Archivi tag: Soprintendenza

ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA 2021. Gli Horti Lamiani, luogo mitico della storia romana, rivivono nel Museo Ninfeo. La Repubblica (15/10/2021); Soprintendenza Speciale Archeologia Belle Arti e Paesaggio di Roma [in PDF] / Instagram & You-Tube (15/10/2021); Anche: AgCult (15/10/2021). S.v., The New York Times (12/01/2021) [Italiano & English].

ROMA ARCHEOLOGIA e RESTAURO ARCHITETTURA 2021.

Foto: Soprintendenza Speciale Archeologia Belle Arti e Paesaggio di Roma (15/10/2021).

ROMA ARCHEOLOGICA & RESTAURO ARCHITETTURA 2021. Gli Horti Lamiani, luogo mitico della storia romana, rivivono nel Museo Ninfeo. La Repubblica (15/10/2021); Soprintendenza Speciale Archeologia Belle Arti e Paesaggio di Roma [in PDF] / Instagram & You-Tube (15/10/2021); Anche: AgCult (15/10/2021). S.v., The New York Times (12/01/2021) [Italiano & English].

RARA 2021. Gli Horti Lamiani, luogo mitico della storia romana, rivivono nel Museo Ninfeo. La Rep. (15/10/2021); SSABAPR / Instagram & You-Tube (15/10/2021); AgCult (15/10/2021). S.v., NYT (12/01/2021) [Italiano & English].
Foto: Soprintendenza Speciale Archeologia Belle Arti e Paesaggio di Roma / You-Tube (15/10/2021).

1). ROMA – Roma, gli Horti Lamiani rivivono nel Museo del Ninfeo. La Repubblica (15/10/2021).

La residenza privata degli imperatori, la vita dei principi di Roma, gli animali, le piante, i commerci, gli usi e i costumi della antica capitale: gli Horti Lamiani, luogo mitico della storia romana, rivivono nel Museo Ninfeo, che si inaugura con gli open day, del 30 e del 31 ottobre e apre al pubblico dal 6 novembre. Realizzato congiuntamente dalla Soprintendenza speciale…

View original post 2.174 altre parole

Nuove aperture straordinarie del cd. Tempio di Minerva Medica il 9 e 10 ottobre 2021

Dopo l’apertura straordinaria per le Giornate Europee del Patrimonio 2021 la Soprintendenza Speciale di Roma Archeologia Belle Arti e Paesaggio riaprirà ai visitatori il cd. Tempio di Minerva Medica nelle giornate del 9 e 10 ottobre. Come al solito la prenotazione è obbligatoria e valgono le restrizioni e le prescrizioni relative al contenimento del contagio da covid 19 .

Maggiori informazioni su orari, regole e modalità di prenotazione al seguente link 

Ricordiamo che le prenotazioni possono essere efettuate fino alle ore 12 del 7 ottobre 2021

Sospesi gli eventi in programma nell’ambito dell’iniziativa “Itinerari di autunno con la Soprintendenza” tra cui le visite straordinarie al cd. Tempio di Minerva Medica

In ottemperanza  al Dcpm del 03/11/2020 gli eventi in programma nell’ambito dell’iniziativa “Itinerari d’autunno con la Soprintendenza” sono annullati e rinviati a data da destinarsi.

In particolare, per quanto riguarda l’Esquilino, sono annullate e rinviate le visite programmate:

  • il 7 e il 21 novembre presso il comprensorio archeologico di Santa Croce in Gerusalemme
  • “Una notte alla corte dei Severi e di Elena” il 14 novembre presso il comprensorio archeologico di Santa Croce in Gerusalemme
  • “Apriamo la Minerva!” il 14 e 15 novembre presso il cd. Tempio di Minerva Medica

Finalmente una nuova recinzione per il cd. Tempio di Minerva Medica. Ma la sicurezza rimarrà una chimera fin quando il trenino passerà a pochi centimetri dal monumento

Come avevamo previsto in un precedente post (vedi), finalmente, sono iniziati i lavori per installare una recinzione degna di questo nome nel lato sud del cd. Tempio di Minerva Medica e rimuovere quella, provvisoria,  che era servita negli anni scorsi per il cantiere ma che era divenuta un vero e proprio oltraggio alla dignità del monumento.

