regione” e ne fa una disanima desolante sullo stato del servizio divenuto ormai anacronistico e non degno di una città civile. Vorremmo soffermarci su tre punti:

  1. Lo stato dei treni, della ferrovia e delle stazioni. Vi invitiamo a leggere per intero l’articolo e vedere il filmato : scene di degrado, stazioni e fermate abbandonate al loro destino da decenni, convogli antidiluviani che, addirittura, a detta dell’articolista, offrono queste peculiarità “Tutto sembra a un passo dal disfacimento e dalla rottura. Gli scalini dei vagoncini, alti e scomodi (ovvio ostacolo per gli utenti disabili) si piegano sotto il peso del passeggero, le porte a soffietto dei mezzi sbattono con violenza (anche con viaggiatore in mezzo), pezzi di pannelli staccati o riattaccati con lo scotch, sporcizia e rifiuti. ” e poi il rumore “gli storici «trenini gialli» quando partono sembrano decollare. Il brontolìo del motore in accelerazione delle elettromotrici somiglia a quello di un aereo
  2. Alcune inesattezze : in realtà l’età delle motrici in questione è di 90 anni e non di 80 come afferma il titolo avendo iniziato il loro servizio negli anni ’20, l’ultimo incidente al semaforo di Porta Maggiore non è dello scorso ottobre ma di appena un mese fa a luglio 2016 e il numero di 40.000 passeggeri giornalieri ci sembra alquanto velleitario e smentito dagli stessi dati ufficiali ATAC.
  3. Il  passo che ne magnifica il percorso ” Eppure il «trenino dei romani» ha un tragitto affascinante (come il tratto sotto le mura di Porta Maggiore)” è scritto senza pensare che è l’unico treno al mondo che passa attraverso un monumento di eccezionale valore storico e artistico (Porta Maggiore) e  accanto ad altri due altrettanto importanti come la Chiesa di Santa Bibiana e il cd. Tempio di Minerva Medica procurando con le vibrazioni danni incalcolabili. Cosa direste se un treno passasse sotto l’Arco di Costantino? Qualcuno ci spieghi qual’è la differenza.

Detto questo vorremmo aggiungere  alcune nostre considerazioni anche in virtù del fatto che si paventa una trasformazione del trenino in Metrotram allungandone il tragitto da una parte verso la Stazione Termini e dall’altra verso Tor Vergata.

Noi siamo da sempre contrari a questa ipotesi e a favore di una trasformazione sì, ma in semplice tram con l’innesto nella rete preesistente in via Prenestina (la circolare sud) con la relativa riqualificazione di Porta Maggiore (o è giusto che rimanga così?) e di via Giolitti squallidamente abbandonata e degradata da decenni.

E’ uscito un documento ufficiale datato agosto 2016 che analizza lo stato del trasporto pubblico a Roma e, relativamente alla ferrovia Laziali Centocelle, afferma (cliccare per ingrandire):

Noi confutiamo sia nel merito che nelle cifre il tenore di questo studio ritenendolo la solita arruffata, cervellotica ed estemporanea  maniera di giustificare spese ingenti senza pensare alle conseguenze che ne deriverebbero

  • Non cambierebbe nulla, nè a Porta Maggiore nè a via Giolitti vanificando qualsiasi intervento di riqualificazione urbanistica e mantenendo tutte le criticità locali che, volutamente, in questo studio non  vengono  nè menzionate nè tantomeno analizzate .
  • Via Giolitti diverrebbe ancora più caotica e invivibile con un semaforo in uscita dal sottopassaggio Cappellini che aggiungerebbe un altro punto critico agli altri già esistenti.
  • In quel tratto di strada si verificherebbe l’assurdo di ben tre diverse corsie per mezzi differenti (autobus con capolinea, autoveicoli, metrotram) con  direzioni   di marcia diverse in una carreggiata  di  neanche 10  metri di larghezza.
  • Si renderebbe la vita più difficile alle attività commerciali esistenti (Supermercato alla Stazione dei Laziali) e a quelle di prossima apertura (Cappa Mazzoniana) con relativi e ingenti danni economici
  • A proposito di criticità tacitate  esistono documenti ufficiali attestanti    le vibrazioni con relative conseguenze   che subiscono i palazzi , i monumenti e gli abitanti di via Giolitti. Inoltre nessuno tiene nella  giusta considerazione la natura geologica della sede ferroviaria della via in questione con le innumerevoli voragini apertesi in questi ultimi cento anni e il rumore assordante oltre alle vibrazioni, a cui sono sottoposti i residenti tutti i giorni e a tutte le ore.

