Domenica 24 novembre “Foresta Bianca” al Piccolo Apollo

im_fi_mov
presenta
domenica 24 novembre ore 17.30
Piccolo Apollo – Centro Aggregativo Apollo 11
c/o Itis Galilei ingresso laterale di via Bixio
(angolo via Conte Verde) – Roma
FORESTA BIANCA

Storie di vita e narrazione condivisa

Un nuovo luogo di incontro tra arte e realtàUna chiacchierata aperta intorno al progetto Foresta Biancafo_bia
foto @Ariane Pichery

SIAMO IN COMPAGNIA DI: Matteo Balduzzi e Stefano Laffi, curatore e sociologo, autori di Foresta BiancaAlessandro Leogrande – giornalista e scrittore, vicedirettore della rivista Lo stranieroNicola Maranesi ricercatore, Archivio Diaristico Nazionale Pieve di Santo StefanoLaura Greco presidentessa dell’Associazione a SudMaurizio Braucci scrittore, giornalista e sceneggiatore, tra gli altri, dei film Gomorra e Reality di Matteo Garrone, L’intervallo di Leonardo Di Costanzo – Carlotta Mismetti Capua giornalista, scrittrice e blogger.Appare sempre più evidente come il ricorso alle storie di vita delle persone – in vari e specifici linguaggi visivi e narrativi che includono la fotografia, il video, il cinema, la scrittura, fino alla televisione – costituisca una modalità estremamente viva e attuale per indagare la realtà e per elaborarne una narrazione libera, critica e corale, in cui la figura dell’autore si arricchisce di una pluralità di voci diverse.In occasione della presenza a Roma del progetto pubblico Foresta Bianca – allestito nel MACRO nell’ambito di Fotografia. Festival Internazionale di Roma – Apollo 11 invita un gruppo di persone, autori, operatori a un primo momento aperto di confronto e di discussione, semplice e informale.Quali sono le modalità di lavoro, le soluzioni formali, le nuove e complesse progettualità che accompagnano la ricerca e la riscoperta di una fedeltà di vissuti, parole e racconti in prima persona? Quali i rischi, le opportunità e le risorse? Quali infine gli ambiti di lavoro che garantiscano una ricaduta anche pratica sulla società?Foresta Bianca è il progetto di Armunia ideato da Matteo Balduzzi, curatore di progetti di arte pubblica, e da Stefano Laffi, sociologo dell’agenzia Codici, per tracciare il ritratto di un comune dalla tante identità come quello di Rosignano Marittimo, attraverso le storie di vita dei suoi abitanti e le loro foto di famiglia.
Tra il 2012 e il 2013 Foresta Bianca si è mosso sul territorio, per andare incontro alle persone, passando per tutte le frazioni – Rosignano Solvay, Castelnuovo della Misericordia, Gabbro, Nibbiaia, Rosignano Marittimo, Vada e infine Castiglioncello – per concludersi con una grande mostra nelle sale espositive di Castello Pasquini, sempre a Castiglioncello.
Raccontarsi e mostrare la propria vita per immagini è un modo per scoprirsi parte di una stessa storia, mettere in comunicazione generazioni diverse e tracciare il profilo di un’identità che muta nel tempo senza perdere la memoria.
Lo spazio pubblico si popola di qualcosa che ci è allo stesso tempo spiazzante e letteralmente familiare, immagini e storie vengono seminate e condivise con un pubblico quanto più ampio possibile per “riforestare” il territorio.
Una selezione dei materiali raccolti è infatti mano a mano restituita ai cittadini nel montaggio video che viene proiettato nei cinemini itineranti, nelle pagine periodicamente pubblicate su Il Tirreno, in affissioni stradali, come frammenti audio trasmessi da Rai Radio3.

www.forestabianca.it/

fo_bia_logo
Foresta Bianca è un progetto di Armunia
ideato da Matteo Balduzzi e Stefano Laffi per il Comune di Rosignano Marittimo con il sostegno della Regione Toscana

bicigi    macro    fot_fe    XIIed

 

Immagini fisse in movimento, a cura di Benedetta Cestelli-Guidi / bicigiphotography.org e Greta De Lazzaris è il nuovo appuntamento di Apollo 11, che da quest’anno apre una spazio di riflessione sulla fotografia.
Il progetto si articola in una serie di incontri con i fotografi ed i loro lavori, per indagare e riflettere sulla fotografia osservandone le sue mutazioni e contaminazioni dovute anche alle recenti innovazioni tecniche, dall’uso dello smartphone al video così da fornire una mappatura di un media in veloce evoluzione.
PROSSIMO APPUNTAMENTO

giovedì 28 novembre:
NOI NON SIAMO COME JAMES BOND
di  Mario  Balsamo e Guido Gabrielli

seguiteci su Facebook e su Twitter