Sabato 22 marzo concerto di Marco Olivieri al Piccolo Apollo

liveat

presenta

sabato 22 marzo ore 18.00
Piccolo Apollo – Centro Aggregativo Apollo 11
c/o Itis Galilei ingresso laterale di via Bixio 80/b
(angolo via Conte Verde) – Roma


CONCERTO – SHOWCASE

di
MARCO OLIVIERI

PRESENTAZIONE DEL NUOVO CD PER PIANO SOLO

FANTASY,
MELODY AND DANCE

fan_me_da

pubblicato da Zone di Musica, 2014

con

Marco Olivieripiano solo

ore 18.00 aperitivo e presentazione
ore 18.30 inizio concerto
live set di 1 ora circa, e alle 19.45 abbracci e saluti

alle 20.00, per chi vorrà rimanere, proiezione del film

RAYMUNDO di Ernesto Ardito e Virna Molina

Dopo aver presentato al Piccolo Apollo in anteprima nel 2012 il suo primo cd Onda Onomala con il progetto Marco Olivieri Trio,
un gradito ritorno e una primizia musicale.


Marco Olivieri si divide tra Verona e Roma, e poi suona in altre città e Paesi (Belgio, Francia, Spagna, Austria, Finlandia…) dove porta questo suo modo disincantato e ironico di vedere la musica e la vita. In questo nuovo disco di piano solo si confronta con le proprie emozioni e suggestioni, cercando di viaggiare con la fantasia, accompagnato dalla melodia, a passi di danza…
Discografia
Onda anomala – Marco Olivieri Trio (Zone di Musica, 2012)
Fantasy, Melody and Dance – Marco Olivieri in piano solo (Zone di Musica, 2014)

Marco Olivieri
Diplomato in organo e composizione organistica presso il Conservatorio Felice Evaristo dall’Abaco di Verona, con il Maestro Umberto Forni, si è perfezionato presso l’Accademia di Antica Musica Italiana per organo di Pistoia.
In seguito ha studiato il clavicembalo con Sergio Vartolo e Federico Braga presso il Conservatorio Lucio Campiani a Mantova, e con Elizabeth Joye in Francia.
Ha approfondito l’improvvisazione organistica con Jan Raas, esibendosi in Italia, Francia e Germania.
Per la musica jazz, ha studiato pianoforte con Paolo Birro a Verona e con il Piolico Trio ha partecipato al corso di perfezionamento e alta qualificazione professionale del trio jazz tenuto da Stefano Battaglia, Paolino Dalla Porta e Fabrizio Sferra presso l’associazione Siena-Jazz.
Ha suonato in solo o in ensemble in Italia, Belgio, Francia, Spagna, Austria, Finlandia, ecc. Nel 2002 si è distinto al master-class tenuto da Stefano Bollani presso Perugia-classico, tanto da meritare l’assegnazione della borsa di studio.
Per la sua formazione di compositore si citano Valentino Donella, Davide Liani, Azio Corghi, Mauro Bonifacio, Marco Lena, Alessandro Solbiati.
E molto altro…

Live at the Apollo 11 è una rassegna di concerti, reading e showcase a cura di Timisoara Pinto e Fabio Lauteri. Il titolo è una citazione del celebre logo impresso sui dischi dei grandi concerti registrati dal vivo al leggendario Apollo Theater di Harlem, nel cuore di New York.


Ingresso riservato ai soci

(tessera mensile 5,00 € – sottoscrizione libera per ogni evento
come promozione tessera + cd di Marco Olivieri: 12,00 euro)



Per Apollo 11, sezione musica: Timisoara Pinto (timisoarapinto@gmail.com)
ufficio stampa Fabio Lauteri / X-Beat – contatti: fabio@x-beat.it – 333-3423867
segreteria@apolloundici.it – cell. 345-7330465

seguiteci su Facebook e su Twitter
 


 

Sabato 22 marzo “Raymundo” al Piccolo Apollo

ra_vero
presenta
 

nell’ambito de

dem_dit1
sabato 22 marzo – ore 20.00
Piccolo Apollo – Centro Aggregativo Apollo 11
c/o Itis Galilei ingresso laterale di via Bixio 80/b
(angolo via Conte Verde) – Roma

RAYMUNDO

un film di
Ernesto Ardito e Virna Molina
 

 raymundo
Argentina, 2001, 127’


la proiezione sarà introdotta da
Ugo Adilardi– presidente Archivio Audiovisivo del Movimento Operaio e Democratico
Greta De Lazzaris
– Apollo 11e seguita dall’incontro con

Florencia Santucho – direttrice del Festival Internazionale di Cinema sui Diritti Umani di Buenos Aires
Luciana Castellina – commendatore della Repubblica Argentina
Susi Fantino – Presidente Municipio VII
Carlo Felice Casula – Archivio Audiovisivo del Movimento Operaio e Democratico

Storia di Raymundo Gleyzer, cineasta argentino sequestrato e assassinato durante la dittatura militare nel 1976. Affianca la storia di Raymundo quella del cinema rivoluzionario latinoamericano e delle lotte di liberazione degli anni ’60 e ’70. Durante tutta la sua vita Gleyzer fu uno dei principali referenti del cinema militante. Un “desaparecidos” la cui memoria, malgrado la CIA e le dittature, torna a farsi sentire tramite i suoi ideali e il valore assoluto della verità.

 

Regia: Ernesto Ardito, Virna Molina Fotografia: Ernesto Ardito, Virna Molina – Montaggio: Ernesto Ardito, Virna Molina – Suoni: Ernesto Ardito – Produzione: Ernesto Ardito 
PROGRAMMA COMPLETO:dem_dit02

seguiteci su Facebook e su Twitter