Comunicato stampa Vigili Roma Capitale del 25/07/15

Vigili, Aggiornamento su arresto di via Labicana del 23 Luglio c.m.

Grazie a indagini effettuate dagli agenti del gruppo Trevi scoperta l’identità dell’uomo. Si tratta di uno studente la cui scomparsa era stata denunciata due giorni prima in una cittadina del sud. Ringraziamenti ufficiali della mamma alla Polizia di Roma Capitale per il trattamento a cui è stato sottoposto il figlio.
Era affamato ma non chiedeva nulla, alternando momenti di ira a momenti di quiete e dolcezza:  era sprovvisto di documenti e seminudo perché derubato. Negli uffici aveva tenuto un comportamento ben diverso da quello di un delinquente, fornendo scarse informazioni sulla sua identità e sulla sua persona, su dove abitava e che cosa facesse. La sensibilità dei colleghi del Gruppo Trevi ha permesso di capire che in realtà il ragazzo fosse di buona famiglia e con dei problemi: oltre ad averlo rifocillato e assistito, anche all’ospedale nelle ore successive all’arresto, una degli agenti ha pazientemente raccolto e incrociato le frammentate informazioni fornite dal confuso ragazzo, riuscendo dopo poche ore a risalire da dove provenisse e chi fosse realmente. Alla fine si è scoperto che   era uno studente del sud e che era a Roma per laurearsi . Era stato probabilmente rapinato di tutti i suoi soldi e dei vestiti e, forse anche per lo stress e il caldo, aveva avuto quel comportamento inspiegabile con i Vigili che lo avevano fermato.
La telefonata giunta dalla Polizia Locale di Roma ha riempito di gioia la madre del ragazzo, che lo cercava da due giorni che. Dopo essere ieri andata nell’ospedale dove il ragazzo è ricoverato, ha voluto anche recarsi presso il Gruppo Trevi, per ringraziare personalmente le donne e gli uomini che si sono occupati del caso, scrivendo una lettera di ringraziamento al Comandante Generale.
n.d.r.
La famiglia ha espressamente richiesto di non divulgare i nomi ed i luoghi per comprensibili motivi di riservatezza, richiesta che il Comando Generale vuole rispettare.  

Polizia Roma Capitale
Comando Generale
Ufficio Rapporti con la Stampa
Via della Consolazione, 4
00199 Roma
tel. 06.6769.1
Annunci

Gli idioti non vanno mai in vacanza

In un post precedente abbiamo parlato della chiesa di Santa Bibiana sottolineando come i restauri iniziati un paio di anni fa siano al momento bloccati per mancanza di fondi e che la facciata berniniana sia a tutt’oggi ricoperta da ponteggi.  Il lavoro per la parte esterna del monumento, comunque,  è stato effettuato, e da qualche mese  i muri perimetrali sono stati liberati dalle impalcature. E, quale occasione migliore, per i soliti idioti di insozzare il muro finalmente pulito di un monumento importante come Santa Bibiana?

Noi amiamo Roma e in particolare il rione Esquilino ma non ce la facciamo più a vedere i nostri monumenti (e non solo) sfregiati, oltraggiati da questi autentici dementi  che, sempre impuniti,  credono di aver fatto un capolavoro insozzando un muro di una chiesa che ancora è in fase di restauro. Tra l’altro, hanno pure rovinato un’edicola tanto cara agli abitanti del rione come segno di devozione e ringraziamento (bombardamento di S. Lorenzo del 19 luglio 1943). Di buono c’è solo che riprendendo queste immagini ci siamo accorti che c’era qualcuno sui ponteggi, segno che, finalmente, i restauri della facciata sono ripresi e tra qualche mese potremo anche riammirarla rimessa a nuovo. Sempre che questi autentici vandali dei tempi moderni ce lo permettano.