Esquilino: sequestrati 100 kg di alimenti trasportati in un furgone a temperature non a norma

Comunicato stampa della Polizia Roma Capitale

Esquilino: sequestrati 100 kg di alimenti trasportati in un furgone a temperature non a norma. Sanzioni di oltre 1000 euro e mezzo posto sotto sequestro.

L’autocarro è stato fermato nel pomeriggio di ieri dagli agenti della Polizia Locale di Roma Capitale, Gruppo I “ex Trevi”, in via La Marmora. All’interno 100 kg di pesce e carne congelati conservati ad una temperatura di oltre 15°. Gli alimenti ed il mezzo sono stati posti sotto sequestro. Oltre 1000 euro di sanzione nei confronti del conducente.
Gli agenti, diretti dal Dott. Maurizio Maggi, durante alcuni controlli di polizia stradale nel quartiere Esquilino, hanno fermato un furgone e durante le verifiche hanno scoperto la mal conservazione dei prodotti, trasportati in un ambiente non a norma, ad una temperatura superiore a quella consentita. A causa dell’interruzione della catena del freddo, gli alimenti erano già in fase di scongelamento.
Allertato immediatamente il personale Asl, si è proceduto al sequestro della merce, circa 100 kg tra pollame e pesce,  per cui è stata disposta la successiva distruzione. Nei confronti del conducente, un cittadino di nazionalità bengalese di 43 anni, sono state levate sanzioni per oltre 1000 euro ed il mezzo è stato sequestrato.
L’intervento dei caschi bianchi ha permesso di scongiurare gravi conseguenze per la salute dei consumatori.
Roma, 29 marzo 2019


Polizia Roma Capitale
Comando Generale
Reparto Rapporti con la Stampa
Via della Consolazione, 4
00186 Roma

Annunci

29 marzo 2019 “Djazzvan Quartet – Jazz do Brasil : Bossa, Choro, MPB” al Gatsby Cafè

29 marzo 2019 ore 21,30

Gatsby Cafè

Djazzvan Quartet – Jazz do Brasil : Bossa, Choro, MPB

Djazzvan project nasce poco più di un anno fa, dopo anni di silente e feconda gestazione, da un’idea di Marco Ricciardi (il cantante, chitarrista e arrangiatore del progetto) e dall’incontro di tre generazioni di musicisti dai percorsi artistici diversi e originali, accumunati però da una magnifica “consonanza” elettiva per la musica brasiliana e per l’improvvisazione vocale e strumentale.
Un progetto giovane con già all’attivo numerosi concerti in club e rassegne; un itinerario intimo, dalle sonorità acustiche, che rivisita i brani composti (o interpretati) dal cantautore brasiliano Djavan nella sua pluridecennale carriera, ma che allarga le sue perlustrazioni sonore nel repertorio di altri grandi autori della Bossa nova, dello Choro e della MPB come Jobim, Caetano Veloso, Ivan Lins, Pixinguinha, Cartola, ecc.

Marco Ricciardi: voce e chitarra
Alberto D’Alfonso: flauto
Umberto Vitello: percussioni
Dario Piccioni: c.basso