28 marzo 2017 “All’Esquilino, un incontro con l’artista Mark Kostabi”

La rassegna “All’Esquilino, un incontro con l’artista…..” è lieta di presentarvi

MARK KOSTABI

28 MARZO 2017

ORE 18.30-20.00

Via RICASOLI,7

 E’ gradita la prenotazione a  noidiesquilino@gmail.com

Mark Kostabi, artista e compositore, è nato a Los Angeles nel 1960 da genitori emigrati dal’Estonia. Cresciuto a Whittlier, ha studiato disegno e pittura alla California State University a Fullerton. Nel 1982 si trasferisce a New York e già nel  1984 emerge nel mondo del’ arte  come figura di riferimento nel East Village. Provocatore pubblica delle auto-interviste/  “interviste a me stesso”  o se medesimo centrate sulla mercificazione dell’arte contemporaneo.  Diventa famoso, non solo nella gallerie di New York ma in tutta l’America,  a partire del 1987 espone in Giappone, Australia e Germania. Nel 1988, fonda “Kostabi World” ovvero il “Mondo di Kostabi”  e viene recensito nelle principale testate/stampa internazionali; il suo studio a Manhattan assume molti assistenti pittori  così come produttori di idee/pensatori. A partire del 1990 il suo lavoro viene  esposto varie mostre in Italia e nel 1996 sceglie Roma come seconda casa e da allora divide il suo tempo fra Roma e New York.

 

Scontro di civiltà per un lampione a Piazza Vittorio

ilcantooscuro

piccione

I nemici dell’illuminazione a LED, nel I municipio di Roma, si dividono in due categorie: la minoranza di persone razionali e la maggioranza, capeggiata dalla Sora Buggia, di complottisti.

Le persone razionali ammettono come la loro preferenza abbia motivazioni puramente estetiche e chiedono come la modifica del paesaggio urbano, invece che scendere dall’alto, sia frutto di un processo partecipato e condiviso.

I complottisti invece, consapevoli che l’argomento

Nun me piace

sia un poco deboluccio da supportare in qualsiasi discussione, in analogia a quanto avviene con le scie chimiche e con i vaccini, la buttano in caciara, con i seguenti artifici retorici

1) Sempre viva l’ignoranza

Sì, perché per i complottisti nemico dei LED, un minimo di conoscenza dell’argomento e qualche anno di illuminotecnica sul groppone, non contano nulla nei confronti del loro buonsenso, il modo elegante con cui definiscono il loro mix di mancata informazione e spocchia.

Se si cerca…

View original post 528 altre parole

28 marzo 2017 “Io ci sarò” al Teatro Brancaccio

28 MARZO 2017

TEATRO BRANCACCIO

Ridens

IO CI SARO’

GIUSEPPE GIACOBAZZI

“Il nostro è un lavoro fatto anche di viaggi e durante i viaggi ti trovi inevitabilmente a pensare.”

Maggiori informazioni

 

27 marzo 2017 “Colossale Sentimento” all’Apollo 11



con il sostegno di

 



presenta

lunedì 27 marzo ore 21.00

c/o Itis Galilei ingresso laterale di via Bixio, 80/a
(angolo via Conte Verde) – Roma

COLOSSALE SENTIMENTO
un film di

Fabrizio Ferraro


Italia, 2016, 83′
al termine della proiezione
il regista FABRIZIO FERRARO
il distributore DONATELLO FUMAROLA
lo storico dell’arte SIMONE FERRARI
incontreranno il pubblico

Roma 1630-1640
Lo scultore barocco Francesco Mochi realizza il Battesimo di Cristo per la chiesa San Giovanni Battista de’ Fiorentini in Roma. L’opera, rifiutata dal committente, inizia a peregrinare di luogo in luogo per quasi 400 anni.
Roma Gennaio 2016
Un gruppo di visionari decide di riportare la scultura a casa, nel luogo dov’era stata originariamente pensata. Improvvisamente, durante il tragitto, Cristo rompe il silenzio di 400 anni e si rivolge a Giovanni Battista.Regia: Fabrizio Ferraro – Soggetto: Simone Ferrari, Fabrizio Ferraro – Testo, immagine e Composizione: Fabrizio Ferraro – Produttore esecutivo: Fabio Parente e Marcello Fagiani – Produttore delegato: Marta Reggio – Assistente di produzione: Alessandro Carlini – Operatore di camera: Giancarlo Leggeri – Fonico di presa diretta: Francesco Principini – Sound designer: Simone Frati – Produzione: Boudu – Passepartout in collaborazione con Rai Cinema e Simone Ferrari con il sostegno di Regione Lazio – Fondo regionale per il cinema e l’audiovisivo – Distribuzione: Zomia – Malastradafilm’