Tutti gli articoli di esquilino

19 febbraio – 1 marzo 2020 “Mine Vaganti” al Teatro Jovinelli

19 febbraio 1 marzo 2020

TEATRO JOVINELLI

Mine Vaganti

UNO SPETTACOLO DI FERZAN OZPETEK

Ferzan Ozpetek firma la sua prima regia teatrale mettendo in scena l’adattamento di uno dei suoi capolavori cinematografici
MINE VAGANTI

** 2 David Di Donatello** 5 Nastri D’Argento ** 4 Globi D’Oro

**Premio Speciale della Giuria al Tribeca Film Festival di New York **Ciak D’Oro come Miglior Film

FRANCESCO PANNOFINO è Vincenzo Cantone (padre di Tommaso e Antonio)
PAOLA MINACCIONI è Stefania Cantone (madre di Tommaso e Antonio)
ARTURO MUSELLI è Tommaso Cantone (fratello minore di Antonio)
GIORGIO MARCHESI è Antonio Cantone (fratello maggiore di Tommaso)
CATERINA VERTOVA è la nonna (madre di Vincenzo)
ROBERTA ASTUTI è Alba Brunetti (socia di Tommaso)
SARAH FALANGA è zia Luciana (sorella di Vincenzo)
MIMMA LOVOI è Teresa (cameriera di casa Cantone)
FRANCESCO MAGGI è Andrea (amico di Tommaso)
LUCA PANTINI è Marco (compagno di Tommaso)
EDOARDO PURGATORI è Davide (amico di Tommaso)

Maggiori informazioni

19 febbraio 2020 “Gipsy Gatsby: Retriò” al Gatsby Cafè

19 febbraio 2020 ore 21,30

GATSBY CAFE’

Gipsy Gatsby: Retriò

 

Il RETRIÓ reinterpreta i grandi standard del jazz di ieri in chiave manouche. Un’atmosfera di un altro tempo, ma fresca e sincera.

Una squillante chitarra manouche e un contrabasso scuro e intonato si intrecciano con una voce chiara e agile per un viaggio intenso e divertente!

Alessandra Della Porta: voce.
Lorenzo Bucci: chitarra.
Giordano Panizza: contrabasso.

:: FREE ENTRY ::

20 febbraio 2020 “Te Lo Faccio Vedere Chi Sono Io!” al Teatro Brancaccio

18 febbraio 2020

TEATRO BRANCACCIO

Te Lo Faccio Vedere Chi Sono Io!

Associazione
Gianni Elsner onlus

 

Decima Serata in Onore di
GIANNI ELSNER

Serata di beneficenza a favore dei bambini del Paragauay

presenterà la serata Luciano Lembo
con la partecipazione di
Alberto Laurenti e i Rumba de Mar
e tantissimi altri artisti amici di Gianni

17 febbraio 2020 ” La Memoria del condor” all’Apollo 11

presenta

Spazio Apollo 11
c/o Itis Galilei ingresso laterale di via Bixio, 80/a
(angolo via Conte Verde) – Roma

lunedì 17 febbraio ore 21.00


Italia, 2018, 80 min.