Un plauso alla Soprintendenza Speciale Archeologia Belle Arti e Paesaggio di Roma che ha rispetttato le promesse per questo progetto nonostante i problemi legati al lock down che certamente non hanno aiutato ad espletare le pratiche (bando di gara, assegnazione ed inizio lavori) necessarie per il completamento di questa opera ma non possiamo non sottolineare di nuovo e con forza i gravi problemi legati alla sicurezza sia dei pedoni in genere (specialmente anziani, diversamente abili e bambini ) sia degli operai che stanno eseguendo questo lavoro. Non ci stancheremo mai di evidenziare come un treno o un tram non possa passare a pochi centimetri da un monumento senza creare  enormi disagi per il passaggio dei pedoni e la tutela dei lavoratori impegnati in una qualsiasi opera di manutenzione ordinaria e/o straordinaria alle pareti esterne del monumento su via Giolitti. Assai eloquenti il filmato e le immagini seguenti

Ecco quali dovrebbero essere i prossimi passi per ottenere il completo recupero e la valorizzazione del monumento:

  • Risoluzione una volta per tutte dei problemi legati alla sicurezza sia per quanto riguarda la situazione attuale sia per quella ipotizzata dal nuovo progetto della trasformazione del treno a scartamento ridotto a tram
  • Progetto di illuminazione del cd. Tempio di Minerva Medica: è assurdo che un monumento del genere debba rimanere al buio
  • Progetto per la sistemazione degli ambienti interni con ideazione di aiuole, percorsi funzionali per visitare il monumento e creazione di tutti i servizi necessari per i visitatori
  • Ed infine apertura al pubblico del cd. Tempio di Minerva Medica dopo oltre un secolo di chiusura.

Ci aspettiamo che si inizi finalmente a ragionare in maniera coerente su tutte queste problematiche. Di fronte a progetti seri e concreti nessuno si tirerebbe indietro per offrire un fattivo contributo di idee ma è arrivato il momento che chi deve decidere sul futuro del cd. Tempio di Minerva Medica si prenda finalmente le proprie responsabilità e decida sul da farsi senza ulteriori indugi e ritardi anteponendo la sicurezza di visitatori, cittadini e lavoratori su qualsiasi altra tematica.

Un atto dovuto per la salvaguardia e la tutela di un monumento unico come il cd. Tempio di Minerva Medica: Messa in mora

Essendo terminati i lunghi e costosi lavori di consolidamento e messa in sicurezza del c.d. Tempio di Minerva  Medica, dopo avere sollecitato ripetutamente l’intervento della Soprintendenza Speciale Archeologia Belle Arti e Paesaggio di Roma  a mettere in atto tutti i mezzi di tutela del Bene pubblico a Lei, dott.ssa Daniela Porro, affidato e gravemente danneggiato dalle vibrazioni cui viene sottoposto quotidianamente dal continuo passaggio di  un treno a scartamento ridotto, come ha dimostrato un attento e scrupoloso studio  dell”ENEA,  purtroppo dobbiamo constatare che, nonostante sia  uno dei monumenti più  rilevanti ed importanti della Roma antica e nelle rarissime aperture  abbia  visto  un’affluenza straordinaria  di pubblico attento e molto interessato, continua a restare precluso ai visitatori e a subire gli insulti dell’incuria e del disamore.

Pertanto le Associazioni  e i Comitati: 
Associazione  Abitanti  via Giolitti – Esquilino
Esquilino Vivo
Esquilino in  Comune
Il cielo sopra Esquilino
Parolincontro
e numerosi residenti nel Rione
hanno sottoscritta la richiesta della messa in mora della Soprintendente che potete leggere nel documento sottostante

Un’App per l’Esquilino aspettando tempi migliori per utilizzarla nei luoghi descritti

Lo scorso settembre abbiamo pubblicato un post (vedi) che descriveva un  sito sulla storia e i monumenti dell’Esquilino i cui contenuti sono stati elaborati dalla SOPRINTENDENZA SPECIALE PER I BENI ARCHEOLOGICI DI ROMA

Oggi vi segnaliamo la versione mobile che è possibile scaricare sugli smartphone sia con sistema operativo iOS (Iphone) che con Android.

