Tutti gli articoli di esquilino

17 Dicembre – Foto a Piazza Vittorio

Annunci

Giovedì 15 dicembre “Corde” al Piccolo Apollo

presenta
giovedì 15 dicembre – ore 20.30
Piccolo Apollo – Centro Aggregativo Apollo 11
 c/o ITIS Galilei – via Conte Verde, 51 – Roma

Ingresso riservato ai soci
fino ad esaurimento posti (99)

– tessera con iscrizione gratuita –
 
CORDE
un film documentario di
Marcello Sannino

Italia, 2009 – 55 min. DigiBeta


Al termine della proiezione seguirà l’incontro con il regista
Marcello Sannino

interverranno:
Giovanni Piperno
e Maurizio Braucci

Ricordiamo che alle 20.30 c’è il rinfresco e alle 21.00 inizia la proiezione

 

Ciro
è un giovane pugile di Napoli, dell’antico quartiere Ventaglieri. La sua è la storia di un mite che pratica uno sport di sfida cruenta e che, nella parte di mondo nella quale vive, aggredisce le difficoltà della vita con tenerezza e silenziosa tenacia, da campione leale. Più che un documentario sulla boxe, un’opera sulla crescita. “I campioni non si fanno nelle palestre. Si fanno con qualcosa che hanno nel loro profondo: un desiderio, un sogno, una visione”. Questo concetto di Muhammad Alì racchiude gran parte del senso che sta dietro alla vita ed alle scelte di Ciro, il protagonista della nostra storia. Ciro insegue un sogno, ha un desiderio, ed ha anche una visione. Vivere una vita normale. Il pugilato è il viatico per inseguire il sogno, lo scrigno della volontà; la palestra il luogo di diverse visioni della realtà. Albert Camus vedeva la boxe come uno sport “assolutamente manicheo”. Non lo considerava un gioco, come il calcio o il tennis, ma “un rito che semplifica tutto. Il bene e il male, il vincitore e il perdente”. La dicotomia di cui parlava Camus si realizza in pieno nella storia di Ciro, tenerezza e rabbia, vittoria e sconfitta.
Note di Regia
Ho concepito l’idea del mio film nel duemila: avevo aperto una piccola libreria di cinema in piazzetta Banchi Nuovi. Passava poca gente di lì, e, pur stando a ridosso della zona universitaria, la piazza era vissuta solo dai ragazzi del quartiere. Fu un commerciante della zona che mi parlò della realtà pugilistica napoletana, di cui conoscevo la tradizione, ma che pensavo fosse quasi scomparsa. Seguendo tracce di questo mondo, poco dopo, ho incontrato la NapoliBoxe, la palestra di Lino Silvestri, figlio del mitico Geppino, maestro di Campioni. E lì tra le tradizionali facce e i corpi da pugile, c’era Ciro Pariso, esile, biondo, con un fare introverso, un corpo un po’ curvo ma allo stesso tempo fiero e consapevole.
Del Cinema ho sempre amato la sua capacità di raccontare la persona, l’essere umano. E’ questo il centro del mio interesse ed ho cercato di concentrarmi su questo più che sui luoghi o l’ambiente, sono stato attratto dalla sensibilità di Ciro, dal suo silenzio,dalla sua tenerezza. Ciro è uno di quei ragazzi che è dovuto crescere in fretta. La boxe, incontrata per caso, gli ha dato la possibilità di essere accolto, allevato in qualche maniera. Impostare la vita secondo codici di  una certa “normalità” è, in questa parte di mondo, un vero atto di resistenza.

Corde è stato invitato a numerosi festival internazionali vincendo i seguenti premi:
 
Premio Speciale della Giuria – Italiana Doc Torino Film festival 2009 > Premio Avanti (Agenzia per la Valorizzazione Autori Nuovi Tutti Italiani) – Torino Film festival 2009 > Menzione Speciale UCCA – Torino Film festival 2009 > II Premio Festival INDOXX 2010 > Premio Casa Rossa Doc – Bellaria Film festival 2010 > Vesuvio Award per la miglior regia – Napoli film festival 2010 > Premio Speciale della Giuria Euganea film festival 2010 > Premio “Tasca d’Almerita” Migliore Documentario,SalinaDocFest > Premio Selezione, il documentario in sala [CINEMA.DOC] SalinaDocFest > Menzione Speciale “Obbiettivi sul Lavoro”2010 > Menzione Speciale-Grand Prix du jury pour le meilleur film toutes categories confondues al Festival Terra di Cinema 2011, Tremblay-en-France
 Regia, soggetto, fotografia: Marcello Sannino Produttore: Antonella Di Nocera Musica: Riccardo VenoMontaggio: Aurelia  LongoMontaggio e missaggio del suono: Marco Saitta