al termine della proiezione

la regista
EMANUELA TOMASSETTI

incontrerà il pubblico
insieme a

CECILIA RINALDINI
giornalista e inviata giornale RadioRai

PATRICIA MAYORGA
giornalista e scrittrice

MARTA LUCISANO
avvocato nel processo Condor

JORGE ITHURBURU
presidente Associazione 24 marzo onlus

Il Piano Condor (o “Operazione Condor”) è una alleanza nata negli anni ’70 tra forze militari e di polizia di diversi paesi sudamericani, con il benestare degli Stati Uniti e del Segretario di Stato Henry Kissinger. Ha interessato in particolare Argentina, Cile, Uruguay, Paraguay, Brasile, Bolivia e in ultimo anche il Perù. Una vera e propria organizzazione politico-militare nata con il compito di eliminare oppositori e dissidenti, oltre i confini dei singoli stati. Il 12 febbraio 2015 inizia a Roma il Processo Condor. 43 vittime latinoamericane, di cui 23 di origine italiana, uccisi o scomparsi in Sudamerica negli anni delle dittature. Imputati 36 militari e civili di quattro diversi paesi latinoamericani: Uruguay, Bolivia, Perù e Cile. La sentenza arriva due anni più tardi. Nel frattempo sei imputati sono morti. 8 sono condannati all’ergastolo, uno solo è dichiarato innocente, per 18 di loro viene dichiarato estinto il reato perché ormai prescritto. Tutte le parti hanno impugnato la sentenza e ora è in corso il Processo d’Appello. Quello di Roma è il primo processo in Europa a emettere delle condanne per reati commessi nell’ambito dell’Operazione Condor.
Partendo dal processo, seguito nelle tante udienze del primo grado, il film racconta le storie personali di alcune delle vittime. Sullo sfondo scorre il drammatico periodo storico in cui avvengono i fatti, riletto e ripercorso alla luce dei racconti privati e di una attenta analisi storica. Le testimonianze dei protagonisti, in Tribunale e durante le interviste, si alternano perciò alle immagini di repertorio, proveniente sia da archivi italiani, argentini e uruguayani, sia dagli archivi privati dei sopravvissuti. I familiari e gli amici delle vittime ripercorrono quelle storie ancora oggi per loro così dolorose, regalandoci testimonianze intense e intime che fanno riflettere su quanto sia importante salvaguardare la memoria.

Regia: Emanuela Tomassetti – Interpreti: María Campiglia, Martín Almada, Alejandro Montiglio, Tamara Montiglio, Juan Osses, Rina Belvederessi, Julio Soto, Gloria Torres, Pablo Adriazola, Carlos Montes, Aurora Meloni, Zelmar Michelini Jr, Mariana Zaffaroni, Macarena Gelman, Victoria Moyano Artigas, Estela Carlotto – Voce: Valentina Carnelutti Riprese Paolo Palermo – Montaggio: Massimiliano Cecchini – Collaborazione al montaggio: Emanuele Redondi – Riprese seconda unità: Milena Fiore – Organizzazione: Valeria Adilardi – Prodotto da: Luca Criscenti – Produzione: Land Comunicazioni in associazione con Archivio Audiovisivo del Movimento Operaio con il contributo di Regione Lazio e con il patrocinio di Amnesty International – Archivi: Archivio Audiovisivo Movimento Operaio e Democratico, Archivo Difilm – Argentina, Telemundo Teledoce Uruguay, Izquierda Diario, Ir Frente Amplio.

Il trailer

Anche ai tempi di Orazio non mancavano i problemi all’Esquilino!

Sono passati più o meno 20 secoli da quando Orazio, il grande poeta latino, scriveva questi versi:

Satire 1.8.14

nunc licet Esquiliis habitare salubribus atque/
aggere in aprico spatiari, quo modo tristes/
albis informem spectabant ossibus agrum

“Or l’Esquilino colle offre alla gente
Salubre stanza, e bel passeggio aprico,
Dove prima apprestava a’ viandanti
Di bianche ossa insepolte un tristo campo.”

E’ noto il fatto che in età augustea e sotto la supervisione di Mecenate l’Esquilino fu completamente ricostruito e  da un luogo di necropoli spesso abbandonate divenne un quartiere residenziale amato ed abitato nei secoli successivi da molti personaggi importanti e influenti dell’Impero Romano (imperatori compresi).

Ma, anche a quei tempi,  guai a lasciare i lavori a metà e non risolvere tutti gli altri problemi che evidentemente già  assillavano la zona nonostante le ricche dimore e le fastose residenze patrizie.

Infatti il sommo poeta latino continuava:

“Ma non tanta però fatica e pena
Mi danno i ladri, e gli animali avvezzi
Questo luogo a infestar, quanto le streghe
Che travolgendo van gli spirti umani
Con venefici incanti.

Insomma allora  ladri, animali e streghe turbavano i sonni e la tranquillità dei residenti.

E non è che le cose siano cambiate così tanto.  I ladri ci sono sempre, gli animali forse no ma le streghe con i loro “venefici incanti” possono essere accostate metaforicamente agli spacciatori di droga che purtoppo infestano l’Esquilino. E non possiamo dimenticare gli enormi problemi sociali che sono sotto gli occhi di tutti. Non sarebbe ora, una volta per tutte, di risolvere i problemi di questa bellissima ed unica zona di Roma?

 

 

 

15 febbraio 2020 “Racconti al buio con Antonietta Raphael” al Palazzo Merulana

15 febbraio 2020

PALAZZO MERULANA

Racconti al buio con Antonietta Raphael

Palazzo Merulana è lieto di ospitare un evento molto speciale in collaborazione con l’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti di Roma (UICI),  nelle persone di Camilla Capitani, Cristina Costin, Francesco Capitani e Gianluigi Malacrinis.