E veniamo alle cifre :

  • Studi approfonditi attesterebbero il deficit di offerta del 36%” ma sono ATAC e Comune a contraddirsi visto che appena due anni fa (2014) affermavano (dal documento edito a cura di Roma Servizi per la Mobilità S.r.l.”Ferrotranviario- Rapporto 1.0″ pag. 110 )  : numero passeggeri/ora nelle ore di punta 1213 verso Termini, 442 verso Giardinetti (non era stata ancora limitata a Centocelle, ora sicuramente di meno). Il nuovo documento prevede, con il metrotram, un incremento di 1.716.000 passeggeri / anno. Ora se dividiamo 1.716.000 per i giorni dell’anno (365) il risultato è 4701 passeggeri in più al giorno e in media (dividendo per 18 le ore effettive del servizio)  261 passeggeri in più/ora.  Non si capisce  come  venga giustificato questo deficit di offerta visto che i passeggeri non arriverebbero mai a 2000/ora anche nei periodi di punta nel verso più utilizzato oltretutto con una frequenza di un tram ogni 3 minuti  (come da progetto della circolare sud) e in considerazione del fatto  che  nella parte della via Prenestina già oggi si arriva, senza problemi,  a punte di 3523 passeggeri / ora (dati ATAC sempre pag. 110 dello stesso documento)
  • I medesimi studi approfonditi determinerebbero l’incremento delle spese di gestione del 58%  del tram rispetto al metrotram !!!! E’ evidente che questa cifra è figlia del 36% del precedente capoverso perchè chi ha eseguito questi calcoli ci deve spiegare come sia possibile che una linea perfettamente integrata (stessi tram, stesse rotaie, stessa corrente elettrica, stesse risorse umane, minor peso e quindi minori consumi energetici) venga a costare il 58% in più di una che prevede proprie rotaie, propria centrale di trasformazione di energia elettrica, proprio personale addetto e specifico (e quindi più remunerato) e ovviamente propri treni con tutto quello che ne consegue (pezzi di ricambio esclusivi, contratti di manutenzione differenziati etc.).  Essendo poi una metropolitana di superficie non è pensabile ad una frequenza superiore ai 6/7 minuti per convoglio altrimenti sarebbe assai poco funzionale.
  • I preventivi di spesa sono coincidenti e a una lettura disattenta sembrerebbe più economica la trasformazione in Metrotram che prevede l’allungamento verso Termini da una parte e  verso Tor Vergata dall’altra. Ma attenzione, nel preventivo non  c’è traccia di un solo centesimo di spesa per dei lavori non  solo necessari ma indispensabili come l’adeguamento delle rotaie e della linea elettrica esistente, la riqualificazione delle stazioni e delle fermate, e cosa importantissima la sostituzione di tutti i semafori con dei modelli più moderni e funzionali. Tutto questo comportebbe una spesa ben più elevata mentre molte di queste voci sonono comprese nel preventivo per la trasformazione in semplice tram.
  • Il progetto della circolare sud prevede anche l’allungamento verso il passante di Via Togliatti  e quindi anche verso Tor Vergata ma in più  questa aggiunta  consentirebbe  di utilizzare direttamente il tram anche a tutti gli abitanti della via Prenestina che invece sarebbero costretti a uno o più trasbordi perchè il metrotram passerebbe solo sulla via Casilina.
  • La costruenda Stazione del Pigneto dovrebbe essere completamente riprogettata specie  per ciò che riguarda  la seconda fase con evidenti aggravi di costi e di tempi di realizzazione (è evidente che le vicissitudini della Metro C non hanno insegnato nulla) e in più  risulterebbe problematica    l’integrazione  del metrotram con le altre  realtà ferrotranviarie  sia per i progettisti che per gli utenti che si vedrebbero costretti a fare centinaia di metri per poter usufruire della Metro C e dei treni regionali.
  • In più c’è da considerare la svalutazione che si determinerebbe della martoriata Metro C in quanto non esiste al mondo un tragitto  che veda in concorrenza una metro di superficie con una   tradizionale   e che, quindi, invece di essere adeguatamente supportata, rischierebbe un tracollo economico specie se non venisse approvato il prolungamento verso Ottaviano .

