Un tuffo nel passato con G.B. Falda


Per gli amanti della storia e dell’urbanistica un piccolo regalo di fine d’anno : la Pianta di Roma di Giovan Battista Falda, incisore, pubblicata verso la fine del XVII secolo (Nvova pianta et alzata della città di Roma con tvtte le strade, piazze et edificii de tempi, palazzi, giardini et altre fabbriche antiche e moderne come si trovano al presente nel pontificato di N.S. Papa Innocentio XI con le loro dichiarationi nomi et indice copiosissimo). Nel particolare qui sotto una parte dell’Esquilino a quei tempi : interessantissima la presenza della via alberata che collegava la chiesa di Santa Bibiana  alla chiesa di S.Eusebio, via completamente distrutta con la ristrutturazione urbanistica voluta dal Viviani che, dopo il 1870,  ridisegnò completamente l’Esquilino a quei tempi non ancora rione autonomo ma inglobato nel rione Monti. In un prossimo post esamineremo uno dei primi piani regolatori di Roma Capitale d’Italia (1883) con alcune importanti sorprese.

Esq1730Utilizzando il link seguente potrete ammirare la pianta interattiva di tutta Roma del Falda, lavoro fantastico eseguito dall’Università di Princeton. Un’unica avvertenza per poter gustare appieno questo documento valido anche da un punto di vista artistico, bisogna tener presente che la pianta è orientatata con una differenza di circa 90° rispetto a quelle  attuali. In poche parole in alto l’orientamento è verso est e a sinistra verso nord.

Università di Princeton : la mappa di Roma di G.B. Falda (1678)

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.