Biografie

PROGRAMMA DICEMBRE 2011



Martedì 13 dicembre 20.30

LA PASSIONE DI LAURA
un documentario di Paolo Petrucci con la presenza dell’autore e di Mario Sesti, Jacopo Mosca (L’Altro Cinema / Extra – Festival Internazionale del Film di Roma),
Angelo Barbagallo (produttore), Emanuele Trevi (critico e scrittore) con un’esibizione musicale di Silvia Nebbia


Giovedì 15 dicembre 20.30

CORDE
un documentario di Marcello Sannino con la presenza dell’autore, di Maurizio Braucci e Giovanni Piperno


Lunedì 19 dicembre 20.30 Lunedì 19 dicembre 20.30

PREMIO SOLINAS
Premiazione Vincitori PREMIO SOLINAS EXPERIMENTA e consegna della Medaglia del Presidente della Repubblica concessa al 26° Premio Franco Solinas a Umberto Contarello.
Presenta Boris Solazzo. INGRESSO RISERVATO AD INVITI E PRENOTAZIONI FINO AD ESAURIMENTO POSTI


Martedì 20 dicembre 20.30

NOTTURNO ITALIANO 
serata in sostegno dell’omonima trasmissione radiofonica di Rai Internazionale in procinto di chiudere. A cura di Timisoara Pinto e Fabio Lauteri con la partecipazione di alcune voci storiche del programma e interventi di artisti tra cui Andrea Satta dei Tetes de BoisFrancesco Di Giacomo del Banco del Mutuo SoccorsoRocco de RosaCanio Loguercio e altri.


Mercoledì 21 dicembre 18.30

FESTA DI NATALE ALL’APOLLO (evento di chiusura 2011) 

Con la presenza di Piera degli Esposti, Vladimir LuxuriaMassimo Gaudioso, Maurizio di RienzoStefano RulliGloria MalatestaMarco TurcoGiovanni PipernoBetta Lodoli che introducono i seguenti documentari:– IL PRANZO DI NATALE film-documentario partecipato prodotto dalla Marechiarofilm da un’idea di Antonietta De Lillo
a seguire brindisi di Natale con panettone e distribuzione cartelle della tombola “scostumata”– LE COCCINELLE – SCENEGGIATA TRANSESSUALE  anteprima docu-musical di Emanuela Pirelli  
 

a seguire spettacolo live de Le Coccinelle e tradizionale tombola “scostumata” dei femminielli napoletani.


seguiteci su Facebook Apollo Undici
   



 


Un libro un rione – Esquilino legge

Un libro un Rione
Esquilino legge

Giovedì 15 dicembre – ore 18 – Hotel Napoleon, piazza Vittorio Emanuele II, 105 incontro con Concita De Gregorio.

Si tratta del primo appuntamento del progetto Un libro, un Rione – Esquilino legge, curato dal gruppo Parolincontro in collaborazione con il Punto Einaudi Merulana: si invitano gli abitanti e le Associazioni di Esquilino a intraprendere un’esperienza di lettura condivisa attraverso la quale il libro diventa un’opportunità di incontro, di dialogo e di scoperta nello spazio diffuso della “Biblioteca parlata” che stiamo cercando di far vivere all’interno del Rione.
Sulla scia di esperienze nordamericane ed europee che si stanno diffondendo di recente anche in Italia, abbiamo proposto di leggere tutti lo stesso libro, “Così è la vita “di Concita De Gregorio, per poi discuterne insieme e parlarne con l’Autrice prendendo spunto dai brani che verranno letti ad alta voce dal gruppo PaRoLiNcOnTrO.

gruppo Parolincontro

e-mail

“La Passione di Laura” al Piccolo Apollo


martedì 13 dicembre – ore 20.30
Piccolo Apollo – Centro Aggregativo Apollo 11
 c/o ITIS Galilei – via Conte Verde, 51 – Roma

Ingresso riservato ai soci
fino ad esaurimento posti (99)

– tessera con iscrizione gratuita –LA PASSIONE DI LAURA
un documentario di
Paolo Petrucci


2011, 55′
selezionato al Festival Internazionale del Film di Roma – L’Altro Cinema / Extra

