27 febbraio 2020 “Granny Project” all’Apollo 11


in collaborazione con

presenta

un piccolo ciclo di proiezioni, attraverso alcuni dei documentari più interessanti degli ultimi tre anni, che intende mostrare quanto spesso l’identità sia anche il frutto di una ricerca, dell’inseguimento di tracce scomparse per l’accanirsi degli eventi o per infinite peripezie personali. Ogni film a suo modo mette al centro l’identità ebraica in un contesto relazionale, in cui il mondo circostante è uno specchio attraverso il quale uscire rafforzati

in anteprima romana

giovedì 27 febbraio ore 21.00

Spazio Apollo 11
c/o Itis Galilei ingresso laterale di via Bixio, 80/a
(angolo via Conte Verde) – Roma

Gran Bretagna/Ungheria, 2018, 89 min.

Al termine della proiezione

il regista
BALINT REVESZ

incontrerà il pubblico insieme a

CARLO S. HINTERMANN
ALBERTO CAVIGLIA

Tre nonne e tre nipoti. Tre amici che scoprono di avere nella propria famiglia un passato diametralmente opposto. Invece di cancellare le tracce di questa distanza i tre decidono di mettere a confronto le rispettive nonne in un viaggio a più tappe. Come si può instaurare un dialogo tra una agente dei servizi segreti inglesi, una attivista della gioventù nazista e una sopravvissuta ai campi di sterminio? L’intero film è costruito per dare una risposta a questo quesito, e lo fa con la forza irrefrenabile della vita stessa.

Regia: Bàlint Rèvèsz – Interpreti: Rosanne Colchester, Gudrun Dechamps, Livia Rèvèsz, Meredith Colchester, Ruben Woodin Dechamps, Bàlint Rèvèsz – Sceneggiatura: Meredith Colchester, Ruben Woodin Dechamps, Bàlint Rèvèsz – Fotografia: Ruben Woodin Dechamps – Montaggio: Kàroly Szalay – Musica: Albert Màrkos – Sound Design: Gàbor Erdlyi Jr. – Post Supervisor: Balàzs Budai – Produttore: Làszlò Kàntor, Bàlint Rèvèsz – Co-Produttore: Mariann Kiss, Meredith Colchester, Ruben Woodin Dechamps – Produttore Associato: Horvàth Szabô Àgnes, Patricia D’intino, Orban Wallace – Produzione: Company Gallivant Film (Uk) Új Budapest Filmstúdiò (Hu).

1 commento su “27 febbraio 2020 “Granny Project” all’Apollo 11”

  1. Bene, unito al personaggio. Anche se l’attore stesso è una specie di pazzo. È incredibile come siano riusciti a ritrarre un’immagine così complessa. È diventato un sex symbol

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.