Archivi tag: università

Capisaldi storici e città contemporanea. Strategie di valorizzazione e di rigenerazione

Venerdì 23 Settembre 2016, 09.30
aula Piccinato – Dipartimento PDTA
RM068 – Architettura – Via Flaminia 72, Roma

 

Venerdì 23 settembre si svolge, presso il dipartimento Pdta – Pianificazione, design, tecnologia dell’architettura – il seminario internazionale “Capisaldi storici e città contemporanea. Strategie di valorizzazione e di rigenerazione”. L’evento è organizzato dalla Sapienza in collaborazione con la Southeast University of Nanjing, la Tianjing university e la Chongqing University. Segue un workshop internazionale, dedicato al tema della rigenerazione del settore urbano Termini – Esquilino – San Lorenzo, a cui possono lavorare gli studenti di tutti gli atenei promotori del seminario. Coloro che partecipano all’evento e presentano una relazione hanno diritto a 1 CFU.

locandina-23-09-16_page_1

9 marzo 2016 “OpenDIAG” Giornata porte aperte del Dipartimento di Ingegneria Informatica Automatica e Gestionale ‘Antonio Ruberti’ – via Ariosto 25

manifesto-open-diag-2016

I giovani incontrano il mondo delle tecnologie avanzate

Orientamento e non solo all’OpenDIAG2016

 

Rivolto agli studenti delle scuole secondarie superiori e a quanti sono interessati, OpenDIAG è l’evento di presentazione del Dipartimento di Ingegneria informatica automatica e gestionale Antonio Ruberti (DIAG) dell’Università di Roma La Sapienza, con il patrocinio del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca.

Nato con l’obiettivo di far conoscere il DIAG come polo accademico internazionale di scienze applicate nei campi più innovativi del sapere, di offrire opportunità agli studenti avvicinandoli al mondo della ricerca applicata e del lavoro e di dare visibilità al talento e all’innovazione, l’OpenDIAG è quest’anno alla sua quarta edizione.

In risposta alla notevole partecipazione di alunni e visitatori dello scorso anno, per l’incontro del 2016 docenti, tecnici e amministrativi, studenti dei corsi di laurea che afferiscono al dipartimento ed ex-studenti che oggi ricoprono posizioni rilevanti in aziende e istituzioni nazionali e internazionali, daranno vita a un palinsesto ancora più ricco di iniziative e dimostrazioni. Oltre alla presentazione dei corsi di laurea afferenti al Dipartimento (due lauree triennali – Ingegneria Informatica e Automatica e Ingegneria Gestionale e 4 lauree magistrali, nel campo dei controlli, del management, dell’informatica e dell’intelligenza artificiale) ci saranno dimostrazioni interattive e contest che metteranno alla prova gli studenti più giovani su cattura di azioni e riconoscimento del robot MoCap, collaborazione uomo-robot con il manipolatore KUKA LWR 4, gioco con il team di calciatori robot NAO e controllo visuale di un robot umanoide, controllo di quota di un quadrirotore UAV, controllo delle onde cerebrali, Data Logger per il trasporto di opere d’arte, navigazione autonoma con il robot Absolem e robot archeologico in azione, ricarica smart di veicoli elettrici, gaze machine, narrazione interattiva e pathfinding nei videogiochi, pianificazione di viaggi multimodali, prevenzione e reazione ad attacchi informatici, business games e tanto altro. A seguire, una visita alla biblioteca che, oltre a mettere a disposizione le principali banche dati del settore, aprirà con l’occasione una nuova sezione dedicata proprio agli studenti delle scuole superiori che sono interessati a letture propedeutiche ai corsi di studio DIAG.

Il DIAG, infatti, è da trent’anni un centro di eccellenza nella ricerca e nella didattica in campi integrati del sapere scientifico e tecnologico. Vi operano gruppi accademici di livello internazionale nelle aree dell’informatica, della sistemistica e del management, in collaborazione con altre istituzioni e con le maggiori aziende del settore. Ogni anno il dipartimento pubblica centinaia di articoli in riviste scientifiche internazionali e in atti di conferenze; i suoi membri dirigono prestigiose istituzioni e organizzano eventi scientifici di riferimento per il mondo accademico, con premi e riconoscimenti a livello internazionale.

OpenDIAG è occasione di incontro reale, ma la sua anima vive anche online e nei social: è già attiva su http://open.diag.uniroma1.it/ la piattaforma OpenDIAG, con profili dedicati anche su Facebook, Twitter e Instagram, punti di raccolta per creare una sempre più ampia community di studenti DIAG. Sulla piattaforma OpenDIAG verranno trasmesse le dirette streaming delle presentazioni, dei talk, dei contest e del concerto finale. RadioSapienza sarà presente nell’intera giornata e trasmetterà in diretta tutti gli eventi in programma.

A Roma, il 9 marzo dalle ore 9 alle ore 18, nello storico edificio di Via Ariosto 25 per festeggiare insieme l’incontro tra giovani e mondo della tecnologia avanzata.

Maggiori informazioni e la pagina per l’iscrizione che è obbligatoria per gli studenti che vogliono partecipare alle visite guidate al seguente link . Solo agli studenti iscritti verrà riservata la partecipazione alle dimostrazioni interattive nei laboratori e verrà consegnato un attestato di partecipazione all’OpenDIAG 2016.

Le iscrizioni sono aperte fino al 5 marzo

Le Università di Roma: la nuova sede della Sapienza all’Esquilino

Direste che Roma è una città universitaria? Chi vive in prima persona la realtà capitolina sa bene che questa è una definizione che può andar bene in alcune zone della città e può invece sembrare fuori luogo in alcune. Sono certamente considerabili come “universitari” i quartieri a cavallo tra il Policlinico e Termini, o l’Ostiense o la periferia est.

Da qualche anno poi anche lo storico quartiere dell’Esquilino, troppo spesso ai noveri della cronaca per episodi di mala integrazione e violenza, è tornato ad essere come era una volta un “punto di istruzione”, grazie anche all’apertura del Dipartimento di Informatica e Sistemistica dell’Università la Sapienza, un trasferimento dalla vecchia sede di via Salaria al cuore della vecchia Roma popolana che si spera possa davvero portare qui quell’innovazione e quel progresso di cui le scienze informatiche sono normalmente foriere.

Per farlo il Dipartimento si è dotato di una sede ricca di ben 10 aule ed 8 laboratori per le diverse specializzazioni oltre che di studi attrezzati e rinnovati, atti ad accogliere degnamente professori, ricercatori e laureandi.

Ma quella delle tre università statali non è l’unica accezione universitaria della città. Nel territorio capitolino si sono infatti affermate anche diverse realtà dell’insegnamento a capitale privato: una tra queste è l’università telematica di Unicusano con sede a Roma, che ha anche la peculiarità di essere una delle prime università online in Italia.

In pratica chi si iscrive può o scegliere di seguire tutte le lezioni nelle aule della sua sede di Roma, oppure, può decidere di seguirle direttamente da casa. Agli studenti vengono infatti fornite delle username e delle password che gli consentono di seguire le lezioni direttamente da casa propria tramite streaming. Sempre da casa gli studenti possono inoltre consultare la segreteria o chiedere il supporto didattico di professori e tutor.