(Ri)chiude il teatro Ambra Jovinelli

teatro-profilo

E’ una notizia che non avremmo mai voluto dare ma ieri è apparsa nella sua crudezza su vari organi di stampa (Corriere della Sera e Messaggero). Abbiamo utilizzato il termine richiude perchè è la seconda volta che succede in meno di tre anni. E se la prima volta erano dei problemi di gestione economica ora si parla di problemi “tecnici e strutturali del teatro” . Onestamente cadiamo dalle nuvole tenendo presente che il teatro è stato completamente ristrutturato poco più di 10 anni fa. E se è vero che il progresso tecnologico corre velocemente è perlomeno strano che le apparecchiature di scena abbiano un’obsolescenza così marcata. Non possiamo credere che tutti i teatri siano interessati a profonde opere di restauro in intervalli di tempo così ravvicinati. Per cui o i lavori di dodici anni fa non sono stati fatti a regola d’arte e comunque mai terminati definitivamente o c’è dell’altro per obbligare la chiusura di un teatro che negli ultimi due anni aveva avuto degli ottimi riscontri sia per il numero di spettatori che per la qualità degli spettacoli. Dopo Pasqua comunque ci sarà una conferenza stampa e ne sapremo di più. L’unica speranza è che esistano ancora dei margini di trattativa per scongiurare una nuova chiusura del teatro Ambra Jovinelli : sarebbe un male non solo per il rione Esquilino ma per tutta Roma e per la cultura in genere.