Al termine della proiezione seguirà l’incontro con il regista Paolo Petrucci

interverranno:
Mario Sesti e Jacopo Mosca (L’Altro Cinema / Extra – Festival Internazionale del Film di Roma)
Angelo Barbagallo (produttore), Emanuele Trevi (critico e scrittore)

La proiezione sarà seguita da un’esibizione musicale di Silvia Nebbia

Ricordiamo che alle 20.30 c’è il rinfresco e alle 21.00 inizia la proiezione

 

Il mio primo incontro con Laura risale al 2000. Anni in cui ho potuto conoscere e stimare una donna energica e intelligentissima, sempre pronta a combattere per il suo Pier Paolo, in un periodo in cui tutti facevano a gara per rivendicarne la memoria, rubando frasi “profetiche e sibilline”. Laura combatteva, ma Laura nel 2004 è morta. Con il passare del tempo ho iniziato a sentire la sua mancanza e mi è sembrato che il vuoto affettivo potesse essere elevato a vuoto culturale. Ho così deciso di raccontare la vita artistica e la passione culturale di Laura, con il sostegno affettuoso di Angelo Barbagallo.
Il documentario alterna materiale d’archivio a racconti di amici: Bertolucci ricorda Laura in Novecento e ricostruisce una sequenza tagliata al montaggio di Ultimo tango a Parigi; Marramao e Siti si soffermano sul rapporto con Pasolini, Archibugi ricorda un’amica preziosa, Kokosovski e Lang il fortunato e ricambiato amore per la Francia; Tosi e Poli la giovinezza, Plastino l’avventura da regista, Risset l’essere donna, Parlato la passione civile, Capitta il teatro, Nicolini il rapporto difficile con le istituzioni, Crivelli la cantante. Punti di vista che cercano di ricomporre la figura di Laura Betti, artista eccezionale, insolita e contraddittoria.Regia: Paolo Petrucci – Paese: Italia – Anno di produzione: 2011 – Durata: 55′ – Produttore: Angelo Barbagallo – Produzione: BiBi Film Tv – Soggetto, sceneggiatura, montaggio, fotografia: Paolo Petrucci – Suono: Marcos Molina – Animazioni: Ursula Ferrara – Voce di Laura Betti: Eleonora Danco – Distributore: Cinecittà Luce – Ufficio stampa: Riccardo Ciancarelli – BiBi Film Tv

Paolo Petrucci, nato a Roma nel 1966. Dopo la laurea si occupa di insegnamento del linguaggio audiovisivo nella scuola pubblica. In seguito si appassiona al montaggio. Come assistente lavora, tra gli altri, a film come Il commissario Montalbano (1999) di Alberto Sironi e La meglio gioventù (2003) di Marco Tullio Giordana. Nel 2001 collabora al montaggio del film Pasolini e la ragione di un sogno dove incontra Laura Betti. Come montatore lavora a numerosi documentari (Intervista a mia madre di Agostino Ferrente e Giovanni Piperno, Residence Roma di Fabio Caramaschi, Il futuro. Comizi infantili di Stefano Consiglio, Il pezzo mancante di Giovanni Piperno, in lavorazione Le cose belle di Agostino Ferrente e Giovanni Piperno). La passione di Laura è la sua prima regia.PROSSIMI APPUNTAMENTI

Giovedì 15 dicembre 20.30
CORDE
un documentario di Marcello Sannino con la presenza dell’autore e di Maurizio Braucci
Lunedì 19 dicembre 20.30
PREMIO SOLINAS EXPERIMENTA
Premiazione Vincitori e consegna della Medaglia del Presidente della repubblica per il 26° Premio Franco Solinas a Umberto Contarello. In collaborazione con Rai Cinema.
Presenta Boris Solazzo.

 
Martedì 20 dicembre 20.30
NOTTURNO ITALIANO
serata in sostegno dell’omonima trasmissione radiofonica di Rai Internazionale in procinto di chiudere. A cura di Timisoara Pinto e Fabio Lauteri con la partecipazione di alcune voci storiche del programma e interventi di artisti tra cui Andrea Satta dei Tetes de Bois, Francesco Di Giacomo del Banco del Mutuo Soccorso, Rocco de Rosa, Canio Loguercio e altri.

Mercoledì 21 dicembre Natale all’Apollo
18.30
IL PRANZO DI NATALE
film-documentario partecipato prodotto dalla Marechiarofilm da un’idea di Antonietta DeLillo

20.30
LE COCCINELLE
Docu-Sceneggiata transessuale di Emanuela Pirelli e a seguire tradizionale Tombola “scostumata” di Natale condotta dalle Coccinelle.