Non si discosta molto dal gemello che gira sui PC ma ovviamente è più snello e ideato per funzionare sui dispositivi mobili e quindi con tecnologia touch e senza tastiera. Interessante la possibilità di scaricare anche una audioguida delle descrizioni dei vari monumenti. Le sezioni tematiche e le descrizioni sono le stesse della versione desktop

In basso alcune schermate

Per scaricare l’app digitare “iEsquilino” per i dispositivi iOS (Iphone) e scaricarla e “Esquilino” per quelli Android e scegliere l’App con la dicitura “Fondazione Bordoni” e attenersi alle modalità di installazione dei rispettivi sistemi.

Inoltre e’ in lavorazione una ulteriore App ancora piu’ avveniristica che è stata presentata a dicembre scorso in occasione dell’incontro organizzato da “Esquilino chiama Roma” alla  Casa dell’Architettura e che presenta tutta una serie di innovazioni atte a valorizzare al meglio tutti i monumenti del Rione .

Un ottimo sito per conoscere a fondo il Rione Esquilino

Premettiamo che non è una novità ma forse pochi lo conoscono. E’ un sito realizzato per la SOPRINTENDENZA SPECIALE PER I BENI ARCHEOLOGICI DI ROMA che, ovviamente, ha curato la consulenza per i contenuti. La nostra indicazione si riferisce al sito tradizionale curato e pensato per i PC ma esiste anche un’APP (iEsquilino) di cui ne parleremo in seguito.

Il link è http://www.romearcheomedia.it/esquilino

Il menu principale è costituito dai seguenti temi:

  • Percorsi Tematici
  • Luoghi del racconto
  • Percorsi nel Tempo
  • Gli scavi in corso
  • Da visitare

All’interno di ogni voce esistono dei sottomenu specifici per entrare nel dettaglio del monumento indicato o dei luoghi o del riferimento storico. Il tutto è corredato di mappe interattive per sottolineare i cambiamenti del territorio che ci sono stati nei secoli passati e per localizzare i singoli monumenti.

Insomma uno strumento efficace per comprendere la storia e scoprire i vari tesori del Rione Esquilino (da quelli più noti a quelli più nascosti e inaccessibili) che purtroppo in molti casi sono sconosciuti ai più.

Vi invitiamo a visitarlo

Questa è la presentazione dell’APP iEsquilino

“E’ imminente la pubblicazione dell’APP dedicata ad Esquilino e Viminale” spiega Mirella Serlorenzi, archeologa responsabile di quartieri in questione. “L’applicazione si caratterizza per il forte accento posto sulla lettura diacronica delle trasformazioni dello spazio urbano, del quale si legge la continua evoluzione attraverso un duplice filo conduttore, cronologico e funzionale: è possibile ripercorrere così le tante storie che si dipanano in questi due quartieri situati nel cuore del centro storico di Roma, gli abitanti, i luoghi, i momenti, attraverso un percorso cronologico che dalle origini di Roma giunge fino ai nostri giorni, oppure attraverso gli elementi monumentali che ne caratterizzano il paesaggio: le case e gli horti, le sepolture, i luoghi del culto, ma anche le strade, le mura, gli acquedotti. iEsquilino sarà collegata direttamente anche con il Sitar, permettendo così agli utenti di approfondire ulteriormente i contenuti archeologici dei contesti trattati”. La navigazione all’interno dei contenuti, possibile anche a partire dal singolo sito, non perde mai divista la mappa, per conservare il costante riferimento al contesto topografico nel quale esso era inserito. Ricco è il repertorio di carte storiche che raccontano frammenti scomparsi di questo settoredella città, e le fotografie che, nei primi decenni successivi all’Unità d’Italia, hanno immortalato la trasformazione della città appena divenuta capitale. Una distinta sezione, che sarà sottoposta a costante aggiornamento, costituirà invece una “finestra” attraverso la quale il visitatore virtuale potrà conoscere le ultime novità emerse dagli scavi in corso.