In conclusione vorremmo consigliare a tutti coloro che sono a favore, a prescindere, del metrotram,  in primo luogo di documentarsi adeguatamente, e poi chiedersi  per quale motivo tutti i professionisti nel  campo dell’Urbanistica che si sono cimentati nei tempi passati (Mazzoni, Ugolotti, Coppedè) e in quelli recenti (Premio Catel 2011) relativamente alla riqualificazione del settore sud – est dell’Esquilino si sono  trovati d’accordo nell’eliminazione della ferrovia a via Giolitti e a Porta Maggiore. Tutti scemi ?

Controlli movida della Polizia Locale, tra venerdì e sabato sanzioni per più di 57.000 Euro‏

 Roma, 28 Agosto 2016
Messaggio precedenteMessaggio successivoTorna a messaggi

Anche durante il fine settimana appena trascorso la Polizia di Roma Capitale ha intensamente operato in città per contrastare le violazioni alle disposizioni relative alla movida, commercio e Polizia Stradale.

In particolare, nelle serate di venerdì e sabato (fino e notte), pattuglie del gruppo Trevi diretto dal Dott. Angelo Moretti, il gruppo maggiormente impegnato per competenza territoriale, ha contrastato le soste sul Lungotevere, Trastevere e le zone circostanti di Corso Vittorio Emanuele (via Giulia, via Del Pellegrino, via Monserrato.

Le sanzioni risultanti dai controlli di Polizia Stradale ammontano in tutto a 28.280 Euro, frutto di 90 controlli e 707 sanzioni per soste vietate (in seconda fila, in divieto, al centro strada).

Per quanto riguarda i controlli antialcool, gli agenti di Polizia Amministrativa hanno effettuato in due sere ben 352 appostamenti, sanzionando 8 esercenti e 10 avventori, applicando le prescritte sanzioni. Come nella settimana scorsa il commerciante di Piazza Madonna ai Monti è stato sorpreso mentre vendeva alcolici ai giovani seduti nella piazza: è stato di nuovo sanzionato, ma vista la recidività sono partite anche specifiche segnalazioni alla Prefettura e al Municipio per i necessari provvedimenti.

In zona S. Maria Maggiore e in Corso Vittorio Emanuele II è stata sanzionata una pseudo galleria d’arte che vendeva bevande alcoliche oltre l’orario consentito e 4 minimarket, gestiti tutti da cittadini di nazionalità bengalese.

Anche in zona Monti è stato sanzionato un laboratorio di gastronomia;iIn Piazza Campo de’ Fiori sono stati multati 8 avventori che sedevano sugli scalini della statua di Giordano Bruno, trovati con con bottiglie in vetro di birra e vodka, dichiarando durante la contestazione di aver portato tutto da casa.

Sempre in Piazza Campo de’ Fiori è stato sanzionato un artista di strada, trovato con le sue bombolette spray a disegnare e vendere quadri a mezzanotte. Sono stata inoltre sequestrate merci ad alcuni venditori abusivi ambulanti.

Il totale delle sanzioni elevate in questo fine settimana per il contrasto al commercio illegale è stato di 29.000 Euro circa (28.974).

 

Danni al Poliambulatorio a via Luzzatti n. 8. Il terremoto?

Zona transennata vicino all’ingresso del Poliambulatorio Luzzatti dell’ ASL Roma distretto 1 in via Luzzatti n.8 . Pezzi di intonaco e non solo si sono staccati dalla struttura esterna dell’ultimo piano. Non sappiamo se ci sia un nesso con le scosse del recente terremoto che ha messo in ginocchio gran parte dell’Italia centrale   ma è inaccettabile che a neppure dieci anni dai lavori di ristrutturazione un edificio pubblico presenti queste criticità oltretutto in una zona che vede il passaggio, per ovvi motivi, di centinaia e centinaia di persone ogni giorno. Vorremo far presente che gli altri edifici nella stessa via pur molto più vecchi (quasi tutti degli anni ’20) non hanno riportato danni  nè hanno avuto problemi  per le scosse del sisma  o per  conseguenze dovute all’età e agli agenti atmosferici.