Con la presenza di Piera degli Esposti, Vladimir Luxuria, Massimo Gaudioso, Maurizio di Rienzo, Stefano Rulli, Gloria Malatesta, Marco Turco, Giovanni Piperno

, Betta Lodoli

seguiteci su Facebook Apollo Undici
   



 


11 dicembre : raccolta domenicale rifiuti ingombranti a Piazza Vittorio

Nel ricordare questa data vorremmo far presente che :

I rifiuti di grandi dimensioni debbono essere gettati in questi modi :

Nei Centri di raccolta rifiuti ingombranti. In questo link la cartina con tutti quelli dislocati nel territorio urbano.

Raccolte domenicali rifiuti ingombranti. La seconda domenica del mese in alternanza tra municipi pari e dispari in alcune zone si possono gettare rifiuti ingombranti a titolo gratuito. Nel nostro rione la raccolta avviene a Piazza Vittorio angolo via Buonarroti dalle 8,00 alle 13,00. Ricordiamo che domenica 11 dicembre,dalle ore 8 alle 13, saranno presenti i mezzi dell’AMA a Piazza Vittorio.

Nei quartieri. E’ un nuovo servizio forse poco conosciuto e a tal proposito riportiamo periodi e luoghi nel nostro rione per avere un’ulteriore altra possibilià di gettare rifiuti ingombranti :

Punto mobile raccolta ingombranti Piazza di Porta Maggiore fronte civico 25

I e III Martedì del mese Dalle ore 18:00 alle ore 19:30

Punto mobile raccolta ingombranti Piazza Vittorio Emanuele II fronte civico 119

I e III Martedì del mese Dalle ore 16:00 alle ore 17:30

Cosa posso consegnare? Rifiuti ingombranti tavoli, armadi, cassetti, credenze, librerie e scaffali letti, materassi e reti sedie, poltrone e divani porte, infissi, tende da esterno e ombrelloni passeggini, carrozzine, fasciatoi, girelli e culle acquari, quadri, specchi, lampade e lampadari sanitari, vasche da bagno e box doccia Rifiuti elettrici ed elettronici – RAEE lavatrici, frigoriferi, congelatori, macchine del gas e tutti gli elettrodomestici singoli e da incasso telefoni, computer, monitor e stampanti televisori, impianti hi-fi, lettori, videoregistratori e videogiochi ventilatori, condizionatori, stufe, etc. asciugacapelli, bilance elettriche ed elettroniche.

Ricordiamo che il problema dei rifiuti urbani riguarda tutti da vicino. Per evitare disastri ambientali è giusto monitorare e criticare le decisioni e le attività di Comune e Regione ma dobbiamo essere noi i primi a dare l’esempio, La strada non è una discarica e simili scene visibili quotidianamente vicino ai nostri cassonetti vorremmo proprio non vederle più

Che incivili !

Controlli a tappeto nel rione Esquilino

da "Roma Today"

Avevamo pubblicato qualche tempo fa un post “SOS microcriminalità” denunciando un rigurgito di reati di piccolo cabotaggio nel nostro rione ed in particolare le rapine di catenine e collane d’oro ai danni di donne più o meno anziane. Ed infatti,  sono stati denunciati per ricettazione  alcuni  titolari di  esercizi “Compro Oro” uno dei quali situato nel nostro rione (maggiori particolari in questo articolo di “Roma Today” e in quest’altro de “Il Messaggero”).   Altri controlli nei giorni scorsi hanno messo in evidenza ulteriori sacche di illegalità (Roma Today) e (Libero)   Non possiamo che congratularci per questi  succcessi delle Forze dell’Ordine  ed esortare a non abbassare la guardia.

Piazza Vittorio e l’ennesima riqualificazione

Piazza Vittorio in una foto d'epoca

     Visto il notevole interesse che ha avuto la notizia della riqualificazione di Piazza Vittorio anche sulle testate giornalistiche nazionali non possiamo esimerci dallo scambiare qualche parola sull’argomento tenendo presente l’importanza che la piazza riveste nella vita del rione. Vorremmo sottolineare innanzitutto, che, forse, è l’ultima occasione perchè questo luogo divenga finalmente un centro vitale non solo per l’Esquilino ma anche per tutta la città di Roma, con il suo grande giardino, i suoi portici, i suoi monumenti e  i suoi grandi marciapiedi alberati.  E quindi sarebbe utile non sprecarla e cercare per quanto possibile una fattiva collaborazione con le autorità competenti per apportare al progetto ulteriori migliorie sostenibili e compatibili con il budget messo a disposizione per l’opera.

