Perchè non iniziamo dall’Esquilino a fare le multe a chi sporca o lascia i rifiuti per strada?


Nei giorni scorsi anche per l’enorme eco sollevato dalle notizie, dalle foto e dai filmati di topi che in gran numero stanno infestando la città di Roma il commissario Tronca ha tracciato delle linee guida per cercare di iniziare oltre che la disinfestazione anche la prevenzione multando chi lascia rifiuti per strada (vedi articolo di Roma Today). Vorremmo però che alle parole facessero seguito i fatti perché la situazione dell’Esquilino (certamente anche di tante altre zone di Roma, ma è di questo rione che ci occupiamo) è ormai fuori controllo. Abbiamo fotografato dei cassonetti che si trovano all’incrocio tra via Bixio e via Principe Umberto : è solo uno dei tanti luoghi dell’Esquilino divenuti, purtroppo, discariche a cielo aperto. Avremmo potuto prenderne a modello anche altri con analoghi problemi, ma basta questo per evidenziare il livello a cui siamo arrivati. Ormai ci si getta di tutto, dagli elettrodomestici ai materassi, dai mobili alle cassette della frutta dalle bottiglie di vetro vuote (centinaia), ai vestiti e ai cartoni e questo accade tutti i giorni senza che venga mai presa una risoluzione; spesso è difficile camminare sul marciapiede senza inciampare su rifiuti vari. Come si può vedere anche dalle foto la raccolta differenziata è un termine senza senso dal momento che, oltre i rifiuti abbandonati sul marciapiede e sulla strada, vengono utilizzati tutti i cassonetti senza alcuna distinzione per i rifiuti indifferenziati. Oltre ai topi poi (che ci sono, altroché) un simile bordello offre un’attrazione fatale ai rovistatori di turno che passano a tutte le ore del giorno e della notte (anche con lampade da speleologo) per poi andare a rivendere la mercanzia trovata al tristemente noto mercatino della mondezza di Porta Maggiore (vedi). Nelle fotografie un estratto eloquente della situazione giornaliera di questi cassonetti con dei rovistatori attratti dalla incredibile varietà di oggetti che è possibile reperire .

Questo slideshow richiede JavaScript.

Riteniamo che l’unica maniera per migliorare la situazione sia quella di togliere i cassonetti altrimenti ci dovremo rassegnare a vivere in un immondezzaio perenne. Non si capisce perchè in tante altre zone (vedi articolo su Municipio Roma) si proceda a questa operazione mentre nel rione Esquilino si va avanti ad oltranza con i cassonetti per strada.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...