Sisma, il Mibact mette online i danni al patrimonio artistico. E scatta l’operazione #museums4italy [GALLERY]

Storie & ArcheoStorie

#TERREMOTO Il @Mibact documenta online i danni al patrimonio artistico. E scatta l’operazione #museums4italy  #gallery

ROMA – Il Mibact  ha messo online le immagini delle prime ricognizioni dei danni ai beni artistici e architettonici nei territori colpiti dal sisma. Finora i tecnici e i carabinieri del Comando Tutela Patrimonio Culturale hanno contato 293 beni lesionati o distrutti (almeno una cinquantina) in un’area ampia venti chilometri, fuori dalla zona dell’epicentro della scossa principale, quella delle 3.32 del 24 agosto, con  6.0 di magnitudo ad Accumoli (Rieti). Più in basso pubblichiamo la lista (in aggiornamento).

La galleria fotografica, che rende con immediatezza la gravità delle lesioni subite dai monumenti, è il frutto del lavoro degli stessi carabinieri del TPC. Qui sotto proponiamo una selezione delle terribili immagini che mostrano i danni subiti dal patrimonio artistico e monumentale di Amatrice, Accumoli e degli altri paesi colpiti. L’intera gallery è disponibile qui.

Parte anche, sempre…

View original post 599 altre parole

Domenica 28 agosto #museums4italy: La solidarietà passa per i musei

1472147637149_Domenica_28_agosto_Violetto_con_fondo_totale_-_ITA

“Tutti gli incassi dei musei statali della prossima domenica 28 agosto saranno destinati ai territori terremotati”. Lo dichiara il ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo, Dario Franceschini invitando tutti gli italiani ad “andare nei musei in segno di solidarietà con le popolazione coinvolte dal sisma della scorsa notte”.
Grazie a questa prima misura straordinaria – che si aggiunge a quelle già ordinariamente previste e alle ulteriori misure che il governo adotterà – il MIBACT destinerà gli incassi dei musei e delle aree archeologiche statali di domenica 28 agosto a interventi sul patrimonio culturale danneggiato dal sisma.
Roma, 25 agosto 2016

#terremoto : i Punti di raccolta ufficiali

Quello che è successo nella notte tra il 23 e il 24 agosto ci ha scosso e profondamente segnato. Le immagini di distruzione e desolazione che avevamo già visto per il terremoto de L’Aquila sono tornate prepotentemente alla ribalta. Paesi rasi al suolo e di fatto cancellati, storie di intere famiglie che non ci sono più, persone che in attimo hanno perso tutto. E’ dura, e continuare a parlare dei problemi del nostro Rione in questo momento ci sembra  difficile. Ma  si deve andare avanti anche nel rispetto dei tanti che hanno perso la vita , degli innumerevoli feriti  e di tutti coloro che dovranno fare i conti con una casa  o un posto di lavoro che non c’è più. Per questo vorremmo indicare sia dei punti di raccolta ufficiali, dove recarsi per offrire anche un piccolo aiuto per tamponare l’emergenza di questi primi, terribili momenti, sia  altri modi  per cercare  di  offrire il proprio contributo di solidarietà. Tante gocce di acqua fanno un oceano….

Cqo_UHlXYAA85w9CqpI1rfW8AAU6GUnumero-solidale-sms-45500-680x365_cCqqEL_IXgAAAu7V

Arena Chiostro di San Pietro in Vincoli – settimana dal 22 al 28 agosto: il programma

ARENA DEL CHIOSTRO DI SAN PIETRO IN VINCOLI

Facoltà di Ingegneria – Via Eudossiana 18 (Colosseo/Cavour)

Inizio proiezioni ore 21.15
Prezzo: Biglietto unico 5 euro
La biglietteria apre alle ore 20.30

Settimana 22-28 Agosto 2016 il Programma

(Cliccare per ingrandire le locandine)