28 aprile 2016 “Appena apro gli occhi” all’ Apollo 11


ra_vero

con il sostegno disiaepresenta



in prima visione e in esclusiva per la città di Roma

il film vincitore del PREMIO DEL PUBBLICO e del LABEL EUROPA CINEMA
alle
Giornate degli Autori della Mostra del Cinema di Venezia 2015

giov

edì 28 aprile ore 21.15

Centro Aggregativo Apollo 11
c/o Itis Galilei ingresso laterale di via Bixio 80/a
(angolo via Conte Verde) – Roma


iiagjebg
ATT00026
Tunisia, Francia 2015 – 96′

 

Tunisi, estate 2010, pochi mesi prima della Rivoluzione dei Gelsomini. La diciottenne Farah si è appena diplomata e la sua famiglia vorrebbe iscriverla alla facoltà di medicina, ma lei sogna altro. Canta in un gruppo politico rock, ama divertirsi, scoprire l’amore e frequentare la città di notte. Coraggiosa ed intraprendente, Farah si scontrerà ben presto con la repressione politica e la morale integralista…

Regia: Leyla Bouzid – Sceneggiatura: Leyla Bouzid, Marie Sophie Chambon – Fotografia: Sébastien Goepfert – Musiche: Khyam Allami – Testi delle canzoni: Ghassem Amami – Interpreti e Personaggi: Baya Medhaffer (Farah), Ghalia Benali (Hayet), Montassar Ayari (Borhène)

Guarda il trailer e l’evento su facebook

Il film sarà preceduto alle ore 19.30
dalla proiezione del documentario

Two butterflies with flags on wings as symbol of relations Germany and Tunisia
Two butterflies with flags on wings as symbol of relations Germany and Tunisia

 Italiano, arabo, francese, Italia, 2015

Entrambe le proiezioni saranno seguite da un Q&A con

Nouri Bouzid
uno dei più apprezzati registi del Cinema arabo contemporaneo

Stefano Grossi
autore del documentario su Nouri Bouzid (padre di Leyla)

Giorgio Gosetti
direttore delle Giornate degli Autori/Venice Days, sezione autonoma della Mostra del Cinema di Venezia dove, allultima edizione, è stato premiato il film di Leyla Bouzid

Paolo Minuto
distributore del film di Leyla Bouzid

 

Perché la Tunisia, il paese dei datteri, dei villaggi vacanze e del turismo di massa, si è trasformata da un giorno all’altro in una polveriera, ha prodotto la prima delle cosiddette Primavere arabe e oggi, superata la Rivoluzione del 2010 – 2011, è diventata il paese che fornisce più volontari alle milizie dell’Isis? Ed ecco allora, l’idea del mio film: un viaggio, anzi un road movie tra le immagini prodotte da una cultura e dentro quella cultura, per capire le radici di una crisi che il cinema di Nouri Bouzid racconta da vent’anni.

Regia e Sceneggiatura: Stefano Grossi – Interviste: Stefano Grossi, Tiziana Colusso – Partecipazioni: Nouri Bouzid – Speaker: Ignazio Oliva – Riprese e Suono: Felice D’Agostino, Arturo Lavorato – Montaggio: Luca Mandrile – Musica: Francesco De luca, Alessandro Forti, Adel Bouallegue – Repertori: Istituto Luce Digitale, Cinételefilms, Ctv Services – Produzione: Own Air – Propaganda Italia


Guarda l’evento su facebook

 


Dicono di noi:
Franco  Montini su Repubblica.it
Silvana Silvestri su Alias (Il Manifesto)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...