L’iniziativa si propone di dar vita ad un’esperienza didattica sensoriale totalmente immersa nell’oscurità destinata ai visitatori vedenti.
I partecipanti potranno mettersi alla prova sperimentando come l’arte può essere vissuta attraverso il racconto, il gioco e il tatto; quest’ultimo li aiuterà a capire come le persone non vedenti e ipovedenti possono fruire di musei e luoghi della cultura.

Si partirà con uno storytelling che ha per protagonista una delle artiste presenti nella collezione, Antonietta Raphaël.
I visitatori verranno accompagnati all’interno di una sala completamente immersa nel buio.
Si entrerà in fila indiana e ognuno terrà in mano una parte di un gomitolo di spago che, simbolicamente, rappresenterà il filo conduttore della storia che ripercorrerà la vita personale ed artistica della Raphaël e della sua famiglia.
Dopo una breve introduzione, il racconto si sposterà sul progetto di recupero dell’ex Ufficio di Igiene della Capitale, ora Palazzo Merulana, e sulla collezione privata della Fondazione Elena e Claudio Cerasi che raggruppa anche i prestigiosi lavori dell’artista lituana e del coniuge Mario Mafai.
All’interno della collezione è presente una delle più importanti serie prodotte dalla scultrice, ossia i bronzi de La Genesi, tema particolarmente caro all’artista .
A questo punto il pubblico sarà coinvolto in un gioco collettivo, al buio, in cui dovrà cimentarsi con creatività e mettersi alla prova affidandosi completamente al tatto e allo spirito di gruppo.
Seguirà una visita tattile alle sculture di Antonietta Raphaël presso il Giardino delle Sculture al piano terra, alla cui conclusione potrà seguire un momento di riflessione e di condivisione individuale e collettiva.

L’attività sarà condotta da quattro operatori dell’UICI, con il supporto del personale CoopCulture.

Partecipazione all’attività con biglietto d’ingresso a Palazzo Merulana

Prenotazione consigliata allo 0639967800 |  online 
Diritti di prenotazione euro 2,00
Capienza: min. 5 – max 10 partecipanti: l’attività non parte se non si raggiunge il numero minimo di partecipanti per turno. 

15 febbraio 2020 “Festa romana per Paolo Villaggio” all’Apollo 11

presenta

sabato 15 febbraio 2020
ore 17.00 film – ore 18.30 rinfresco – 19.00 festa
 
Spazio Apollo 11

c/o Itis Galilei ingresso laterale di via Bixio, 80/a
(angolo via Conte Verde) – Roma

Festa Romana per

PAOLO VILLAGGIO
godimento pubblico letterario

 
Fantozzi, ubriaco come una bestia, entrò nella rotativa del padiglione del giornalismo e venne stampato e letto con curiosità dalla moglie.”

Allo Spazio Apollo 11 festeggeremo Paolo Villaggio, che fu attore, sceneggiatore, comico e scrittore. Ha raccontato cambiamenti, miserie e aspirazioni del nostro paese sia attraverso l’iperbole caustica del celebre ragionier Ugo Fantozzi, sia in numerosi altri scritti.
Tanti sono i neologismi e le invenzioni lessicali inventate da Villaggio che fanno ormai parte del nostro linguaggio quotidiano. Molto conosciamo già di lui, ma molto scopriremo in questa occasione di festa.

 

Circola voce che alla Festa Romana ci saranno: Elisabetta Villaggio, Mario Sesti, Arianna Ninchi, Pino Strabioli, Cristina Maccà, Daniela Mazzoli, Fabio Frizzi, Emanuele Salce, Roberto Moliterni, Victor Quadrelli, Giorgio Biferali, Diego Verdigiglio, Mario Chiari, Gianfranco Anzini, e altri ancora.