In questo link  il progetto a grandi linee dal sito di “La Repubblica”.

In qoest’altro link il progetto più particolareggiato in file .pdf

     Affinchè Piazza Vittorio non diventi solo una splendida oasi nel centro della città per il relax e lo svago di grandi e piccini ma un punto di interesse tra i principali di tutta Roma. occorre tener presente che :

  • Un progetto di riqualificazione ambientale deve essere condotto su diversi piani d’azione per far sì che ottenga lo scopo che si era prefissato,  cioè il miglioramento della qualità di vita delle persone che abitano o lavorano nelle vicinanze: E’ quindi necessario interagire anche sulle strade, sui marciapiedi, sull’illuminazione , sul traffico , sui parcheggi, sugli arredi urbani, sulle nuove possibilità di mobilità (bike sharing, car sharing, colonnine elettriche) e non ultimo sull’assetto commerciale delle zone limitrofe.
  • E’ indispensabile prevedere negli anni seguenti alla riqualificazione il budget necessario per assicurare la sorveglianza e la manutanzione del sito altrimenti si rischia dopo poco tempo di ricadere nel degrado e nell’abbandono come è successo purtroppo in altri luoghi del rione (ma anche a Piazza Vittorio stessa).
  • Nel progetto grande attenzione è stata riposta nella valorizzazione del patrimonio archeologico della piazza. Non è la prima volta che i suoi monumenti destano curiosità e ammirazione perchè nei secoli passati molti archeologi e studiosi si sono cimentati nella ricostruzione più o meno fantasiosa per esempio dei “Trofei di Mario” come testimonia l’immagine in fondo al paragrafo di una stampa ottocentesca di un lavoro di Antoine Martin Garnaud. Ma  in più Piazza Vitttorio può divenire un polo di attrazione turistica di prim’ordine tenendo presente che tra breve tempo sarà possibile ammirare gli interessantissimi reperti ritrovati durante  la costruzione del parcheggio sotterraneo del nuovo palazzo dell’ ENPAM e che qualche anno fa una campagna di scavo proprio sotto i giardini portò alla luce dei resti elegantissimi di una villa patrizia (Horti Lamiani) dell’antica Roma (vedi l’articolo tecnico finale in file.pdf)

     In conclusione, tenendo presente la vicinanza  di basiliche, chiese ed altri monumenti, e le eccellenti possibilità fin da ora di usufruire dei mezzi pubblici per gli spostamenti,  non possiamo che esortare i progettisti e gli anmministratori a lavorare perchè questa diventi la riqualificazione definitiva della piazza e grazie a  questa occasione formidabile e forse irripetibile si pongano le basi per riaccendere il motore dello sviluppo della zona. Infine, un’esortazione : se qualcuno ha qualche buona idea “nel cassetto” è ora di tirarla fuori….. utilizzando il seguente indirizzo e-mail assessorato.lavoripubblici@comune.roma.it.

 

 

 

 

Giovedì 1 dicembre tornano le targhe alterne

E’ ufficiale, da giovedì 1 dicembre tornano le targhe alterne  nella fascia verde della città. Ovviamente il rione Esquilino è interessato al divieto di circolazione dalle 9 alle 13 e dalle 16 alle 21 che per giovedì riguarderà tutti i veicoli più inquinanti con le targhe dispari .

Fascia verde di Roma
 
 
Maggiori informazioni su orari ed eccezioni al divieto su questo articolo sul sito istituzionale di Roma Capitale.
 

Venerdì 2 dicembre il divieto di circolazione dalle 9 alle 13 e dalle 16 alle 21  riguarderà tutti i veicoli più inquinanti con le targhe pari. Valgono le medesime eccezioni elencate nel link precedente.

 

ITALY LOVE IT OR LEAVE IT al Piccolo Apollo il 1 dicembre

             

presentano

giovedì 1 dicembre – ore 20.30

Piccolo Apollo – Centro Aggregativo Apollo 11
 c/o ITIS Galilei – via Conte Verde, 51 – Roma

Ingresso riservato ai soci
fino ad esaurimento posti (99)
– tessera con iscrizione gratuita –

ITALY LOVE IT OR LEAVE IT
un documentario di
Gustav Hofer e Luca Ragazzi


HD Cam, 2011, 75′

Al termine della proiezione seguirà l’incontro con gli autori
Modera Cristina Piccino (critico cinematografico)

