Archivi tag: via Emanuele Filiberto

Un altro tesoro ritrovato nel secolo scorso nel sottosuolo del Rione Esquilino e conservato al Museo Nazionale Romano Terme di Diocleziano

Il post pubblicato dal Museo Nazionale Romano sul proprio account Facebook che  descrive con dovizia di particolari il ritrovamento del mosaico della “Testa di Medusa” avvenuto nel 1911 nei pressi di via Emanuele Filiberto

I tesori nascosti nel sottosuolo del Rione Esquilino – #3

Roma. Viale Manzoni, Via Emanuele Filiberto. L’ammodernamento della linea A della Metropolitana: nuovi spunti per la conoscenza della topografia antica

Donato Colli – Mariateresa Martines – Sergio Palladino

Un interessante articolo sulla topografia antica della zona compresa tra viale Manzoni e via Emanuele Filiberto. Lo studio analizza le indagini eseguite in quella parte dell’Esquilino tra il 2006 e il 2008 in occasione dei lavori di ammodernamento della linea A della Metropolitana.

Il saggio mette in evidenza la presenza di antichissime vie di comunicazione tra Palatino e Celio che passavano proprio in questa zona e pone l’accento sulle numerose distruzioni effettuate fino agli anni ’20 del secolo scorso per la costruzione degli edifici del nuovo Esquilino e quelle degli anni ’70 per la costruzione della Metro A con le relative stazioni. Fotografie, planimetrie e sezioni molto accurate completano questo interessantissimo articolo.

 

 

8 dicembre : festa dell’Immacolata Concezione

8 dicembre ; festa dell’Immacolata Concezione della Beata Vergine Maria

La Storia:

Fin dai primi tempi della Chiesa si è sempre venerata l’Immacolata Concezione di Maria, ma non era ancora un dogma. Finalmente, il 2 febbraio 1849, il Pontefice Pio IX, ispirato da Dio e dalla Vergine, rispondendo alle insistenze dei vescovi e dei fedeli, inviò ai medesimi una lettera enciclica per domandare il parere di ciascuno riguardo all’Immacolata. La quasi totalità rispose esprimendo il desiderio vivissimo proprio e dei popoli, di veder presto proclamato quel dogma.

A questi voti Pio IX aggiunse la sua parola infallibile e l’8 dicembre 1854, alla presenza di tutta la corte pontificia e gran numero di vescovi e cardinali, definiva come dogma di fede la verità della Concezione Immacolata di Maria.

La chiesa di Santa Maria Immacolata all’Esquilino

La chiesa fu costruita tra il 1896 ed il 1914 per i Frati della Carità, detti Padri Bigi (fondati da Ludovico da Casoria), dagli architetti Cursi e Cortese; fu consacrata dal cardinal Luigi Traglia il 21 aprile 1942, come ricorda una lapide all’entrata. È in stile neogotico e presenta una facciata fiancheggiata da due basse torri campanarie; sopra il portale d’ingresso vi è un mosaico dell’Immacolata avvolta in un mantello decorato da stelle. L’interno è a tre navate suddivise da colonne, con vetrate.

La congregazione dei Padri Bigi si sciolse nel 1973. Oggi la chiesa è un luogo sussidiario di culto della parrocchia dei Santi Marcellino e Pietro al Laterano. Nell’edificio accanto alla chiesa (viale Manzoni 30), diretta dai Frati Bigi, vi fu una Scuola elementare e media (parificata).

Via Principe Eugenio sorvegliata speciale

Il 12 u.s. è apparsa su twitter la risposta dell’Assessore Improta ad un’interrogazione del Consigliere Comunale Stèfano (postata dallo stesso consigliere) riguardo alla sosta selvaggia a Piazza Vittorio e zone limitrofe.

 

Aldilà delle critiche all’Assessore emerse nella conversazione successiva risulta una contraddizione di fondo perchè da una parte si afferma che la velocità media dei veicoli pubblici nel tratto in questione è aumentata (chissà poi perchè) negli ultimi tempi,  dall’altra che “via Principe Eugenio è stata inserita nell’elenco delle strade sottoposte a controlli regolari” nonostante che in sette mesi (dal 01/01/14 al 31/07/14) siano stati elevati solo 17 verbali dagli ausiliari del traffico, appena poco più di due al mese ! Chi abita o lavora in questa via sa bene che la situazione è molto diversa e lo sa anche il Comune e la Polizia Municipale tanto che in una via vicina (via Emanuele Filiberto) nei mesi scorsi  è stato installato per qualche giorno all’incrocio con via Foscolo uno strano congegno che poi si è rivelato essere un contaveicoli (vedi) e nei giorni scorsi a viale Manzoni angolo via Emanuele Filiberto ha sostato un laboratorio mobile per il monitoraggio dell’aria, segno che nelle zona le indicazioni del traffico vanno in tutt’altra direzione.

20140908_182305Sarebbe auspicabile che non ci si limitasse a un arido controllo sui numeri ma che ci si recasse sul territorio per rendersi conto di persona di come la situazione per la sosta selvaggia a Piazza Vittorio e vie limitrofe sia ormai fuori dal controllo, senza dimenticare gli altri gravi problemi (commercio abusivo, occupazione di suolo pubblico, accattonaggio, rifiuti etc. ) che attanagliano tutto l’Esquilino.