 

Una festa romana funziona così: alcuni lettori appassionati festeggiano qualcuno, generalmente uno scrittore, in altre feste un argomento. Si festeggia leggendo ad alta voce brani scelti dai libri che sono i primi che vengono in mente quando si ripensa al piacere avuto leggendo quei libri. Mettendo insieme i brani rimasti a ciascuno nel cuore, si genera il calore di una festa, con gran piacere di tutti. Chiunque può unirsi alla lettura, deve solo arrivare un po’ in anticipo all’Apollo11 avendo scelto un brano che, letto ad alta voce, duri al massimo 3 minuti.

in occasione della festa
ore 17.00

proiezione del film in presenza dell’autore

Alle 17,00 il film.
Alle 18,30 la festa. (Per la festa: ingresso con aperitivo 4 € + tessera associativa Apollo 11 – sottoscrivibile in loco)

 

15 febbraio 2020 “Jazz by Gatsby: Djazzvan Trio – Bossa, Choro, MPB” al Gatsby Cafè

15 febbraio 2020 – ore 22,00

Gatsby Cafè

Jazz by Gatsby: Djazzvan Trio – Bossa, Choro, MPB

Djazzvan project nasce circa due anni fa, dopo anni di silente e feconda gestazione, da un’idea di Marco Ricciardi (il cantante, chitarrista e arrangiatore del progetto) e dall’incontro di tre generazioni di musicisti dai percorsi artistici diversi e originali, accomunati però da una magnifica “consonanza” elettiva per la musica brasiliana e per l’improvvisazione vocale e strumentale.

Un progetto giovane con già all’attivo numerosi concerti in club e rassegne; un itinerario intimo, dalle sonorità acustiche, che rivisita i brani composti (o interpretati) dal cantautore brasiliano Djavan nella sua pluridecennale carriera, ma che allarga le sue perlustrazioni sonore nel repertorio di altri grandi autori della Bossa nova, del Choro e della MPB, come Jobim, Caetano Veloso, Ivan Lins, Pixinguinha, Cartola, ecc.

Marco Ricciardi: voce e chitarra.
Alberto D’Alfonso: flauto.
Umberto Vitiello: percussioni.

:: FREE ENTRY ::

14 febbraio 2020 “Un amore da collezione” a Palazzo Merulana

venerdì 14 febbraio 2020
PALAZZO MERULANA

Un amore da collezione. San Valentino a Palazzo Merulana

 

 Lasciatevi conquistare dalla storia d’amore di Elena e Claudio Cerasi: un percorso appassionato all’interno dell’arte Italiana del Novecento, attraverso le opere di artisti come Giacomo Balla, Mario Sironi, Duilio Cambellotti, Giorgio De Chirico, Fortunato Depero e Giuseppe Capogrossi.

Per festeggiare San Valentino, durante la tutta la giornata del 14 febbraio il biglietto d’accesso alla Collezione Cerasi e alla mostra Riscatti di Città vale doppio!

Inoltre la SlideDoor in collegamento con il Museo Archeologico Nazionale di Napoli presente nella Sala delle Sculture al pianoterra sarà occasione per incontrarsi, incrociare gli sguardi dei visitatori al di là della porta magica, scambiarsi frasi e citazioni a tema.

La collezione e la mostra sono visitabili dalle 10 alle 20, ultimo ingresso alle 19.
La Sala delle Sculture è a ingresso libero

Tariffe collezione + mostra:

Intero 10.00 €
Ridotto 8.00 €

Per la giornata di venerdì 14 febbraio 2020, un biglietto vale due ingressi.

14 – 20 febbraio 2020 “L’amore è sempre un altro Amore” Mostra collettiva al MuefArtGallery

14 – 20 febbraio 2020

MUEF ARTGALLERY

Mostra collettiva d’arte contemporanea

L’amore è sempre un altro Amore

A cura di: Roberta Sole e Francesco Giulio Farachi

Artisti partecipanti:
Gea Albanese, Giovanna Cataldo, Giuliana Cortese, Massimo D’Angelo, Marta Fabbri, Patrizia Langher, Ruggero Lenci, Marco Maggioni, Paola Martorelli, Valentina Mostracchio, Blanca Moreno de Barreda, Amelia Mutti, Viviana Pallotta, Massimo Petrucci, Marina Pierangelini, Magda Quesada Ordeig, Stefano Tagliati, Carmen Tubio, Aurea Vattuone, Paola Ventura.

Dal 14 al 20 febbraio il MUEF ArtGallery, in gemellaggio con l’associazione culturale Il Salotto di Diotima, è lieto di ospitare un’esposizione in cui 20 artisti con le loro opere affrontano uno dei temi fondamentali dell’esistenza, L’amore, che in un modo o nell’altro nella realtà risulta sempre differente dall’immagine ideale a cui, per indole carattere o fantasia, ognuno si ispira e aspira. Perché forse l’amore non è mai raggiunto e raggiungibile, è incontentabile, è sempre altro.