Ricordiamo che alle 20.30 c’è il rinfresco e alle 21.00 inizia la proiezione

Luca e Gustav sono due ragazzi italiani che di recente hanno assistito all’esodo di molti amici coetanei che hanno deciso di lasciare l’Italia per mete come Berlino, Londra o Barcellona.
Persone creative che non vedono un futuro in questo paese, stanchi del costo della vita, del precariato, dell’atteggiamento reazionario, del baronato nel mondo accademico, della mancanza di attenzione per i diritti umani, l’abbrutimento e la mancanza di meritocrazia.
Anche Gustav crede che andarsene sia la cosa migliore da fare mentre Luca vuole convincerlo che l’Italia è ancora un paese pieno di buoni motivi per restare, di persone appassionate che ogni giorno conducono una battaglia silenziosa perché le cose possano cambiare.
Prima di prendere una decisione definitiva, si danno sei mesi per capire se è ancora possibile re-innamorarsi dell’Italia. Decidono di fare un viaggio con una vecchia Fiat 500, su e giù per lo stivale. Vanno alla ricerca di storie, aneddoti, personaggi, per scoprire cos’è rimasto dell’Italia che all’estero fa ancora tanto sognare, cercando di capire meglio un paese dal passato tanto celebrato e dal futuro incerto, lasciando la porta aperta all’imprevedibile. Scopriranno un paese diviso e contraddittorio, ma sull’orlo di un cambiamento.
 
Dopo l’acclamato Improvvisamente l’inverno scorso (Nastro d’argento 2009, menzione speciale Berlinale 2008, più di 200 festival in tutto il mondo), Luca e Gustav tornano a raccontare l’Italia di oggì, non senza sarcasmo e ironia.
Regia: Gustav Hofer e Luca Ragazzi – Produzione: Hiq productions/ NDR – Arte / WDR / Rai 3 con il sopporto di Media – Produzione esecutiva: Vania Del Borgo – Montaggio: Desideria Rayner – Fotografia: Michele Paradisi – Musiche: Santi Pulverenti – Sound Editor: Silvia Moraes – Animazioni: Studio Tesla, Zaelia Bishop, Andrea Cerini, Fernanda Veron – Distribuzione: Zalab.org


Gustav Hofer, nato a Sarentino (Bolzano), dopo la Laurea in Scienze della Comunicazione a Vienna e in Cinema a Londra, si è trasferito a Roma. Dal 2001 lavora per la televisione franco-tedesca Arte, in qualità di corrispondente per la cultura dall’Italia. Da gennaio 2005 conduce sulla stessa emittente il programma quotidiano di cultura Journal de la Culture – Arte Kultur
 
Filmografia:
Improvvisamente l’inverno scorso, 2008, (58e Berlinale, menzione speciale Panorama, Nastro d’Argento 2009, 20 premi internazionali, 200 festival) – Uomini per tutte le stagioni (50′ per Medici Senza Frontiere) – Torna a casa Bush, 2004, 26′ – Il sangue dell’Impero, 2004, (52′ per Rai Tre con Giovanni Sparo) – Korea Prioritaria, 2002, (45′, mezione speciale al Genova Film Festival).

Luca Ragazzi, nato a Roma, laureato in Filosofia all’Università La Sapienza, esercita da anni la professione di giornalista – critico cinematografico e fotografo. Ha debuttato alla regia con Improvvisamente l’inverno scorso.

Cristina Piccino
nasce a Roma. Ha studiato a Bologna al Dams storia del cinema, con passione “impura” per la ricerca teatrale, cosa che le ha permesso di mescolare le scoperte e gli orizzonti di ricerca. Dagli anni Novanta è redattore per il Manifesto. Collabora inoltre con altre testate (Rolling Stones, Amica), programmi tv, festival (Filmmaker Milano, Taormina cinema).




Per contatti e info sul film:
www.zalab.orgwww.italyloveitorleave.it


Per info sulla proiezione all’Apollo 11:
seguiteci su Facebook Apollo Undici
   



 


Spezzatino AMA

Venerdì 25 novembre piccola sorpresa all’angolo tra via Principe Umberto e viale Manzoni :

I cassonetti non ci sono più

 i cassonetti non c’erano più. Spariti ? No, solo spostati e separati  (a due a due) a viale Manzoni.

Primi due cassonetti
Gli altri cassonetti

Basterà a scoraggiare gli incivili che ogni giorno buttavano qualsiasi cosa all’esterno dei cassonetti ?

Siamo alle solite

Sembra proprio di no, comunque vedremo…