Durante il vernissage ci sarà l’intervento di musicisti e interpreti, verranno letti testi e poesie, si eseguiranno brani di recitazione e musicali, si improvviseranno e innescheranno riflessioni su questa perenne “alterità” dell’amore. Le opere esposte faranno da cornice e da detonatore alla rappresentazione. E viceversa.

Orari di apertura dal martedì al sabato 17.00 – 19.30
Altri orari su appuntamento
Ingresso gratuito
Vernice: venerdì, 14 febbraio 2020 – h. 17.30

Problemi, notizie ed altro del rione Esquilino di Roma

Simone Modica

Photography

ROMANISTA PER SEMPRE

La voce ai tifosi...

piazzavittorioaps

La tua Associazione di Promozione Sociale sul territorio

Aleteia.org - Italiano

Una rete cattolica mondiale per condividere risorse sulla fede con quanti cercano la verità

Et in Arcadia Ego

Sito informativo su Storia, Archeologia, Mitologia e Cultura antica.

www.retecivicaromana.it

Un gruppo aperto per la città del domani

Associazione di strada S.M. ai Monti » Languages » English

Problemi, notizie ed altro del rione Esquilino di Roma

Michelangelo Buonarroti è tornato

Non ce la fo' più a star zitto

esquilinochiamaroma.wordpress.com/

Un progetto urbano e di valorizzazione culturale del rione Esquilino

La cucina italiana "de noantre"

Cucina & divertirsi alla nostra età

Emergenza Cultura

In difesa dell'articolo 9

Generazione di archeologi

comunicare l'archeologia

La salvalibri

Perché la poesia fa muovere il mondo

archeoricette

#archeofoodblog #archeoblog #artblog #varieblog

L'Archipendolo

IL FILO A PIOMBO DELL'ARTE

Giovanni Pistolato

Blog letterario

ℓα ροєѕια ροяτα ℓοиταиο - ροєτяγ gοєѕ Ꮠαя αωαγ 🇮🇹

ตαɾcօ ѵαssҽllí's ճlօց բɾօต 2⃣0⃣0⃣6⃣ – թօաҽɾҽժ ճվ sαճíղα , lմժօѵícα cαɾαตís , αlҽxís ցհíժօղí , αղղα ցմαɾɾαíα, lαմɾα բօɾցíα, cαɾlօ ցօɾí, ցíմsվ ճɾҽscíαղíղí♥ Quattordicesimo anno ♥     

lepagineviaggianti

la lettura gira

Tarantelle Romane

La cultura è un evento

Simone Modica

Photography

ROMANISTA PER SEMPRE

La voce ai tifosi...

piazzavittorioaps

La tua Associazione di Promozione Sociale sul territorio

Aleteia.org - Italiano

Una rete cattolica mondiale per condividere risorse sulla fede con quanti cercano la verità

Et in Arcadia Ego

Sito informativo su Storia, Archeologia, Mitologia e Cultura antica.

www.retecivicaromana.it

Un gruppo aperto per la città del domani

Associazione di strada S.M. ai Monti » Languages » English

Problemi, notizie ed altro del rione Esquilino di Roma

Michelangelo Buonarroti è tornato

Non ce la fo' più a star zitto

esquilinochiamaroma.wordpress.com/

Un progetto urbano e di valorizzazione culturale del rione Esquilino

La cucina italiana "de noantre"

Cucina & divertirsi alla nostra età

Emergenza Cultura

In difesa dell'articolo 9

Generazione di archeologi

comunicare l'archeologia

La salvalibri

Perché la poesia fa muovere il mondo

archeoricette

#archeofoodblog #archeoblog #artblog #varieblog

L'Archipendolo

IL FILO A PIOMBO DELL'ARTE

Giovanni Pistolato

Blog letterario

ℓα ροєѕια ροяτα ℓοиταиο - ροєτяγ gοєѕ Ꮠαя αωαγ 🇮🇹

ตαɾcօ ѵαssҽllí's ճlօց բɾօต 2⃣0⃣0⃣6⃣ – թօաҽɾҽժ ճվ sαճíղα , lմժօѵícα cαɾαตís , αlҽxís ցհíժօղí , αղղα ցմαɾɾαíα, lαմɾα բօɾցíα, cαɾlօ ցօɾí, ցíմsվ ճɾҽscíαղíղí♥ Quattordicesimo anno ♥     

lepagineviaggianti

la lettura gira

Tarantelle Romane

La cultura è un evento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: